Debiti con Equitalia – Comunione e separazione dei beni

Mio marito ha contratto debiti con equitalia riguardo iva e inps: ho letto che gli anni di prescrizione sono 10. Possono aggredire anche me, sua moglie, se i debiti sono avvenuti prima della separazione dei beni?

Mentre per i debiti avvenuti dopo, io sarei tranquilla? Potrei intestarmi un’auto ad esempio, e loro non potrebbero toccarla?

Come possiamo fare a salvaguardare il suo conto in banca? non e’ proprio un conto ma una carta prepagata.

verdesperanza (e’ l’ultima a morire…)

La recente giurisprudenza è concorde nel ritenere che l’arricchimento derivante dall’omesso o insufficiente versamento delle imposte e dei contributi previdenziali debba essere ritenuto volto a soddisfare esigenze familiari. Per questo motivo sono inefficaci, nei confronti dei creditori per cui Equitalia agisce, il conferimento di immobili al fondo patrimoniale o il regime economico di separazione dei beni intervenuto dopo un periodo, più o meno lungo, di comunione.

E’ evidente, dunque, che le quote di beni in comproprietà (immobili e disponibilità in conto corrente), la cui origine non sia direttamente riconducibile, con onere di prova, a proventi di lavoro, a donazioni o ad eredità e che siano state acquisite durante il matrimonio, sono aggredibili da Equitalia per debiti assunti dall’altro coniuge.

Per quanto attiene il periodo che decorre dal momento in cui la comunione dei beni è stata trasformata in separazione è ancora onere del coniuge non debitore dimostrare che i beni in proprietà separata sono stati acquisiti con redditi da lavoro, in seguito ad eredità o a donazioni.

Dunque, lei può acquistare un veicolo, senza temere che possa essere disposto su di esso il fermo amministrativo, se è in grado di dimostrare che l’acquisto è stato perfezionato con risorse proprie e non attraverso trasferimento di denaro effettuato dal coniuge debitore, che, come abbiamo già precisato, è ritenuto essere, parzialmente o integralmente, frutto di un illecito arricchimento derivante dall’omesso o insufficiente pagamento di imposte, tributi e contributi, anche riconducibili esclusivamente ad attività professionale.

Con la separazione personale, giudiziale o omologata, invece, viene rescisso ogni legame economico fra i coniugi, dal momento che solo l’assegno di mantenimento e l’assetto patrimoniale, concordati o fissati dal giudice, restano a regolare i rapporti fra coniuge debitore e coniuge personalmente separato non debitore.

Naturalmente, il discorso fin qui sviluppato va opportunamente tarato: essendo chiaro che discutiamo solo di possibilità teoriche e che Equitalia, con la marea di debitori che deve perseguire, non si mette a spaccare il capello sulle transizioni fra regimi patrimoniali operate dai coniugi. Anche perchè si tratta di azioni giudiziali che per essere portate avanti richiedono tempo e danaro e vanno avviate solo quando si tratta di recuperare crediti ingenti. Ma, a domanda, cerchiamo di rispondere con la massima compiutezza.

Per finire, la tutela del conto corrente (o della carta ricaricabile con IBAN): l’unico escamotage per evitarne il pignoramento è estinguerlo o lasciarlo a secco e trasferire le risorse su un conto corrente intestato a terzi (non, ovviamente, al coniuge, in separazione di beni o personalmente separato), riservandosi delega ad operare e disporre su quel rapporto bancario o postale.

18 Marzo 2015 · Stefano Iambrenghi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Visita Equitalia in azienda per accertamento patrimoniale - separazione dei beni.
Sono dal 1998 fondatore e amministratore di una piccola società di informatica a conduzione famigliare (sas) e unico socio accomandatario lavorante (altri 2 soci accomandatari miei fratelli non lavoranti e un socio accomandante mio padre). Inizialmente avevo un debito con l'INPS che però ho rateizzato e sto pagando (DURC inps e inail regolari). L'azienda in questi 16 anni ha incamerato molti debiti e secondo un calcolo recente il mio debito personale ammonterebbe a circa 50.000/60.000 euro. Mi son sposato 10 anni fa in separazione dei beni. Mia moglie aveva già acquistato la casa a nome suo (e con il suo ...

Debito del coniuge (in comunione dei beni) con Invitalia e stipendio del coniuge non debitore
Nel 2000 mia moglie, per aprire un negozio di cartolibreria, poi chiuso 2 anni dopo l'apertura, chiese un prestito d'onore di circa 30 mila euro all'ex Sviluppo Italia (oggi Invitalia). Riuscì a pagare solo la prima rata (circa 900 euro) ma poi, per sua/nostra incapacità nel commercio, dovette chiudere. Non lasciò altri debiti (fornitori, Comune ecc) se non il prestito in oggetto. All'atto della chiusura tutto l'arredamento, e gran parte del materiale, fu messo nel deposito di un amico, poi in seguito a vari spostamenti sia gli arredi che il materiale è andato "disperso" fra amici e familiari. Circa 15 ...

Quali sono gli elementi di impignorabilità del conto corrente intestato al coniuge non debitore in comunione dei beni con il coniuge debitore?
Sono in comunione dei beni con mia moglie, la quale con l'attività che aveva ha contratto molti debiti. Ho un conto corrente intestato solo a me sul quale verserò una somma pari alla metà della vendita della nostra casa. Eventuali creditori, potrebbero aggredire anche il mio conto corrente oppure suddetto conto non rientra alle cose relative alla comunione dei beni? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Debiti con Equitalia – Comunione e separazione dei beni