Carta di credito emessa da banca spagnola – Possono bloccarne l’utilizzo irregolare in Italia?

Da poco sono rientrato in Italia dopo un periodo in Spagna, e purtroppo sono stato costretto ad utilizzare una carta di credito spagnola per questioni di sopravvivenza, che ora non riesco a pagare non avendo ancora trovato lavoro. L’importo di un migliaio di euro può portare a segnalazioni al CRIF e quindi bloccare eventuali richieste future da parte mia qui in Italia?

L’utilizzo della carta di credito può essere revocato (bloccato) direttamente dall’istituto che ne ha disposto l’emissione, secondo le proprie politiche di gestione del credito nonché in accordo con le clausole contrattuali sottoscritte relativamente alla soglia di sconfinamento a fronte di un eventuale fido accordato.

Certamente la banca estera, se opera nel mercato creditizio italiano e se è volontariamente aderente al Sistema Informativo Creditizio (SIC) gestito da EURISC CRIF, deve segnalare l’inadempimento relativo al mancato (o ritardato) rimborso delle somme impegnate in prelievi o transazioni effettuate con carte di credito classiche e revolving.

Così la banca estera, se opera nel mercato creditizio italiano, può segnalare la revoca della carta di credito per utilizzo irregolare nell’archivio della Centrale di Allarme Interbancaria (CAI), segmento carte di credito (archivio CARTER). La segnalazione non è obbligatoria.

La registrazione in CAI permane per 24 mesi dalla data di segnalazione, tuttavia ha esclusivamente valore informativo: ciascuna banca o finanziaria emittente può, quindi, autonomamente decidere se rilasciare o meno una nuova carta di credito ad un soggetto che risulta segnalato nell’archivio Carter della CAI.

4 Novembre 2017 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Iscrizione in CAI per irregolare utilizzo di carte di credito
Sia io che mio marito abbiamo saputo di essere iscritti in CAI per una carta di credito che non siamo più riusciti a pagare: l'importo totale dovrebbe essere di circa 3 mila euro, ma, leggendo alcuni articoli mi pare di aver capito che si viene iscritti per debiti superiori a 30 mila euro. Domanda 1) E' corretto? Domanda 2) qual è la differenza tra CAI e CRIF? Domanda 3) dopo quanto tempo si viene cancellati da CAI CRIF ecc, nel caso non si riuscisse mai a saldare il debito? Domanda 4) se ho un debito (che purtroppo per gravi problemi ...

Cr banca d'italia e crif - differenze
Quali sono le differenze tra Cr banca d'Italia e crif? Esempio dopo uno stralcio sullo stesso finanziamento risulta sofferenza-passaggio a perdita in Cr euro 4142 ad aprile 2015. Si legge che le norme prevedono l'interruzione della segnalazione ma non la cancellazione in crif mese dal quale i pagamenti sono regolari 04/15 altre segnalazioni da S si passa a U. Chiedo un esauriente chiarimento in merito. ...

Tempi segnalazione in Centrale Rischi dell Banca d'Italia
Un intermediario ha ceduto un credito in sofferenza con relativo passaggio a perdite: il cessionario, che aderisce al sistema della Centrale Rischi della Banca d'Italia, é tenuto alla segnalazione solo per il mese in cui é avvenuta la cessione oppure continuerá con le segnalazioni mensili praticamente a tempo indeterminato? C’é un limite temporale a tali segnalazioni e quali sono gli eventuali riferimenti normativi? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Carta di credito emessa da banca spagnola – Possono bloccarne l’utilizzo irregolare in Italia?