Danni all'immobile locato - Per ottenere il risarcimento dei danni subiti la strada maestra è quella di chiedere al giudice un Accertamento Tecnico Preventivo (ATP)

A settembre l'attuale inquilino lascerà, finalmente, l'immobile che anni fa gli concessi in locazione: l'appartamento è ridotto in condizioni fatiscenti e fra l'altro, alcuni mesi fa, ho dovuto anche risarcire il proprietario dell'immobile sottostante al mio, per infiltrazioni causate da un allagamento riconducibile al traboccamento di una piscina gonfiabile che era stata installata sulla balconata. Come devo procedere per chiedere il risarcimento dei danni subiti?

Con l'ordinanza 6596/2019 la Corte di cassazione ha ribadito che, qualora, in violazione dell'articolo 1590 del codice civile, al momento della riconsegna l'immobile locato presenti danni eccedenti il degrado dovuto a normale uso dello stesso, incombe al conduttore l'obbligo di risarcire tali danni, consistenti non solo nel costo delle opere necessarie per la rimessione in pristino, ma anche nel canone altrimenti dovuto per tutto il periodo necessario per l'esecuzione e il completamento di tali lavori, senza che, a quest'ultimo riguardo, il locatore sia tenuto a provare anche di aver ricevuto - da parte di terzi - richieste per la locazione, non soddisfatte a causa dei lavori.

In pratica, l'impossibilità del locatore di disporre della cosa locata per fatto imputabile al conduttore, a causa della necessità di riparare i danni provocati durante la locazione, integra anche il risarcimento del danno per tardiva riconsegna della cosa locata, ex articolo 1591 del codice civile.

E' stato, quindi, ribadito il principio secondo il quale, in caso di degrado dell'unità abitativa eccedente il suo normale utilizzo, il locatore ha diritto al risarcimento del danno, consistente sia nell'importo occorrente per l'esecuzione delle riparazioni necessarie per riparare i danni provocati dal conduttore, sia nel reddito da locazione non conseguito nel periodo di tempo necessario all'esecuzione dei lavori di riparazione.

L'articolo 696 del codice di procedura civile, infine, dispone che chi ha urgenza di far verificare, prima del giudizio, lo stato di luoghi o la qualità o la condizione di cose (i danni arrecati all'immobile affittato e riconsegnato) può chiedere al giudice che sia disposto, tramite un esperto da lui nominato, un Accertamento Tecnico Preventivo (ATP): nella fattispecie, obiettivo dell'ATP può essere quello di individuare gli interventi necessari a ripristinare lo stato dell'appartamento prima della locazione e quantificarne i costi.

14 agosto 2019 · Giorgio Martini

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

ATP - accertamento tecnico preventivo
contenzioso su contratto di locazione
risarcimento danni

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca