Dal recupero crediti a un silenzio inquietante...

Sono fortemente indebitato (oltre i 50 mila euro) da 2 anni con diverse finanziarie e da pochi mesi faccio dei lavori a partita Iva dopo un anno e mezzo di fermo.

Sono in affitto transitorio in una casa arredata con moglie e figlia a carico.
Sono residente dai miei (pensionati e in affitto)...
Dopo mesi di chiamate, neanche il recupero crediti si è più fatto vivo.
Ma è un silenzio inquietante... Cosa devo aspettarmi e cosa rischio ?
Vorrei tanto pagare i miei debiti, ma con il poco che guadagno pago l'affitto e poco altro, per il resto mi aiutano familiari e amici.
Oltretutto, ho anche debiti con Equitalia per qualche migliaio di euro.
Questo silenzio che significato ha ? Attendo lumi...
Grazie per il servizio che offrite, celere e competente.
Davide.

Capita, non di rado, che la società di recupero crediti adotti una politica realistica, autorizzando i propri funzionari a classificare il debito come non esigibile qualora ci si convinca che non c'è "trippa per gatti" e che qualsiasi azione esecutiva nei confronti del debitore si tradurrebbe in un mero esborso di capitale senza alcuna ragionevole probabilità di ritorno economico.

Ad ogni modo, qualora un creditore decidesse di perseguire le vie legali, deve adottare per legge procedure che garantiscano la notifica degli atti al debitore. Questo per dire che se il silenzio inquietante si tradurrà in una azione esecutiva, lei ne sarà messo al corrente.

4 aprile 2012 · Ludmilla Karadzic

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Dichiarazione redditi » Possibile opporsi al silenzio-rifiuto del rimborso anche prima dei quattro anni
Dichiarazione redditi: rimborso d'imposta con meno limiti. Il contribuente può adire il giudice tributario ai fini del rimborso del credito d'imposta riportato in dichiarazione redditi anche prima dello spirare del termine previsto dall'articolo 43 del D.P.R. n. 600/73, che fissa i termini per il potere accertativo. Questo, in sintesi, l'orientamento ...
Recupero crediti e cessione – il factoring
Il factoring è una figura negoziale di matrice anglosassone. Con questo termine, si vuole indicare un particolare tipo di contratto con il quale un soggetto (che si chiama cedente) si impegna a cedere tutti i crediti presenti e futuri scaturiti dalla propria attività imprenditoriale ad un altro soggetto (il factor) ...
Il mutuo affitto
Il mutuo affitto è un mutuo a tasso variabile rata costante e durata variabile. Il mutuo affitto è un contratto di prestito. Il mutuo affitto consiste nel trasferimento di una somma di denaro da un soggetto “mutuante” ad un soggetto “mutuatario” che si impegna a restituirlo secondo modalità concordate, dettagliatamente ...
Interpello - Obbligo di risposta entro 90 giorni e applicazione della regola del silenzio assenso
Nell'ambito delle deleghe fiscali conferite al governo dalla legge 23/14, sono stati approvati, con il decreto 83/15, alcuni importanti provvedimenti in materia di interpello. Il decreto, in coerenza con quanto disposto dalla legge delega, intende potenziare e razionalizzare l'istituto dell'interpello per dare ai contribuenti certezza circa i tempi di risposta ...
Siete indebitati e le società di recupero crediti vi perseguitano? Ecco come comportarsi
Ci riferiremo, tanto per fissare le idee, a debiti derivanti da acquisti effettuati avvalendosi di contratti di finanziamento per il così detto credito al consumo. La finanziaria, che non riesce a recuperare le somme erogate, non agisce direttamente contro il debitore. In genere non è organizzata, nè ha le competenze, ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca