Credito alimentare

Sono separato e divorziato 7 anni fa la mia ex moglie mi ha pignorato lo stipendio e denunciato per mancati alimenti per figlia minore. Il giudice aveva disposto che il pignoramento fosse in busta paga e il credito alimentare pure. Ora finito il pignoramento da oltre un anno mi trovo che il credito alientare in favore della figlia che tra l'altro è diventata maggiorenne e inoltre vive non più con la madre, ma con i miei genitori. Il credito alimentare continua prenderlo la mia ex. Avevo incaricato un avvocato tramite il giudice di revocare l'assegno che non prendesse la ex. Ora il giudice dice che si riserva e dobbiamo fare una conciliazione assistita ma mi chiedo cosa devo conciliare se gli e già stato chiesto dato, che solo le oltre che il giudice può mandare una lettera alla mia azienda e dire di non accreditagli più l'assegno?

Il giudice può ordinare che la questione a lui sottoposta sia oggetto di un tentativo di mediazione preventiva. L'obiettivo è quello di alleggerire i carichi di lavoro dei Tribunali.

Il giudice, nel caso da lei esposto, deve istruire la causa, presenziare alle udienze, ascoltare le parti, scrivere la sentenza. Si tratta del lavoro che sta tentando di evitare. Egli non è certamente chiamato ad inviare una semplice comunicazione al datore di lavoro.

Durante la fase di mediazione, il professionista incaricato esporrà alla sua ex consorte che l'assegno alimentare spettante alla figlia, ormai maggiorenne, non può essere corrisposto alla madre e proporrà la sottoscrizione di un accordo in base al quale il coniuge obbligato effettuerà un bonifico direttamente alla figlia beneficiaria.

L'accordo potrà essere opposto al datore di lavoro per le azioni conseguenti.

Qualora il coniuge divorziato, che attualmente fruisce in modo non legittimo dell'assegno alimentare, dovesse rifiutare l'accordo di mediazione, allora si ritornerà in Tribunale e la ex moglie si esporrà sicuramente anche al pagamento delle spese di giudizio per una sentenza che imporrà, comunque, al datore di lavoro, di dirottare l'assegno alimentare a sua figlia.

19 maggio 2015 · Giovanni Napoletano

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Credito alimentare ed assegno di mantenimento - Sono entrambi impignorabili
L'articolo 545 del codice di procedura civile dispone che non possono essere pignorati i crediti alimentari, tranne che per cause di alimenti, e sempre con l'autorizzazione del presidente del tribunale o di un giudice da lui delegato e per la parte dal medesimo determinata mediante decreto. Si ricorda inoltre che ...
Mantenimento » Figlia vive sola? Madre perde assegno e casa familiare
In tema di separazione, nel caso il figlio affidato andasse a vivere da solo, la madre affidataria perderebbe l'ex casa familiare e il mantenimento della ragazza corrisposto dall'ex coniuge obbligato. Questo importante principio è stato stabilito dalla Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 24510/2013, ha stabilito che: L'avvenuta ...
Assegno per il mantenimento della figlia minore - Il coniuge obbligato non può chiedere il rendiconto delle spese al coniuge affidatario
Quando, in sede di separazione personale dei coniugi, i figli siano stati affidati, con provvedimento presidenziale o con sentenza definitiva, ad uno dei coniugi, l'assegno posto a carico del coniuge non affidatario, quale suo concorso agli oneri economici derivanti dal mantenimento della prole, è determinato in misura forfettariamente proporzionata alle ...
La conciliazione » Ecco come contestare bollette di luce telefono e gas
Per risolvere le controversie relative a ipotetici abusi o discordanze sulle bollette di luce telefono o gas, è possibile, senza dover per forza attivare un giudizio in tribunale promuovere una conciliazione al fine di tentare una soluzione bonaria alla vertenza ed evitare gli ingenti costi di una causa, evitando anche ...
Pignoramento immobiliare dalla banca » Come liberare un singolo bene
Nell'ambito di una procedura di pignoramento, ad esempio immobiliare, già avvenuta è possibile liberare un singolo bene presente nell'abitazione, dietro pagamento? Come funziona questa procedura? Scopriamolo nel prosieguo dell'articolo. La legge consente al creditore di azionare il procedimento di esecuzione forzata per il recupero coattivo dei propri crediti, siano essi ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca