Costi nascosti tariffazione telefonia mobile - Come difendersi?

Molto spesso, e con diversi operatori di telefonia mobile, mi è capitato di sottoscrivere offerte a TOT al mese, e di ritrovarmi poi, dopo qualche tempo, a pagare quasi il doppio.

Il più delle volte, erano stati attivati, a mia insaputa, servizi non richiesti.

Altre volte, invece, servizi che sembravano gratis erano a pagamento.

Insomma, ogni volta pagavo di più essendo all'oscuro di tutto.

Come difendersi da questi costi nascosti e come avere più chiarezza?

Alcuni recenti report hanno messo in luce la poca trasparenza di Tim, Vodafone, Wind, Tre e Fastweb su servizi aggiuntivi non richiesti, imboscati nei contratti: le compagnie non contribuiscono affatto a chiarire le idee al consumatore.

Il catalogo dei costi extra-soglia è ampio.

Si va dall'ascolto della segreteria telefonica ai servizi ti ho cercato, dai costi di attivazione a quelli per rinnovare il proprio piano tariffario, al canone mensile per l'antivirus, tutti già attivati sulla sim al momento della sottoscrizione del contratto.

Nel caso in cui questi servizi non siano disattivati dal consumatore, il prezzo dell'offerta sottoscritta, a volte raddoppia.

Alcuni servizi possono essere successivamente bloccati, ma le disattivazioni sono macchinose (da effettuarsi al telefono con il servizio clienti, mai nei negozi, oppure attraverso il sito internet).

Inoltre, non sempre l'utente ha piena consapevolezza di usufruire di un servizio a pagamento: conseguenza di ciò è la detrazione di soldi dal credito del cellulare che non può che sorprendere il suo proprietario, ignaro del costo nascosto.

Dunque, come detto, pochi sforzi, se non nulli, per adeguare la proposta alle esigenze del cliente, tanti per occultare i costi dei servizi attivati preventivamente sulle sim, lasciando l'utente alla propria esperienza e al proprio credito residuo.

Nel frattempo che le indagini eseguite vengano esposte ad Agcom ed Antitrust, è bene contattare un'associazione dei consumatori per esporre il problema.

26 febbraio 2018 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore - telefonia internet e pay tv

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Operatori telefonici e tariffazione » Breve prontuario per il consumatore
Smartphone, tablet e e telefonia di ultima generazione sono strumenti che ormai fanno parte della vita quotidiana di tutti i consumatori italiani: vi insegniamo come trovare le tariffe e gli operatori più vantaggiosi per poter risparmiare. Siete in procinto di cambiare operatore telefonico o semplicemente il piano tariffario per il ...
Tassa di concessione governativa per il contratto di abbonamento fra utente di apparato terminale e fornitore di servizi di telefonia mobile
La tassa di concessione governativa non si applica alle apparecchiature terminali per il servizio radiomobile terrestre, bensì ai contratti di abbonamento sottoscritti per l'uso di tali apparecchiature: ne consegue che una siffatta imposizione non interferisce con la vendita di dette apparecchiature terminali, che possono essere vendute senza obbligo di sottoscrivere ...
Difendersi in Tribunale senza legale » Quando e come è possibile
Nel nostro Paese, per poter effettuare una causa davanti a un qualsiasi Tribunale l'assistenza di un legale iscritto all'albo è obbligatoria. Solo d'innanzi al Giudice di Pace è possibile stare in giudizio personalmente, ma ci sono dei limiti e dei parametri da rispettare. Faremo chiarezza nel proseguo dell'articolo. Per potersi ...
Costi extra per acquisti online tramite carta di credito » Arriva l'alt dell'Autorità garante della concorrenza e del mercato
No ai costi extra quando si effettuano acquisti sul web tramite carte di credito: con un recente provvedimento, infatti, è arrivato lo stop, per questa pratica, da parte dell'Agcm (autorità garante della concorrenza e del mercato). Stop ai costi «extra» per gli acquisti online se si usa la carta di ...
Recupero crediti » Come difendersi dagli abusi e dalle scorrettezze?
Stanno aumentando, nel nostro Paese, sempre di più le denunce contro le agenzie di recupero crediti che praticano lo stalking creditizio: ovvero abusi e scorrettezze verso il debitore per il recupero delle somme insolute. In questo articolo, vi spieghiamo come difendersi. Siamo, da un bel pò , purtroppo, in tempo di ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca