Proposta d'acquisto non andata a buon fine e problemi con agenzia immobiliare - cosa fare?

Ho redatto una proposta di acquisto con indicato importo del mutuo richiesto e la dicitura salvo approvazione mutuo. Consegno assegno come caparra alla proposta. Il proprietario accetta.

La pratica mi è stata seguita in toto dall'agenzia immobiliare con i suoi consulenti (altrimenti avrei potuto avere problemi, naturalmente eseguo prima della proposta una consulenza sul mutuo presso l'agenzia e con loro concordiamo il da farsi).

Mi viene approvato il mutuo. L'agenzia mi chiede un anticipo sul suo onorario, che verso, e mi da appuntamento per il rogito. Il giorno prima del rogito, l'agenzia mi chiama e mi informa che la perizia all'immobile da parte della banca è stata molto più bassa del mutuo richiesto. A questo punto sono impossibilitato all'acquisto.

Il propietario mi restituisce la caparra. L'agenzia inizialmente mi restituisce una parte dell'onorario, poi decide di trattenere il restante a titolo di risarcimento (a suo dire la mediazione era conclusa) ed emette fattura. E' corretto che l'agenzia non vuole restituirmi l'anticipo versato?

Voglio riconoscergli qualcosa ma no la cifra versata (70% dell'onorario).

La proposta d'acquisto, a differenza del compromesso, impegna solo la parte che l'ha firmata. Si tratta, di solito, di un modulo prestampato fornito dall'agenzia immobiliare e rappresenta la dichiarazione dell'acquirente (promissario) di voler acquistare un certo bene a un certo prezzo.

Accade spesso che, dopo la firma della proposta, l'acquirente si renda conto che il termine di pagamento del prezzo non coincide con il termine di finanziamento della banca; oppure il finanziamento erogato non copre il costo del bene da acquistare.

Per questo motivo, quando si perfeziona una proposta d'acquisto è bene includere clausole rescissorie a fronte di determinati eventi ostativi alla conclusione del contratto e si specifica anche come l'evento in questione debba essere documentato, laddove esso si verifichi.

Altrimenti, a fronte dell'accettazione da parte del venditore della proposta d'acquisto, l'acquirente, che non può far fronte all'impegno assunto, è obbligato a versare il doppio della caparra.

Nel caso riportato dal lettore, l'indicazione nel modulo dell'importo del mutuo richiesto e la dicitura "salvo approvazione mutuo", chiariscono, inequivocabilmente, che la proposta d'acquisto era condizionata non solo dall'approvazione del mutuo, ma dall'erogazione da parte della banca di uno specifico importo.

Sussistono, pertanto, senza ombra di dubbio, tutti gli elementi per invalidare la proposta d'acquisto. E, prova evidente ne è che il venditore ha restituito la caparra.

Ne consegue che all'agenzia immobiliare è dovuto esclusivamente il corrispettivo per la consulenza fornita e nessun risarcimento danni, dal momento che la mediazione non è stata conclusa per cause indipendenti dalla volontà del promissario acquirente e, comunque, previste esplicitamente nella proposta d'acquisto.

Cosa fare? Purtroppo, non resta altro da fare che affidarsi ad un legale per richiedere all'agenzia immobiliare la restituzione di quanto indebitamente trattenuto a titolo di risarcimento danni.

20 gennaio 2015 · Carla Benvenuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

proposta d'acquisto e preliminare di vendita immobiliare

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Tfr » Quando è possibile richiederlo anticipatamente?
Alla fine del rapporto di lavoro il lavoratore ha diritto ad una somma di denaro, detta trattamento di fine rapporto (TFR) e comunemente nota come liquidazione. Tuttavia, in alcuni casi, il lavoratore che abbia almeno otto anni di servizio presso lo stesso datore di lavoro può ottenere, una sola volta ...
Il pagamento del debito con assegno non circolare spedito al creditore estingue l'obbligazione salvo buon fine
L'assegno bancario o postale inviato tempestivamente al creditore e avente ad oggetto un importo corrispondente alle somme capitali e ai relativi interessi come dovute all'epoca del pagamento, costituisce, secondo la più recente giurisprudenza di legittimità, idoneo modo di estinguere l'obbligazione, senza che occorra un preventivo accordo tra le parti. Peraltro, ...
Ipoteca sulla casa a fine mutuo » Accertamenti sulla cancellazione gratis attraverso il web
Stop dell'ipoteca della banca a fine mutuo: a partire dall'8 luglio 2016 è possibile effettuare la verifica online, del tutto gratuitamente. Verificare direttamente su internet la cancellazione dell'ipoteca sul proprio immobile, è possibile. A partire dall'8 luglio 2016, infatti, tramite i canali dell'Agenzia Fisconline e Entratel, chi ha estinto un ...
Agenzia delle Entrate » Per i rimborsi fiscali i contribuenti sono invitati a fornire l'IBAN
I contribuenti interessati a ricevere i rimborsi fiscali da parte dell'Agenzia delle Entrate e in particolare i contribuenti che nel 2014 non hanno più un proprio sostituto di imposta sono stati invitati dalla massima autorità fiscale a fornire le proprie coordinate bancarie al fine di ricevere l'accredito di quanto dovuto ...
Azione revocatoria ordinaria - Può essere proposta anche a tutela di una legittima aspettativa di credito (credito litigioso)
È principio consolidato che l'azione revocatoria possa essere proposta non solo a tutela di un credito certo, liquido ed esigibile, ma, in coerenza con la sua funzione di conservazione dell'integrità del patrimonio del debitore, anche a tutela di una legittima aspettativa di credito. Avendo, infatti, il codice civile (con l'articolo ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca