L’esistenza di una fideiussione non conferisce al debitore principale inadempiente l’immunità dall’iscrizione in centrale rischi


Mi e’ stato concesso un finanziamento da una banca con garanzia di un ente regionale che copriva fino all’80% dell’importo ma, nel momento in cui non mi e’ stato più possibile rimborsare il debito per ragioni oggettive la banca ha ignorato la garanzia prestata e mi ha iscritto nel registro dei cattivi pagatori. E’ un comportamento corretto quello della banca Il mio orientamento e’ quello di chiedere un arbitrato per ottenere la cancellazione del mio nominativo dalla centrale rischi. Ho secondo voi delle valide ragioni da far valere?

L’esistenza di un fideiussore (garante) non esclude che il debitore inadempiente possa essere censito in una centrale rischi qualora si dimostrasse inadempiente. Anzi, insieme al debitore in centrale rischi ci finisce pure il garante.

Non ha alcun fondato motivo per eccepire l’illegittimità dell’iscrizione nel registro dei cattivi pagatori.

19 Gennaio 2019 · Ornella De Bellis



Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic L’esistenza di una fideiussione non conferisce al debitore principale inadempiente l’immunità dall’iscrizione in centrale rischi