Copia movimenti vecchi dalla banca

buongiorno, ho richiesto oggi una verifica da parte della mia banca su 8 bonifici effettuati dal conto corrente dall'anno 2007 all'anno 2010, senza chiedere alcuna stampa, ma solo una verifica dell'importo se è stato effettuato. Risposta: non è possibile, nel terminale si può andare indietro solo fino a ottobre 2010, e nel caso io necessito mi devo far fare una copia dell'estratto conto relativo ai mesi a me interessati, al modico prezzo di euro 11,50 a PAGINA. Ho dovuto rinunciare perchè la stampa oltrettutto non è fatta solo per la data che a me potrebbe interessare, ma di tutte le pagine. UN FURTO DIREI.... Chiedo.... è possibile che possano chiedermi tanti soldi? Per avere ciò che chiedevo c'è alternativa? Posso far valere la mia richiesta alla banca? E' possibile che alla cassa non vedevano nel terminale i movimenti degli anni passati? Un'altra banca, è andata indietro dal 2005 e mi ha stampato ciò che richiedevo senza chiedermi nulla (movimento di uscita verso quel cliente).

L'Arbitro bancario Finanziario è nato per raccogliere anche segnalazioni su questi comportamenti scorretti nei confronti degli utenti di servizi bancari e finanziari.

La segnalazione è semplicissima, può essere inoltrata per posta, non c'è bisogno di avvocato e, fino ad ora, l'ABF non ha mai deluso le giuste aspettative.

Prima deve, però, presentare un reclamo alla banca ed attendere la risposta per almeno trenta giorni.

18 maggio 2012 · Ludmilla Karadzic

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Non è possibile chiudere un conto corrente se è utilizzato per il pagamento delle rate di un prestito concesso dalla stessa banca
Abbiamo già avuto modo di vedere, in altri articoli, che è illegittimo il rifiuto della banca alla chiusura del conto corrente motivandolo con l'esistenza di un saldo negativo, dal momento che la giurisprudenza ha evidenziato che il diritto di recesso dai contratti a tempo indeterminato è riconosciuto al correntista ai ...
Tempestività del recesso dal contratto di conto corrente - La banca non deve far gravare sul cliente inutili spese di gestione
Il riconoscimento del diritto di recesso dal rapporto di conto corrente a tempo indeterminato impone di per sé che l'interesse del correntista recedente non sia inutilmente frustrato dalla banca, la quale deve porre in essere un comportamento attivo, al fine di rendere possibile l'esercizio di tale diritto secondo modalità rapide ...
Assegno rubato » La banca è responsabile se non lo comunica al cliente
È responsabile la banca se ha informato con ritardo il cliente riguardo ad un assegno rubato. E'quanto emerge dalla sentenza 14838/13 della prima sezione civile della Corte suprema. Quelli che seguono, i fatti. Tizo versa un assegno sul proprio conto corrente in banca. La banca N (negoziatrice) glielo accredita. L'assegno ...
Prestito negato e merito creditizio - La banca deve fornire motivazioni al cliente a cui nega il finanziamento
Qualora la banca, nell'ambito della propria autonomia gestionale, decida di non accettare una richiesta di finanziamento, è necessario che fornisca riscontro con sollecitudine al cliente; nell'occasione, anche al fine di salvaguardare la relazione con il cliente, andrà verificata la possibilità di fornire indicazioni generali sulle valutazioni che hanno indotto a ...
Assegno » Cosa è il benefondi e cosa accade se l'informazione fornita dalla banca si rivela errata
Per "benefondi" si intende la prassi interbancaria di richiedere e dare conferma circa l'esistenza di una sufficiente provvista in relazione al pagamento di un assegno in conto corrente. Trattandosi di accertamento informale, il benefondi non può essere invocato allo scopo di farne discendere un obbligo immediato di accreditamento sul conto ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca