Contributi INPS commercianti collaboratori familiari

Vi espongo il mio caso: io titolare di una srl (come unico socio) non lavorante nella società (negozio di ottica), lavorante mia moglie. Un giorno si prsentano due ispettori dell'INPS constatando la non presenza mia sul posto di lavoro e la presenza di un collaboratore familiare coniuge (quindi non un dipendente).

Non ci viene contestato alcun illecito in quanto, dicono gli ispettori, la figura del collaboratore familiare non era prevista ai fini contributivi inps fino a quel momento, si limitano a iscrivere mia moglie al registro commercianti inps richiedendo però gli arretrati di 5 anni per un totale di circa 30.000 euro.

La mia domanda è questa: è lecito ed in ogni caso è appellabile attribuire effetto retroattivo ai contributi per una categoria contributiva che prima non esisteva?

Si tratta di un accertamento a seguito di attività ispettiva dell'INPS.

Viene chiesto quello che può essere chiesto: cioè gli ultimi cinque anni di contributi previdenziali evasi, ovviamente gravati da sanzioni civili ed interessi di mora.

Non mi soffermerei troppo sulle affermazioni degli ispettori, tenuto anche conto delle distorsioni spesso insite nella comunicazione verbale.

Per i Coadiutori (o collaboratori) familiari (parenti e affini entro il 3° grado), all'iscrizione automatica del titolare segue l'invito scritto dell'Inps a regolarizzare eventuali collaboratori familiari presentando relativa domanda di iscrizione alla Gestione Previdenziale dei Commercianti (All. n. 1 circ. n. 39/2004).

In pratica, posto che i requisiti per il sorgere dell'obbligo contributivo in caso di esercizio di attività commerciale sono l'abitualità e la prevalenza, si dà per presupposto che questi vi siano nel caso di apertura di impresa individuale; mentre si sollecita,con un invito scritto, la valutazione dell'esistenza dell'abitualità e della prevalenza nel caso di collaboratori familiari e di soci di imprese commerciali.

Non sempre ciò avviene. E, quando avviene, non sempre la regolarizzazione contributiva dei collaboratori familiari avviene spontaneamente da parte del titolare. L'INPS fa allora ricorso ad una attività ispettiva.

In ogni caso l'Inps conserva la potestà decisoria sulla iscrivibilità del contribuente e, pertanto, la iscrizione si perfeziona soltanto a seguito del provvedimento emesso dall'Istituto.

Contro il provvedimento di iscrizione è possibile far ricorso, entro 90 giorni dalla notifica, al Comitato Amministratore della Gestione Esercenti attività commerciale.

15 aprile 2012 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

contributi inps

Approfondimenti e integrazioni dal blog

IRAP - L'impiego di un collaboratore nell'impresa familiare può determinare l'assoggettamento all'imposta
In riferimento all'obbligo di corrispondere l'IRAP, il requisito dell'autonoma organizzazione ricorre quando il contribuente risulta, sotto qualsiasi forma, il responsabile dell'organizzazione e non sia, quindi, inserito in strutture organizzative riferibili ad altrui responsabilità ed interesse. Oppure quando, pur in assenza di organizzazione, il contribuente titolare impiega beni strumentali eccedenti il ...
Contributi INPS per collaboratori di impresa familiare - dovuti solo per chi presta attività regolare e costante
La consolidata giurisprudenza indica che, per quanto riguarda il valore ai fini probatori della natura del rapporto come autonomo o subordinato, il termine giuridico utilizzato per definire il rapporto dalle parti (ovvero la qualificazione data nell'atto notarile al rapporto instaurato tra i componenti della famiglia ed attraverso la dichiarazione dei ...
Regime transitorio di prescrizione per crediti contributivi INPS
Ove una nuova legge stabilisca un termine di prescrizione più breve di quello fissato dalla legge anteriore, il nuovo termine si applica anche alle prescrizioni in corso, ma decorre dalla data di entrata in vigore della legge che ne ha disposto l'abbreviazione e, naturalmente, questo principio si applica solo alle ...
Prescrizione per i contributi INPS dovuti e non versati
La prescrizione è un evento estintivo del diritto di versare/recuperare i contributi, legato al decorso di un periodo di tempo determinato dalla legge. Entro il termine di prescrizione i contributi non versati possono essere validamente: pagati con regolarizzazione da parte del datore di lavoro (lavoro dipendente), o del lavoratore stesso ...
Assegno per il nucleo familiare - prescrizione
Dalla Circolare Inps numero 110/1992, possiamo rilevare i termini di prescrizione per poter fruire di un assegno familiare. Il diritto del lavoratore a percepire un assegno familiare si prescrive nel termine di cinque anni. Il termine di prescrizione decorre dal primo giorno del mese successivo a quello nel quale è ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca