Contratto di locazione trimestrale – Va registrato?


Ho stipulato un contratto di locazione abitativa della durata di tre mesi con il padrone di casa: deve essere registrato e chi deve adempiere io o lui?

Tutti i contratti di locazione devono essere obbligatoriamente registrati dall’affittuario (conduttore) o dal proprietario (locatore) qualunque sia l’ammontare del canone pattuito.

Non c’è obbligo di registrazione solo per i contratti che non superano i 30 giorni complessivi nell’anno. La registrazione dei contratti di locazione deve avvenire entro 30 giorni dalla data di stipula o dalla sua decorrenza, se anteriore.

La registrazione del contratto di affitto è si un passaggio burocratico necessario, ma è vero anche che apporta dei vantaggi ad entrambi i contraenti:

Va ricordato che la registrazione del contratto di locazione consente il riconoscimento dei benefici fiscali per proprietari ed inquilini: innanzitutto, trattandosi di un contratto obbligatorio la sua registrazione fa venir meno l’eventualità di una sanzione; inoltre, il conduttore che ne ha diritto in base al reddito percepito, può detrarre un importo forfetario – le spese derivanti dalla locazione nella sua dichiarazione dei redditi; il locatore, d’altra parte, può ottenere benefici dall’adempimento utilizzando la modalità di tassazione, per i redditi da locazione, della cedolare secca e se ne ha i requisiti e può anche chiedere un parziale rimborso (il 50%, fino ad un massimo di 1.200 euro) per la riduzione del canone di locazione eventualmente concessa nel 2021 all’inquilino in difficoltà per l’emergenza Coronavirus.

27 Giugno 2021 · Annapaola Ferri



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Contratto di locazione trimestrale – Va registrato?