Contrassegno assicurativo autentico in corso di validità alla data del sinistro – Ma la compagnia di assicurazione eccepisce che il premio non è stato pagato e mi invita a rivolgermi al Fondo di Garanzia Vittime della Strada (FGVS)

Tre mesi fa, mentre passeggiavo sul marciapiede, sono stato investito da un veicolo, riportando lesioni certificate dai sanitari del pronto soccorso. Il conducente del veicolo, che ha causato il sinistro, mi ha fornito, ed io ho rilevato, i dati del certificato di polizza RCA rilasciato dalla compagnia di assicurazione: si trattava di polizza RCA temporanea (cinque giorni), valida al momento dell’incidente.

Ho chiesto il risarcimento dei danni, ma la compagnia di assicurazione mi ha risposto che il contratto stipulato dal responsabile del sinistro risultava inefficace, dal momento che il premio non risultava pagato, consigliandomi di rivolgermi al Fondo CONSAP di garanzia per le vittime della strada.

Vorrei sapere se il comportamento della società assicuratrice è stato corretto oppure se mi conviene rivolgermi ad un avvocato

L’articolo 127 del Codice delle assicurazioni stabilisce che il rilascio di contrassegno assicurativo da parte della compagnia RCA la vincola a risarcire i danni da circolazione del veicolo anche se il contratto assicurativo è inefficace, perché nei confronti del danneggiato rileva l’autenticità del contrassegno, non la validità del rapporto assicurativo, come, peraltro, riconosciuto da numerose sentenze della giurisprudenza di legittimità (ultima, sentenza Corte di cassazione 14891/2019).

In ogni caso, le condizioni generali e speciali della polizza, qualunque esse siano, avrebbero valenza ed efficacia soltanto tra i contraenti, e, pertanto, non sarebbero opponibili al terzo danneggiato.

Infatti, nei contratti per la responsabilità civile auto (RCA) è sempre prevista, tra l’altro, la rivalsa della compagnia nei confronti del contraente, del proprietario della vettura e, alla bisogna, dei loro eredi per le somme che l’assicurazione abbia dovuto pagare al terzo danneggiato in conseguenza all’inopponibilità di eventuali eccezioni previste nelle condizioni di polizza.

Ciò che conta è che, anche in vigenza di contratto assicurativo di cinque giorni per vendita, prova, collaudo dimostrazione, una volta che siano stati rilasciati certificato e contrassegno di assicurazione, ai fini dell’azione diretta verso l’assicuratore da parte del terzo danneggiato, vale soltanto la loro autenticità, e non la validità del rapporto assicurativo.

Concludendo, le suggeriamo di rivolgersi senz’altro, e al più presto, ad un avvocato.

24 Agosto 2019 · Giuseppe Pennuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Tardivo pagamento della seconda rata del premio relativo alla polizza annuale RC auto dopo la scadenza del periodo di tolleranza quindicinale - Le conseguenze
Sono stato vittima di un sinistro stradale: il conducente responsabile dell'incidente che ha causato il danno alla mia vettura, ha riconosciuto la colpa ed insieme abbiamo compilato e sottoscritto il modulo di constatazione amichevole. Mi sono rivolto, allora, alla mia compagnia di assicurazione per ottenere l'indennizzo diretto, ma mi è stato risposto che il conducente del veicolo che ha causato il sinistro era privo di copertura assicurativa, avendo pagato la seconda rata semestrale della polizza per la responsabilità civile del proprio veicolo dopo due giorni dalla scadenza del periodo quindicinale di tolleranza, in orario antecedente il verificarsi del tamponamento, ma, ...

Rc auto e bonus malus - Quanto ci costa in termini di premio assicurativo un sinistro con colpa?
A causa di una distrazione ho involontariamente tamponato un veicolo fermo al semaforo: è stato redatto un cid ed ora la mia assicurazione, con la quale ho stipulato un contratto rc auto, penserà al risarcimento per la controparte. Quanto mi costerà tutto ciò in termini di premio annuale? ...

Sinistro stradale causato da veicolo non identificato - La denuncia all'Auorità non è prerequisito per ottenere il risarcimento da parte dell'impresa designata per conto del Fondo di garanzia vittime della strada (FGVS)
Nel caso di sinistro stradale causato da veicolo non identificato, l'omessa denuncia dell'accaduto all'autorità di polizia od inquirente non è sufficiente, in sé, a rigettare la domanda di risarcimento proposta, nei confronti dell'impresa designata dal Fondo di Garanzia per le vittime della strada. Allo stesso modo, la presentazione di denuncia o querela contro ignoti non vale, in sé stessa, a dimostrare che il sinistro sia senz'altro accaduto. Entrambe le suddette circostanze possono, al più, costituire meri indizi dell'effettivo avveramento del sinistro. Dunque, la vittima di un sinistro stradale causato da un veicolo non identificato non ha alcun obbligo, per ottenere ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Contrassegno assicurativo autentico in corso di validità alla data del sinistro – Ma la compagnia di assicurazione eccepisce che il premio non è stato pagato e mi invita a rivolgermi al Fondo di Garanzia Vittime della Strada (FGVS)