Conto corrente presso filiale in Francia di Istituto di credito e per il quale mi è stata negata la chiusura

Argomenti correlati:

Ho lavorato per un paio d’anni in Francia dove avevo aperto un conto per farmi accreditare lo stipendio. Alla fine della mia esperienza francese ho deciso di chiudere il conto che avevo lì. Dal momento che in filiale si sono rifiutati di chiudermi il conto, ho inviato, come da procedura, una raccomandata con ricevuta di ritorno con la richiesta ufficiale di chiusura conto. Nonostante la ricevuta di ritorno (con tanto di timbro della banca) la banca non ha mai portato a termine la procedura richiesta. Ho inviato alcune e-mail per chiedere informazioni ma non mi è stato mai risposto. Stanco del loro ostruzionismo ho trasferito tutti i soldi che avevo sul mio conto italiano. La banca francese ha poi continuato ad addebitarmi le spese di gestione conto (nonostante la raccomandata inviata) e il mio conto è finalmente andato in rosso. Trovo tutto ciò assurdo ma mi chiedo se possano effettivamente perseguirmi qui in Italia. Cosa rischio?

Nella filiale della banca transalpina dovrebbero averle almeno indicato un motivo, anche se pretestuoso, per negare la chiusura del rapporto di conto corrente, mentre per dar corso ad una richiesta di chiusura del conto corrente via posta, di solito, è necessaria anche l’allegazione di una copia del documento di identità e/o del codice fiscale.

Comunque, in linea teorica, la banca francese potrebbe avvalersi della procedura finalizzata ad ottenere una ingiunzione di pagamento europea per controversie di modesta entità, potrebbe rivolgersi ad uno studio legale di diritto italiano per chiedere un decreto ingiuntivo nazionale oppure, semplicemente, affidarsi ad una società di recupero crediti per esigere quanto ritiene dovutole in via stragiudiziale.

Esclusa l’ultima fattispecie, in cui basterà contrastare l’invadenza degli addetti al recupero crediti e negare qualsiasi volontà di accordo transattivo, nei primi due casi sarà costretto ad opporsi al provvedimento giudiziale di ingiunzione presentando opposizione fondata sulla richiesta, rimasta inevasa, di chiusura del conto corrente.

27 Dicembre 2018 · Simonetta Folliero

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Negata la chiusura di un conto corrente in rosso
Dopo 2 anni in cui la banca Cariparma non si è mai fatta viva in nessun modo (telefonate o lettere) ho ricevuto tramite raccomandata una costituzione in mora. Il conto era stato aperto per una società che non è decollata. Inizialmente sul conto sono stati fatti dei movimenti, ma una volta finiti i soldi e per una serie di motivi il conto è stato completamente dimenticato. Ora mi trovo con un debito di 513 euro, derivato esclusivamente da tenuta conto (2017 fino a luglio 2018) e bolli. A me sembrano un po' eccessivi. Oltre alla richiesta di chiusura che mi ...

Chiusura conto corrente in rosso negata dalla banca - Qual è la procedura per adire l'Arbitro Bancario Finanziario?
Torno ancora a chiedervi informazioni riguardo a questo argomento: nel conto corrente bancario ho un fido di 2 mila e 500 euro e una carta con un credito massimo disponibile di 2 mila e 700 euro, entrambi impegnati integralmente. Ho chiesto alla banca che, viste le difficoltà economiche venisse rateizzato, la quale ora, dopo oltre 20 giorni dalla richiesta, mi comunica che non è possibile e mi tiene il conto bloccato dove non passano nè bollette nè mutuo. (Prima mi fa credere di si, e mi fa spendere ulteriori soldi in marche da bollo). Allora io chiedo oggi, la possibilità ...

Negata apertura conto corrente - Cosa posso fare?
Sono un piccolo imprenditore, ho avuto diverse problematiche in seguito alla crisi, però ora sono quasi tutte in risoluzione positiva, ciò nonostante nessuna banca ne tantomeno la posta mi apre un conto corrente, perchè a loro dire, vi è una segnalazione nella centarale rischi: la cosa mi mette in notevole difficoltà, sia per la gestione dell'attività sia per il pagamento degli stipendi al personale, tanto più che ora sono obbligatori metodi tracciabili. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Conto corrente presso filiale in Francia di Istituto di credito e per il quale mi è stata negata la chiusura