Conto e residenza all'estero

Buongiorno,

Mi chiamo Davide, fino all’anno scorso ero in società con mia moglie e abbiamo portato avanti la nostra attività per 6 anni circa.

Nel 2009 (marzo) abbiamo avuto un controllo dell’agenzia dell’entrate.

Ora sono arrivate alcune sanzioni. Non si tratta di cifre impossibili, ma visto che riteniamo di essere nel giusto faremo ricorso e vedremo come va a finire.

Intanto ho avuto un’offerta per un ottimo lavoro all’estero che richiederebbe la nostra (mia e di mia moglie) residenza per tutto l’anno in quel paese.

A questo punto vogliamo vendere la nostra casa e trasferirci. Visto che il ricorso all’agenzia delle entrate andrà per le lunghe vorrei sapere se un giorno che avrò un conto e la residenza all’estero potrei avere sorprese su quel conto (estero) o se fosse impossibile mandarmi quei soldi dall’Italia.

Se il ricorso andasse male sarei intenzionato a pagare, ma non vorrei trovare sorprese sul conto all’estero o trovarmi nell’impossibilità di portare i soldi della vendita all’estero.

Deve scegliersi con cura il paese dove chiedere ospitalità per le vessazioni subite dal fisco. Conosco persone che potrebbero aiutarla più di me, ma non credo che le risponderanno mai.

Io posso solo suggerirle di visitare il sito del ministero degli esteri.

Troverà sicuramente documenti che trattano delle convenzioni bilaterali in essere con paesi esteri e dell’assistenza che, in base ai trattati, essi sono obbligati a fornire in materia di notifica degli atti, rogatoria ed eventuali azioni esecutive.

2 Dicembre 2011 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Quali i rischi si corrono nel trasferire liquidità da un conto corrente ad un altro in odore di pignoramento?
Ho un conto corrente in Italia, a rischio pignoramento da parte di Agenzia delle Entrate-Riscossione (ADER), ed un conto corrente all'estero: dovrei effettuare un bonifico dall'estero sul conto corrente italiano (il conto corrente di destinazione deve essere necessariamente a mio nome) per poi riversare subito, altrove, i soldi rimpatriati. Da quanto ho letto, può capitare che la banca italiana congeli il saldo di conto corrente prima che io ne sia messa a conoscenza. Inoltre, mi sembra di aver capito che dopo il pignoramento i soldi del bonifico verso il conto corrente italiano, in caso di avvenuto pignoramento di quest'ultimo, resterebbero ...

Cambio di residenza e debiti
Sono sposato con mia moglie da 4 anni, fino ad oggi lei ha fatto residenza a casa dei suoi e io dai miei. Ora viviamo in una casa intestata a me e alla mia famiglia e con un bebè in arrivo vorremmo farci la residenza in questa casa. Prima di procedere però ho il problema che mia moglie avendo un'attività commerciale ha qualche debito con equitalia circa 15000 euro e ho paura che qualcuno venga a pignorare i beni della mia casa. Naturalmente non riesco a dimostrare di averli acquistati io. C'è qualcosa che posso fare prima di far cambiare ...

Pignoramento beni presso residenza debitore in caso di sua irreperibilità
Mio fratello ha contratto un debito con il proprietario di una casa presso il quale era affittuario un anno fa. Al momento mio fratello vive all'estero (ne ignoriamo il luogo), tuttavia risulta ancora residente in casa nostra. Qualche giorno fa è arrivato un atto di precetto col quale il proprietario della casa ove mio fratello ha vissuto intima di pagare una certa somma entro dieci giorni dalla notifica dell'atto, pena l'esecuzione forzata (che immagino consista in un pignoramento). Posto che, da voi apprendo, è possibile pignorare i beni mobili anche se non appartenenti al debitore (di fatto mio fratello non ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Conto e residenza all'estero