Conto e residenza all'estero

Buongiorno,

Mi chiamo Davide, fino all'anno scorso ero in società con mia moglie e abbiamo portato avanti la nostra attività per 6 anni circa.

Nel 2009 (marzo) abbiamo avuto un controllo dell'agenzia dell'entrate.

Ora sono arrivate alcune sanzioni. Non si tratta di cifre impossibili, ma visto che riteniamo di essere nel giusto faremo ricorso e vedremo come va a finire.

Intanto ho avuto un'offerta per un ottimo lavoro all'estero che richiederebbe la nostra (mia e di mia moglie) residenza per tutto l'anno in quel paese.

A questo punto vogliamo vendere la nostra casa e trasferirci. Visto che il ricorso all'agenzia delle entrate andrà per le lunghe vorrei sapere se un giorno che avrò un conto e la residenza all'estero potrei avere sorprese su quel conto (estero) o se fosse impossibile mandarmi quei soldi dall'Italia.

Se il ricorso andasse male sarei intenzionato a pagare, ma non vorrei trovare sorprese sul conto all'estero o trovarmi nell'impossibilità di portare i soldi della vendita all'estero.

Deve scegliersi con cura il paese dove chiedere ospitalità per le vessazioni subite dal fisco. Conosco persone che potrebbero aiutarla più di me, ma non credo che le risponderanno mai.

Io posso solo suggerirle di visitare il sito del ministero degli esteri.

Troverà sicuramente documenti che trattano delle convenzioni bilaterali in essere con paesi esteri e dell'assistenza che, in base ai trattati, essi sono obbligati a fornire in materia di notifica degli atti, rogatoria ed eventuali azioni esecutive.

2 dicembre 2011 · Andrea Ricciardi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Agevolazioni prima casa » Si se residenza è trasferita oltre limite causa forza maggiore
Si alle agevolazioni fiscali prima casa se la residenza non viene trasferita entro diciotto mesi per causa di forza maggiore » Sentenza Cassazione Il contribuente ha diritto a usufruire delle agevolazioni fiscali per la prima casa qualora il trasferimento della residenza entro i diciotto mesi previsti dalle norme non sia ...
Agevolazioni fiscali prima casa » No se c'è restauro senza cambiare residenza
Niente agevolazioni fiscali per la prima casa se il contribuente trasferisce la residenza finita la ristrutturazione a oltre un anno dall'acquisto Il contribuente che trasferisce la residenza nell'abitazione a oltre un anno dall'acquisto non può usufruire delle agevolazioni fiscali sulla prima casa anche se si è stabilito nell'immobile appena finita ...
Stop alla dogana senza visto? » Agenzia di viaggi tenuta al risarcimento danni
L'agenzia di viaggi rischia di pagare il risarcimento danni se, al momento del viaggio di nozze esotico, la moglie extracomunitaria del cittadino italiano è bloccata alla dogana del Paese straniero per la mancanza del visto d'ingresso. Infatti, la compagnia è responsabile se a uno dei due coniugi viene negato l'ingresso ...
Vademecum per non pagare debiti, tasse e cartelle esattoriali
Alcune raccomandazioni per debitori nullatenenti (aspiranti o effettivi) - adottare il regime patrimoniale coniugale di separazione dei beni e farlo annotare sull'atto di matrimonio. Meglio una vera e propria separazione legale (per l'accordo da omologare basta un azzeccagarbugli qualsiasi, a cui offrire, per l'incomodo, cappuccino e cornetto al bar del tribunale); vendere la casa di proprietà prima che Equitalia vi iscriva ipoteca; abitare in affitto con comodato d'uso di arredi, suppellettili ed elettrodomestici. Tutto registrato all'Agenzia delle entrate, con elenco dei beni concessi in comodato puntualmente dettagliato .... ...
Conto corrente cointestato? » Non implica che il marito abbia regalato alla moglie la metà del deposito
Il conto cointestato non implica che il marito abbia regalato alla moglie la metà dei soldi depositati. La cointestazione di un conto corrente, infatti, attribuendo agli intestatari la qualità di creditori o debitori solidali dei saldi del conto sia nei confronti dei terzi, che nei rapporti interni, fa presumere la ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca