Conto corrente cointestato a firma disgiunta e prelievi oltre la quota inizialmente conferita - Posso essere accusata di appropriazione indebita?

Sono cointestataria di un conto corrente bancario a firma disgiunta: l'altro cointestatario ha difficoltà a muoversi e mi ha chiesto di prelevare i soldi che mensilmente gli servono. Sul conto ho versato circa il 10% della somma presente, l'altro 90% è del cointestatario. Questa modalità di tacito consenso al prelievo (tramite il bancomat a me riconducibile) sta andando avanti da diverso tempo e la somma totale prelevata supera il 10% a mia disposizione. Il cointestatario riceve regolarmente l'estratto conto quindi vede i prelievi. Inoltre non risulta che il cointestatario faccia prelievi a lui riconducibili, quindi è chiaro che i soldi prelevati sono per i suoi bisogni quotidiani. Continuando a prelevare con la modalità descritta e avendo prelevato oltre la mia disponibilità posso essere accusata di appropriazione indebita?

L'appropriazione indebita è un reato previsto dal codice penale (articolo 646): secondo i giudici della Corte di Cassazione (sentenza numero 29019/14) è configurabile il reato di appropriazione indebita a carico del cointestatario di un conto corrente bancario, il quale, pur se autorizzato a compiere operazioni separatamente, disponga in proprio favore, senza il consenso espresso o tacito degli altri cointestatari, della somma in deposito in misura eccedente la quota parte da considerarsi di sua pertinenza, in base al criterio stabilito dal codice civile, secondo cui le parti di ciascun cointestatario si presumono, fino a prova contraria, uguali.

Nella fattispecie, essendo due i cointestatari, la quota di prelievo personale da non superare, per non incorrere nel reato, è quella del 50%.

Tuttavia la stessa Corte di cassazione (sentenza 77/2018) ha recentemente precisato che qualora il saldo attivo risulti discendere dal versamento di somme di pertinenza di uno solo dei correntisti, si deve escludere che l'altro possa, nel rapporto interno, avanzare diritti sul saldo medesimo. Peraltro, pur ove si dica insuperata la presunzione di parità delle parti (50%), ciascun cointestatario, anche se avente facoltà di compiere operazioni disgiuntamente, nei rapporti interni non può disporre in proprio favore, senza il consenso espresso o tacito dell'altro, della somma depositata in misura eccedente la quota parte di sua spettanza, e ciò in relazione sia al saldo finale del conto, sia all'intero svolgimento del rapporto.

In pratica, gli eredi dell'altro cointestatario potrebbero ingiungerle la restituzione della differenza fra quanto complessivamente prelevato a titolo personale e la liquidità inizialmente conferita.

Suggeriamo di chiedere alla banca il rilascio di un bancomat riconducibile all'altro cointestatario, da utilizzare per i prelievi di cui egli ha bisogno.

19 giugno 2018 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

conto corrente cointestato

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca