Fermo amministrativo iscritto da società di riscossione che il Comune asserisce di non conoscere

Argomenti correlati:

In continuazione a questo topic e a quanto ho spiegato prima, aggiungo: già nel 2006 è stato impossibile rintracciare la società di riscossione in quanto inesistente.

MI sono recata al Comune e non risulta nulla da pagare a nome mio: pertanto non so come e a chi pagare, ripeto già fatti tutti i controlli per poter estinguere il debito.

La SAIGESE (poi SOGEFIL) non è inesistente: ne ha combinati di casini in molti comuni calabri dalle cui amministrazioni era stata affidata la riscossione coattiva di multe e tributi locali, come risulta qui.

L’Amministrazione comunale, che ha elevato la sanzione amministrativa e poi affidato alla SAIGESE spa (o alla subentrata SOGEFIL spa) la riscossione coattiva della multa, non può adesso lavarsene le mani, asserendo di non sapere chi ha iscritto il fermo amministrativo.

Se persiste questa commedia kafkiana ed i funzionari dell’ufficio comunale preposto alla riscossione delle sanzioni amministrative non indicano al debitore come adempiere per ottenere liberatoria per la cancellazione del fermo amministrativo, allora l’amministrazione comunale ed il responsabile del procedimento vanno citati in Tribunale per il risarcimento dei danni. Non c’è altro da fare.

18 Giugno 2016 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Fermo amministrativo iscritto da società di riscossione oggi non più attiva
Mi ritrovo in una situazione incresciosa da mesi a causa di un fermo amministrativo di cui sono venuta a conoscenza in quanto ho acquistato una macchina nuova e, alla rottamazione della vecchia, è risultato nella visura catastale. Questo fermo è stato imposto nel 2007 per conto di una società Amministativa SAI.GE.SE. S.P.A. di Cosenza, la quale società è ad oggi inesistente. Mi ritrovo soltanto un atto ingiuntivo da parte di questa società a data 2006 con questa motivazione: Recupero morosità ver. n. 309/03/a del 21/07/2003 (con la targa del veicolo) violaz. art.142 c.8 c.d.s. spese. Premesso che di tale verbale ...

Auto gravata da fermo amministrativo - Non può essere rottamata: in caso di vendita l'acquirente si accolla il debito per il quale è stato iscritto il fermo amministrativo
Fine luglio ho acquistato un'auto da un parente con un atto di vendita presso un'agenzia pratiche auto per poi aggiornare la carta di circolazione in giorni 60 presso il PRA: la polizza è stata trasferita dalla vecchia auto da demolire. Le problematiche emerse è che il PRA essendo molto arretrato ha appuntamenti a diversi mesi di distanza pertanto sono scaduti i 60 gg. previsti (da 6 giorni). Rivolgendosi a una agenzia pratiche auto svanirebbe il costo contenuto per il completo trasferimento di proprietà (poco più di 320 euro a fronte di euro 540 più euro 60 già pagati per l'atto ...

E' stato iscritto fermo amministrativo su un ciclomotore di mia proprietà ormai ridotto a rottame - Che faccio?
In data 9/1/2012 l'ex Equitalia provvedeva a notificarmi una cartella esattoriale dell'importo di € 64,61 per omesso pagamento della tassa di possesso del mio scooter: attualmente il debito ammonta ad 87,37 euro. Successivamente, in data 18/05/2012, mi veniva notificata un'altra cartella dell'importo di € 1.042,97 relativa all'Irpef non versata per l'anno 2007. In forza di tali cartelle, Equitalia, in data 01/02/2013, iscriveva il fermo amministrativo dello scooter che allo stato, dopo anni di sosta all'aperto, è ridotto praticamente ad un rottame sicché sarebbe opportuno demolirlo. Il mio commercialista riusciva a compensare con un credito a mio favore dell'Irpef, la componente ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Fermo amministrativo iscritto da società di riscossione che il Comune asserisce di non conoscere