Conti correnti dormienti in prescrizione? – Ecco come evitare di regalare soldi allo stato

Un mese fa, prima di morire, mio nonno mi ha confessato di possedere un libretto di risparmio, con una somma interessante depositata, aperto nel 1998, sul quale non è mai stato fatto alcun movimento: ho letto di sfuggita sul giornale che questo credito, a breve, come altri, potrebbe essere espropriato dallo stato.

Quali sono i termini?

Come posso riappropriarmi della somma?

Conti correnti dormienti, ma anche libretti bancari e postali, depositi di denaro, azioni, obbligazioni, certificati di deposito o fondi d’investimento e assegni circolari, non riscossi, che non vengono toccati da almeno 20 anni, potrebbero essere espropriati dallo stato a partire da Novembre 2018, se non reclamati.

Ma perché?

Facciamo un piccolo passo indietro.

Nel 2008, per volere del governo, i conti correnti (e altri rapporti già citati) dormienti (ovvero senza alcuna movimentazione) da 10 anni, confluirono in un Fondo Consap istituito dallo stato, con ulteriore prescrizione decennale.

Siccome il Fondo Conti dormienti è stato istituito da dieci anni, in sostanza si tratta di soldi o di titoli non utilizzati da 20 anni.

E, adesso, il Ministero dell’Economia e delle Finanze (Mef), avverte che, se non reclamati, queste somme entreranno nella disponibilità dello Stato.

Ma quando queste somme diventano dormienti?

Di fatto quando restano presso le banche per dieci anni, senza che nessuno le tocchi o ci operi.

Si tratta di somme assai ingenti e che nella stragrande maggioranza dei casi appartengono a risparmiatori defunti, delle quali gli eredi sono all’oscuro.

La legge non obbliga le banche di informare le famiglie della presenza di quei conti.

Ma, al contrario, dispone che polizze, assegni, libretti di risparmio e conti non movimentati dopo dieci anni finiscano nelle casse pubbliche.

Dunque, se se ne è a conoscenza, come riprendersi legittimamente il denaro?

Tramite la Consap si può risalire alla banca dati dei rapporti dormienti e fare di lì domanda di riscossione.

E per i futuri libretti, dormienti, ovvero quelli confluiti a partire dal 2009 e che, quindi, si prescriveranno nel 2019?

Il Tesoro dettaglia quali sono le operazioni idonee ad evitare la dormienza di un rapporto finanziario quelle effettuate dal titolare o suo delegato.

Ad esempio:

  • qualunque operazione “attiva” sul rapporto finanziario quale un prelievo, un bonifico, un versamento, una liquidazione parziale, il pagamento con carta di credito o bancomat, etc.;
  • qualunque operazione “attiva” relativa ad altri rapporti finanziari che lo stesso titolare ha con il medesimo intermediario;
  • la comunicazione all’intermediario di voler continuare il rapporto
    qualsiasi comunicazione o richiesta all’intermediario concernente il rapporto finanziario (come la richiesta di un libretto di assegno, di aggiornamento contabile, di copia della documentazione bancaria, etc.)

A differenza di quello che potrebbe sembrare, invece, non sono operazioni che evitano la dormienza:

  • le operazioni automatiche (RID ed altri pagamenti automatici);
  • le operazioni provenienti da terzi diversi dal soggetto appositamente delegato (es. l’accredito di bonifici da parte di terzi).

8 Agosto 2018 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Compensazione legale fra saldi attivi e passivi di conti correnti intestati allo stesso correntista
Le condizioni generali che, di solito, disciplinano il rapporto di conto corrente dispongono che qualora esistono tra banca e correntista più rapporti o più conti di qualsiasi genere o natura, anche di deposito, ancorchè intrattenuti presso altre dipendenze italiane o estere, ha luogo in ogni caso la compensazione di legge ad ogni suo effetto. La banca, secondo le clausole contrattuali standard, ha il diritto di valersi della compensazione ancorché i crediti, seppure in monete differenti, non siano liquidi ed esigibili e ciò in qualunque momento senza obbligo di preavviso e/o formalità, fermo restando che dell'intervenuta compensazione la banca darà prontamente ...

Prescrizione dei debiti IVA, IRPEF, IRAP, IRES - Decennale o quinquennale?
Ho letto che la Commissione Tributaria Provinciale di Milano ha emesso la sentenza 3544/2019: in essa sembra che sia sentenziato che IVA, IRPEF, IRAP e IRES essendo debiti che si pagano una sola volta all'anno la prescrizione per essi è di 5 anni e non decennale. Non avendo io impugnato la cartella esattoriale contenente detti tributi il credito diventa definitivo, ma posso oppormi qualora il fisco si faccia vivo rivendicando la prescrizione breve? Quale è la vostra opinione al tal proposito? Avrò buone probabilità di successo? ...

Documenti, diritti di registrazione e bolli per la rinuncia all'eredità - Anche per rinunciare all'eredità occorre versare soldi allo Stato
Devo recarmi in tribunale per effettuare una rinuncia all'eredità, ma non ho il codice fiscale del defunto, o meglio conosco il codice fiscale perché l'ho calcolato normalmente online e in più ho effettuato la verifica di correttezza direttamente sul sito di agenzia delle entrate, quindi so che il codice fiscale è giusto. Mi manca sostanzialmente il tesserino. Potrebbe essere un problema o basta dichiarare e presentare solo il codice fiscale da me calcolato? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Conti correnti dormienti in prescrizione? – Ecco come evitare di regalare soldi allo stato