Come posso contestare un atto di precetto per canoni di locazione non versati?

Ho ricevuto l'atto di precetto per un canone di locazione non pagato: premetto che so perfettamente di essere in torto, ma tutto è iniziato da quando ho scoperto che nell'abitazione a me locata entrava abbondante acqua in caso di pioggia, che era stata occultata la muffa che poi si è presentata in abbondanza in tutta la casa e altri problemi di non poco conto che la proprietaria non ha mai voluto sistemare. La stessa anzi, si è resa irreperibile, sul contratto c'era lo stesso indirizzo dell'abitazione a me locata e al telefono non rispondeva più.

Stupidamente, non avendo la possibilità di pagare un legale, ho deciso di non pagare più l'affitto, e finalmente si è fatto sentire il legale della controparte che però mi ha intimato lo sfratto essendo passata io dalla parte del torto anche se potevo avere ragione, e tutte le mie richieste sono state inascoltate.

Come dicevo prima, ho dovuto subire perché non potevo permettermi un legale, perché la mia situazione economica era ed è pessima, ma ho comunque documentato lo stato dell'appartamento con video e foto e chiamato l'ufficio d'igiene del comune che ha redatto un verbale che resta a disposizione in caso di eventuale causa civile.

Adesso ho questa spada di Damocle sulla testa, mi intimano di pagare ma, anche se tenteranno il pignoramento, lo stesso andrà a vuoto perché lo stipendio è già pignorato, in banca utilizzo da anni il fido e l'unica macchina che ho è gravata dal fermo amministrativo.

La domanda è, allo stato attuale, trovando un avvocato onesto, è ancora possibile far valere i miei diritti per i gravi problemi dell'immobile a suo tempo a me locato ed evitare il pignoramento anche futuro?

Mi spiace signora, ma le sue ragioni, fermi restando l'avvio della riscossione coattiva avviata con l'atto di precetto e lo sfratto esecutivo ormai deciso dal giudice, potrebbero essere fatte valere solo in un giudizio per risarcimento dei danni eventualmente da lei patiti per le condizioni ambientali in è stata costretta a vivere.

Ma si tratta di un'azione che non risolverebbe comunque le contingenti esigenze oltre a richiedere un ulteriore esborso di denaro per un esito, peraltro, incerto.

23 novembre 2017 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

contenzioso su contratto di locazione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento dei canoni di locazione - Il conduttore può comunque recedere dal contratto
L'articolo 2917 del codice civile dispone che, se oggetto del pignoramento è un credito, l'estinzione di esso per cause verificatesi in epoca successiva al pignoramento non ha effetto in pregiudizio del creditore pignorante e dei creditori che intervengono nell'esecuzione. La domanda che ci si pone è la seguente: qualora oggetto ...
Canoni di locazione » Chiarimenti del MEF sulle restrizioni per i pagamenti in contanti
Recentemente, il Ministero dell'Economia e delle Finanze (MEF), in risposta ad una specifica richiesta di chiarimenti da parte dell'Agenzia delle Entrate circa l'applicazione degli obblighi in materia di pagamento dei canoni di locazione di immobili ad uso abitativo, ha precisato che è possibile pagare in contante il canone per una ...
Mancata consegna della cosa locata - Conseguenze per il conduttore
Il conduttore che non adempie l'obbligazione contrattuale di restituire, alla scadenza, la cosa locata è tenuto a dare al locatore il corrispettivo convenuto fino alla riconsegna, salvo l'obbligo di risarcire il maggior danno. Il conduttore è tenuto al risarcimento dei danni cagionati alla cosa in tale stato di detenzione; alla ...
Atto di precetto e di pignoramento - Interruzione e sospensione della prescrizione
L'atto di precetto, contenendo un'intimazione ad adempiere rivolta al debitore (con conseguente messa in mora di quest'ultimo), produce un effetto interruttivo della prescrizione del relativo diritto di credito a carattere istantaneo, sicché, verificatosi tale effetto, inizia a decorrere, dalla data della sua notifica, un nuovo periodo di prescrizione e (articoli ...
Canoni di locazione » Il versamento dell'affitto è dovuto fino alla riconsegna delle chiavi dell'appartamento
Il conduttore deve continuare a pagare l'affitto finché non riconsegna le chiavi dell'immobile: non importa se ha smesso smesso di viverci da diverso tempo perché, ad esempio, è crollato il soffitto. Non è consentito, infatti, al conduttore astenersi dal versare il canone, ovvero ridurlo unilateralmente, nel caso in cui si ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca