Consumi elettricità troppo bassi? – Paghi l’Imu sulla prima casa

Ad un anno da aver comprato la mia prima casa ed avervi spostato la residenza sono stato sottoposto ad un accertamento nell’ambito dell’esenzione dell’Imu: mi si contesta, in poche parole, di non vivere effettivamente nell’abitazione, poiché i consumi di energia elettrica sono troppi bassi.

Io in realtà, non sono affatto in malafede, ma sono un attento risparmiatore e cerco di ridurre al minimo gli sprechi di energia.

E’ valevole questa prova per farmi perdere l’agevolazione? Cosa posso fare?

Come noto, per poter usufruire delle agevolazioni sulla prima casa, venendo esentati dal pagamento dell’Imu, è necessario vivere effettivamente nella casa indicata come di residenza; a volte, può capitare, che il Comune, insospettito, esegua controlli per verificare la lealtà del contribuente: uno di questi può essere quello del controllo dei consumi di energia.

Dunque, risparmiare troppo sulla bolletta elettrica potrebbe costare l’agevolazione fiscale, con la quale si viene esentati dal pagamento dell’Imu per la prima casa?

A leggere il contenuto di una recente sentenza di Cassazione, parrebbe proprio di si.

Infatti, i Giudici di piazza Cavour, con la pronuncia 14793/18, hanno chiarito che se i consumi elettrici sono bassi, il Comune può cancellare le agevolazioni fiscali per l’abitazione principale.

A parere degli Ermellini, infatti, non basta dichiarare che un immobile è adibito a propria abitazione principale e spostare lì la residenza per godere delle agevolazioni fiscali “prima casa”, ma è necessario viverci.

Inoltre, le dichiarazioni del proprietario riguardo alla residenza hanno solo un valore presuntivo e possono essere superate da prova contraria, desumibile da qualsiasi fonte di convincimento e suscettibile di apprezzamento riservato alla valutazione del giudice di merito.

E la bolletta elettrica, se soprattutto si considera un arco temporale congruo, come può essere un triennio, può essere una valida prova.

Dunque, in parole povere, una fatturazione dell’energia elettrica troppo bassa potrebbe voler indicare che nessuno abita nell’immobile e che quindi non si deve usufruire dell’agevolazione che esenta dal pagamento dell’IMU.

12 Luglio 2018 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Utilizzo della lavastoviglie: consumo energia troppo alto? - Ecco qualche dritta per risparmiare
Ho notato che usando la lavastoviglie per lavare i piatti, il consumo di energia elettrica nella mia abitazione schizza alle stelle, influendo pesantemente sul bilancio familiare. Prima di tornare al vecchio metodo di lavare i piatti a mano, vorrei sapere se esiste qualche valido metodo per risparmiare energia. ...

Coronavirus: inevitabile l'aumento dei consumi - In attesa di un intervento del Governo come ridurre il costo delle bollette?
In questi tempi di quarantena, a causa dell'emergenza Coronavirus, i costi della fatturazione energetica non possono che aumentare, dato l'obbligo di rimanere a casa: inoltre, lo Stato non accenna a voler sospendere il pagamento delle bollette. Dunque, come evitare rincari e ridurre i consumi? ...

Bolletta luce - Quanto incidono i consumi in realtà?
Visto che sulla bolletta della luce esistono numerosi voci che vanno a quantificare la somma finale da versare al fornitore, vorrei sapere, in realtà, quanto incidono i consumi dell'utente. Ne sapete qualcosa? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Consumi elettricità troppo bassi? – Paghi l’Imu sulla prima casa