Consumi elettricità troppo bassi? - Paghi l'Imu sulla prima casa

Ad un anno da aver comprato la mia prima casa ed avervi spostato la residenza sono stato sottoposto ad un accertamento nell'ambito dell'esenzione dell'Imu: mi si contesta, in poche parole, di non vivere effettivamente nell'abitazione, poiché i consumi di energia elettrica sono troppi bassi.

Io in realtà, non sono affatto in malafede, ma sono un attento risparmiatore e cerco di ridurre al minimo gli sprechi di energia.

E' valevole questa prova per farmi perdere l'agevolazione? Cosa posso fare?

Come noto, per poter usufruire delle agevolazioni sulla prima casa, venendo esentati dal pagamento dell'Imu, è necessario vivere effettivamente nella casa indicata come di residenza; a volte, può capitare, che il Comune, insospettito, esegua controlli per verificare la lealtà del contribuente: uno di questi può essere quello del controllo dei consumi di energia.

Dunque, risparmiare troppo sulla bolletta elettrica potrebbe costare l'agevolazione fiscale, con la quale si viene esentati dal pagamento dell'Imu per la prima casa?

A leggere il contenuto di una recente sentenza di Cassazione, parrebbe proprio di si.

Infatti, i Giudici di piazza Cavour, con la pronuncia 14793/18, hanno chiarito che se i consumi elettrici sono bassi, il Comune può cancellare le agevolazioni fiscali per l'abitazione principale.

A parere degli Ermellini, infatti, non basta dichiarare che un immobile è adibito a propria abitazione principale e spostare lì la residenza per godere delle agevolazioni fiscali “prima casa”, ma è necessario viverci.

Inoltre, le dichiarazioni del proprietario riguardo alla residenza hanno solo un valore presuntivo e possono essere superate da prova contraria, desumibile da qualsiasi fonte di convincimento e suscettibile di apprezzamento riservato alla valutazione del giudice di merito.

E la bolletta elettrica, se soprattutto si considera un arco temporale congruo, come può essere un triennio, può essere una valida prova.

Dunque, in parole povere, una fatturazione dell'energia elettrica troppo bassa potrebbe voler indicare che nessuno abita nell'immobile e che quindi non si deve usufruire dell'agevolazione che esenta dal pagamento dell'IMU.

12 luglio 2018 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accertamento per TASI TARI TARES IMU TARSU TIA ICI
tutela consumatore gas acqua luce

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Agevolazioni fiscali prima casa - Per fruirne non basta stipulare contratti di fornitura di energia
La fruizione dell'agevolazione fiscale prima casa richiede che l'immobile sia ubicato ove l'acquirente ha, ovvero ove stabilisca la residenza entro un anno dall'acquisto senza che alcuna rilevanza giuridica possa essere riconosciuta né alla realtà fattuale, ove questa contrasti con il dato anagrafico, né all'eventuale ottenimento della residenza oltre il limite ...
Cosa è il CMOR (o C-MOR o CIMOR) nelle bollette di fornitura di elettricità
Il CMOR (Corrispettivo MORosità) è il sistema introdotto dall'AEEG (autorità per l'Energia Elettrica e il Gas) in base al quale viene garantito un indennizzo al vecchio fornitore uscente di energia elettrica per l'eventuale mancato incasso del credito relativo alle fatture degli ultimi tre mesi di erogazione, prima del passaggio effettivo ...
Contatore di energia elettrica » Manca il sigillo? Il reato di furto non sussiste
Non vi è furto di energia elettrica se l'erogazione del servizio non viene interrotta: in caso manchi materialmente l'interruzione del servizio, che si manifesta con l'apposizione del sigillo, consentire all'utente la possibilità di prelevare ancora energia non fa scattare il reato. Il delitto di furto è caratterizzato dal punto di ...
Bolletta per l'energia elettrica » Arrivano i bonus per le famiglie a basso reddito
Nell'articolo che segue, vi illustreremo quali sono requisiti e modalità di accesso al bonus per l'energia elettrica: compensazione del 30% direttamente in bolletta. I clienti domestici economicamente disagiati hanno diritto al cosiddetto bonus elettrico: si tratta di uno sconto annuale sulle bollette dell'energia elettrica, che per il 2017 è stato ...
Bonus elettricità e gas » Le informazioni utili al consumatore
Il bonus sulla bolletta elettrica è uno strumento introdotto dal Governo e reso operativo dall'Autorità per l'energia con la collaborazione dei Comuni , per garantire alle famiglie in condizione di disagio economico e alle famiglie numerose un risparmio sulla spesa per l'energia elettrica. Il bonus elettrico è previsto anche per ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca