Consigli per un sovraindebitato disperato

Stamattina mi ha chiamato un avvocato, per conto di una finanziaria da cui avevo avuto un prestito, informandomi che se non pago almeno una rata entro il mese di aprile mi notificheranno la comunicazione di decadenza dal beneficio del termine.

Sono in ritardo già di di 3 rate, ciascuna per 433 euro. Pago un mutuo di 517 euro ho già una cessione del quinto dello stipendio e una delega.

Sono stato sempre un regolare pagatore, sono assunto a tempo indeterminato in un'azienda ospedaliera dove faccio l'infermiere.

Ma da novembre ad oggi faccio fatica perché ho avuto delle spese extra, sono sposato con un bambino.
Non so cosa fare come comportarmi e sono disperato.

Com’è noto, la finanziaria può invocare come causa di risoluzione del contratto il ritardato pagamento quando lo stesso si sia verificato almeno sette volte, anche non consecutive. A tal fine costituisce ritardato pagamento quello effettuato tra il trentesimo e il centottantesimo giorno dalla scadenza della rata.

La risoluzione del contratto comporta la decadenza del beneficio del termine (DBT) e la contestuale richiesta del rimborso del capitale residuo in un'unica soluzione.

Per quanto riportato, attesa la grave condizione di sovraindebitamento in cui lei versa, non resta altro che attendere le mosse del creditore che, nel peggiore dei casi, si concretizzeranno nel pignoramento del 20% della retribuzione mensile netta (al lordo, naturalmente, della cessione e del prestito delega). Ma almeno avrà ancora del tempo per rimettere in sesto la sua situazione economica.

Se è fortunato, la finanziaria cederà il credito ad una società di recupero: in questo caso, al prezzo di sentirsi chiamare al telefono un paio di volte al giorno e/o di ricevere la visita a casa di qualche esattore, potrà pagare a "babbo morto", anche con un piano di rientro scaglionato nel tempo e con un notevole abbattimento della cifra necessaria a chiudere l'esposizione debitoria.

8 aprile 2015 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

decadenza dal beneficio del termine (DBT)

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Contratti di prestito - Il prestito delega
Il prestito delega (o delegazione di pagamento), è una forma di prestito personale di cui possono usufruire i lavoratori dipendenti. Tale forma di prestito è regolata dalla legge 180 del 05.01.1950 e dal DPR 895 del 28.07.1950 e successive modifiche. Per capire di cosa si tratta possiamo partire dalla cessione ...
Gli scatti di anzianità assegnati al lavoratore devono tener conto di un eventuale periodo di formazione
Se è vero che gli scatti di anzianità costituiscono un istituto giuridico di fonte esclusivamente contrattuale, l'equiparazione posta dalla legge tra periodo di formazione e quello di lavoro ordinario vieta alla contrattazione collettiva di introdurre un trattamento discriminatorio in danno dei lavoratori che abbiano avuto un pregresso periodo di formazione. ...
Conto corrente cointestato a firma disgiunta - La delega ad un terzo può essere conferita solo congiuntamente
E' legittimo il comportamento della banca che, nel caso di un conto corrente cointestato a firma disgiunta, consente ad uno solo dei cointestatari di conferire ad un terzo soggetto delega ad operare e disporre del conto corrente? Com'è noto, in un conto corrente cointestato a firma disgiunta, tutti i cointestatari ...
Prestiti per dipendenti » Viaggio alla scoperta di questa particolare tipologia di prestito personale
Oggi vogliamo parlare dei prestiti per dipendenti: affrontiamo, dunque, un piccolo viaggio alla scoperta di questa particolare tipologia di prestito personale. I prestiti per dipendenti sono una tipologia di prestiti personali che vengono destinati ai lavoratori dipendenti pubblici e statali e privati. I prestiti per dipendenti sono finanziamenti non finalizzati: ...
Una volta raggiunta l'indipendenza economica, il figlio maggiorenne, che perde il posto di lavoro, non ha più diritto all'assegno di mantenimento
Una volta raggiunta la capacità lavorativa, e quindi l'indipendenza economica, la successiva perdita dell'occupazione non comporta la reviviscenza dell'obbligo del genitore al mantenimento dei figli maggiorenni. Si tratta del principio di diritto enunciato, nella sentenza 6509/2017, dai giudici della Suprema Corte di cassazione, chiamata a pronunciarsi sulla legittimità di una ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca