Conservazione documenti contabili

Sono amministratore di sas in contabilità ordinaria e vorrei sapere per quanto tempo sono tenuto a conservare i documenti indicati nella lista che segue.
1 Fatture Acquisto
2 Fatture Vendita
3 Scontrini di chiusura giornaliera
4 Rotolo di tutti gli scontrini
5 Bolle accompagnamento DDT
6 Estratti Conto Bancari
7 Registro Corrispettivi
8 Registro Fatture Acquisti
9 Registro Fatture Vendita
10 Libro Giornale
11 Libro Mastro
12 Buste paga dipendenti

La conservazione dei documenti contabili è disciplinata dall'articolo 2220 del codice civile, che stabilisce l'obbligo, per l'imprenditore, di custodire e conservare le scritture contabili, e tutta la documentazione da cui tali scritture originano, per dieci anni.

In particolare, la normativa citata prevede il termine di conservazione decennale per:

  • le scritture contabili a partire dalla data dell'ultima registrazione;
  • il libro giornale, il libro degli inventari e le scritture contabili;
  • il libro soci, il libro delle decisioni dei soci, degli amministratori, del collegio sindacale o del revisore per quanto attiene, nello specifico, le società a responsabilità limitata;
  • le fatture, di acquisto e vendita, a partire dalla data riportata sul documento;
  • le lettere e le comunicazioni a partire dalla data di spedizione o di ricevimento.
  • gli scontrini, le bolle di accompagnamento, gli estratti conto bancari e postali e quant'altro afferente l'attività societaria o imprenditoriale.

Nel caso di accertamenti avviati dall'Amministrazione finanziaria, la documentazione deve essere conservata fino al momento in cui il giudice non abbia definitivamente e negativamente provveduto sull'istanza stessa; naturalmente, in tale ipotesi, il termine decennale può essere ampiamente derogato.

In ambito fiscale, infatti, la normativa vigente stabilisce che, fatto salvo quanto previsto dal codice civile, le scritture contabili obbligatorie e la relativa documentazione devono essere conservate fino a quando non siano definiti gli accertamenti relativi al corrispondente periodo d'imposta.

In caso di accertamenti fiscali, dunque, la conservazione delle scritture contabili è obbligatoria fino alla definizione del contenzioso, e quindi, eventualmente anche oltre il termine massimo decennale previsto dal codice civile.

26 ottobre 2014 · Giorgio Valli

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Indennità di accompagnamento e patente di guida speciale - Non incompatibili a priori
Non sussiste incompatibilità assoluta tra indennità di accompagnamento e titolarità di una patente di guida speciale: essere beneficiari dell'indennità di accompagnamento non é a priori incompatibile con il conseguimento o il rinnovo di una patente speciale. Il discrimine é la guida in condizioni di sicurezza per sé e per gli ...
Mutuo - i documenti da presentare alla banca e l'istruttoria
Una delle domande più frequenti alle quali mi capita di rispondere (online e non) parlando di mutui immobiliari è relativa a quali documenti bisogna presentare ad una banca per richiedere il mutuo. Molto spesso, anche nella forma “Possono chiedermi questo (estratto conto, redditi pregressi, situazione familiare, ecc…) per scegliere se ...
Conto corrente su cui è disposto pignoramento presso terzi » L'imposta di bollo alla banca è comunque dovuta
Conto corrente sottoposto a pignoramento presso terzi: l'istituto di credito è legittimato a trattenere l'imposta di bollo per dei soldi che, ormai, non sono più nella disponibilità del titolare? Chiariamo subito la questione: il presupposto dell'imposta di bollo sui conti correnti bancari non risiede nel fatto che il correntista abbia ...
In caso di contenzioso per applicazione di interessi anatocistici, la banca deve produrre gli estratti conto a far data dall'apertura del conto corrente
L'approvazione degli estratti conto non implica l'insussistenza di addebiti illegittimi da parte della banca: come è noto, infatti, l'approvazione tacita dell'estratto di conto corrente non si estende alla validità ed efficacia dei rapporti obbligatori sottostanti, ma ha la funzione di certificare la verità storica dei dati riportati nel conto; la ...
Conto corrente » Se la banca non produce gli estratti conto dall'inizio del rapporto con il cliente il saldo iniziale del conto si considera pari a zero
La banca, per dimostrare la legittimità del proprio credito, deve conservare le scritture contabili del conto corrente dall'inizio del rapporto con il proprio cliente e, comunque, per almeno 10 anni. Qualora venga accertato il diritto del cliente alla ripetizione delle somme pagate indebitamente, la banca è tenuta a produrre gli ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca