Conservazione documenti contabili

Sono amministratore di sas in contabilità ordinaria e vorrei sapere per quanto tempo sono tenuto a conservare i documenti indicati nella lista che segue.
1 Fatture Acquisto
2 Fatture Vendita
3 Scontrini di chiusura giornaliera
4 Rotolo di tutti gli scontrini
5 Bolle accompagnamento DDT
6 Estratti Conto Bancari
7 Registro Corrispettivi
8 Registro Fatture Acquisti
9 Registro Fatture Vendita
10 Libro Giornale
11 Libro Mastro
12 Buste paga dipendenti

La conservazione dei documenti contabili è disciplinata dall’articolo 2220 del codice civile, che stabilisce l’obbligo, per l’imprenditore, di custodire e conservare le scritture contabili, e tutta la documentazione da cui tali scritture originano, per dieci anni.

In particolare, la normativa citata prevede il termine di conservazione decennale per:

  • le scritture contabili a partire dalla data dell’ultima registrazione;
  • il libro giornale, il libro degli inventari e le scritture contabili;
  • il libro soci, il libro delle decisioni dei soci, degli amministratori, del collegio sindacale o del revisore per quanto attiene, nello specifico, le società a responsabilità limitata;
  • le fatture, di acquisto e vendita, a partire dalla data riportata sul documento;
  • le lettere e le comunicazioni a partire dalla data di spedizione o di ricevimento.
  • gli scontrini, le bolle di accompagnamento, gli estratti conto bancari e postali e quant’altro afferente l’attività societaria o imprenditoriale.

Nel caso di accertamenti avviati dall’Amministrazione finanziaria, la documentazione deve essere conservata fino al momento in cui il giudice non abbia definitivamente e negativamente provveduto sull’istanza stessa; naturalmente, in tale ipotesi, il termine decennale può essere ampiamente derogato.

In ambito fiscale, infatti, la normativa vigente stabilisce che, fatto salvo quanto previsto dal codice civile, le scritture contabili obbligatorie e la relativa documentazione devono essere conservate fino a quando non siano definiti gli accertamenti relativi al corrispondente periodo d’imposta.

In caso di accertamenti fiscali, dunque, la conservazione delle scritture contabili è obbligatoria fino alla definizione del contenzioso, e quindi, eventualmente anche oltre il termine massimo decennale previsto dal codice civile.

26 Ottobre 2014 · Giorgio Valli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Conservazione documenti contabili
La conservazione dei documenti contabili è disciplinata dall'articolo 2220 del codice civile, che stabilisce l'obbligo, per l'imprenditore, di custodire e conservare le scritture contabili, e tutta la documentazione da cui tali scritture originano, per dieci anni. In particolare, la normativa citata prevede il termine di conservazione decennale per: le scritture contabili a partire dalla data dell'ultima registrazione; il libro giornale, il libro degli inventari e le scritture contabili; il libro soci, il libro delle decisioni dei soci, degli amministratori, del collegio sindacale o del revisore per quanto attiene, nello specifico, le società a responsabilità limitata; le fatture, di acquisto e ...

Obblighi di conservazione scritture contabili a 13 anni dallo scioglimento della sas di cui ero socio accomandante
Nel 2005 è stata chiusa una sas di cui ero socio accomandante all'ottanta per cento: pur non essendo il liquidatore, nell'atto mi sono preso l'onere di tenere le scritture contabili, scritture che mi sono accorto ora di aver smarrito; chiedo: 1) devo fare denuncia di smarrimento anche se sono passati i 10 anni canonici? 2) devo avvertire il liquidatore di questo smarrimento? 3) in 13 anni non è mai arrivato nulla da pagare e il liquidatore ha case libere da ipoteche, posso stare tranquillo o rischio qualcosa (nella sas ero quasi un amministratore, andavo in banca ecc). Francesco ...

I documenti contabili non esibiti o non trasmessi a richiesta del fisco in sede di verifica non possono essere poi utilizzati in un eventuale contenzioso tributario
Le notizie ed i dati non addotti e gli atti, i documenti, i libri ed i registri non esibiti o non trasmessi in risposta agli inviti dell'Ufficio non possono essere presi in considerazione a favore del contribuente, ai fini dell'accertamento in sede amministrativa e contenziosa: per rifiuto di esibizione si intendono anche la dichiarazione di non possedere i libri registri, documenti e scritture e la sottrazione di essi alla ispezione. Di ciò il contribuente deve essere informato, contestualmente alla richiesta di esibizione e/o di trasmissione dei documenti. Le cause di inutilizzabilità appena citate non operano nei confronti del contribuente che ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Conservazione documenti contabili