Consegna verbale multa oltre 90 giorni – Vale la data di spedizione o quella di notifica al destinatario?


Mi è arrivata una multa spedita dopo 87 giorni dalla infrazione ma ricevuta e notificata dopo 95 giorni dalla infrazione. Posso fare ricorso perché mi è stata notificata dopo il termine di 90 giorni o vale la data di spedizione di 87 giorni dell’organo accertatore?

No, non può presentare alcun ricorso: per giurisprudenza ormai consolidata, gli effetti della notifica, per il notificante, si producono dal compimento delle formalità a lui imposte dalla legge. Ne deriva che ove, come in materia di notifica di verbali di accertamento di violazioni del codice della strada, sia espressamente prevista la notifica a mezzo posta, secondo la relativa disciplina, l’Amministrazione notificante adempie ai suoi obblighi con il regolare avviamento della procedura di notifica a mezzo posta, così evitando ogni decadenza.

In pratica, se il destinatario riceve il verbale di multa dopo novanta giorni dall’accertamento dell’infrazione, ma la Pubblica Amministrazione consegna il verbale all’ufficio postale, per la notifica, prima della scadenza dei novanta giorni, non si può eccepire la decadenza dell’atto ai sensi dell’articolo 201 del codice della strada.

13 Gennaio 2018 · Giuseppe Pennuto



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Consegna verbale multa oltre 90 giorni – Vale la data di spedizione o quella di notifica al destinatario?