Conducente auto irreperibile. Chi paga e a chi vengono decurtati i punti?

Buongiorno, essendo la proprietaria di un'auto mi sono state recapitate diverse multe per delle infrazioni commesse in realtà dal conducente dell'auto; il conducente era l'ex proprietario dell'auto, il quale anche dopo il passaggio di proprietà si è rifiutato di consegnarmi l'auto fino a quando non ho fatto intervenire, a mie spese, un legale grazie al quale ho ottenuto la restituzione dell'auto.

Alcune di queste multe prevedevano anche la decurtazione di punti dalla patente. Ho provveduto immediatamente a spedire con rar le multe al conducente perchè provvedesse al pagamento delle sanzioni e alla comunicazione dei propri dati per la decurtazione dei punti.

Naturalmente il conducente ha lasciato scadere i termini e non ha pagato nè fatto comunicazione alcuna.

Attualmente il conducente è irreperibile poichè si trova in carcere per altri reati commessi.

Posso tutelarmi in qualche modo? magari facendo ricorso? o mi conviene pagare le multe e tutte le sanzioni che arriveranno?

Preciso che un'azione legale nei confronti del conducente è da escludere poichè, oltre a trovarsi in carcere è anche nulla tenente e fallito.

Un'azione legale comporterebbe pertanto una spesa che dovrei interamente accollarmi senza potermi poi rifare sul conducente.

Bene, vedo che la situazione le è chiara: le multe prese dopo il passaggio di proprietà dovrà pagarle lei, non ci sono santi. A meno che lei, e/o il suo legale per lei, non abbiate presentato denuncia per furto od appropriazione indebita del veicolo.

La questione è più semplice per quel che riguarda la decurtazione dei punti patente, laddove le multe prevedano anche questa ulteriore sanzione. Insieme ai verbali arriveranno i moduli per la comunicazione dei dati del conducente. Lei non dovrà fare altro che trasmettere quelli relativi all'ex proprietario del veicolo.

11 ottobre 2011 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

multa
pagamento multa
ricorso multa

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Multe con auto aziendale elevata a dipendente » Spetta al datore di lavoro comunicare i dati del conducente
In caso di una o più multe elevate ad un dipendente, senza contestazione immediata, mentre risulta alla guida di un'autovettura aziendale, spetta al datore di lavoro l'obbligo della comunicazione dei dati del conducente. Risponde il datore di lavoro della mancata comunicazione dei dati del conducente se l'infrazione stradale è stata ...
Patente a punti » Quando non c'è obbligo di comunicare i dati del conducente
In tema di patente a punti, non sussiste l'obbligo di comunicare i dati del conducente per chi ha effettuato il ricorso alla multa principale. Segnaliamo una nuova significativa sentenza in materia di patente a punti ed obbligo di comunicare i dati del conducente, secondo la quale chi impugna il verbale ...
Patente a punti » Ecco come impugnare la decurtazione
In caso di decurtazione dei punti della patente, qualora si pensi sia ingiusta, per la presentazione del ricorso non è necessario attendere la comunicazione dell'Anagrafe nazionale. In caso di sanzione, la quale comporti una decurtazione dei punti dalla patente, infatti, l'automobilista che voglia fare opposizione non deve attendere la comunicazione ...
Patente a punti » Avviso di comunicazione dati del conducente: l'impugnazione del verbale non basta al proprietario del veicolo per evitare la sanzione
Avviso di comunicazione dati patente del conducente: impugnare il verbale non basta. L'obbligo, posto a carico del proprietario del veicolo, di comunicare i dati del conducente che ha commesso la violazione del Codice della Strada costituisce un distinto obbligo, sanzionato autonomamente, che nasce dalla richiesta avanzata dall'Amministrazione ove sia contestata ...
La multa - istanza di contestazione e di riattribuzione dei punti decurtati dalla patente
La patente a punti è un sistema, introdotto in Italia dal primo luglio 2003,  attraverso il quale ad ogni titolare di patente di guida è stato attribuito un punteggio (20 punti) che viene decurtato in seguito  a violazioni   del codice della strada. Resta tuttavia possibile la sanzione accessoria della sospensione ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca