Condivisione appartamento reddito di cittadinanza e bonus affitto


Condivido da un anno una casa in affitto con un coinquilino ed io ho i requisiti per reddito di cittadinanza: se il contratto di affitto è cointestato posso comunque trasferire la residenza e chiedere il reddito di cittadinanza senza che il coinquilino risulti nel mio nucleo familiare? Come mi regolerò per l’importo del bonus affitto, se il contratto cointestato ha un canone di locazione complessivo di €600? Grazie

Proprio perché il contratto di locazione è cointestato, ha un titolo in più per chiedere il trasferimento di residenza presso l’abitazione che occupa insieme al convivente. All’atto della richiesta del trasferimento di residenza, dovrà dichiarare, nell’apposito modulo, che, con i componenti la famiglia anagrafica già residente (il coinquilino), non sussistono rapporti di coniugio, parentela, affinità, adozione, tutela o vincoli affettivi.

Verrà costituita una nuova scheda anagrafica (nello stato di famiglia, in pratica, comparirà solo lei), da cui deriverà un nucleo familiare autonomo formato da un unico elemento, lei.

Per quanto riguarda il contributo per la locazione erogato con il reddito di cittadinanza (bonus affitto), l’INPS dovrà legalmente presumere un importo a carico del richiedente il beneficio, pari a 300 euro mensili. Ne consegue che potrà percepire 280 euro (tetto massimo) per il sostegno al pagamento del canone di locazione.

22 Settembre 2020 · Rosaria Proietti



Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?