Concordato in continuità

Abbiamo avuto un incontro con il nostro Commissario giudiziario informandolo della nostra necessità di dover chiudere la società in quanto con la crisi è peggiorato nel fatturato e non riesce a pagare nè il fitto nè il dipendente, nè i fornitori e le tasse.

In prima ci ha risposto che la cosa era fattibile e che i nuovi creditori (fornitori, dipendente, tfr, inps) sarebbero potuti entrare nel concordato in essere. Oggi vedendo una sentenza della cassazione uscita giusto ieri, dice che non si fare più e che non ci sarebbero i presupposti che la società in continuità possa andare in fallimento. Ci dice pure che se porta la nostra richiesta al giudice delegato potrebbero esserci sanzioni penali per i nuovi debiti.

Ci sembra di vivere una realtà terribile. Noi cosa dovremmo fare?

Lui dice che il concordato è stato omologato e accettato dai crediti per la garanzia di 2 nostre case e che dura 42 mesi per la vendita delle case.

Nella vostra precedente risposta ci avevate detto che poteva subentrare il fallimento senza penale e che i nuovi creditori sarebbero entrati nel concordato.

Forse è il caso di sgombrare il campo da un equivoco: il concordato con i creditori in continuità di esercizio è un'opzione concessa all'imprenditore nel tentativo di far sopravvivere l'azienda e quindi conservare il posto di lavoro anche ai dipendenti.

L'eventuale insostenibilità degli obblighi assunti con i creditori (compresa la fattibilità del piano di prosecuzione dell'attività imprenditoriale) e la conseguente dichiarazione di fallimento dell'azienda non liberano i beni che l'imprenditore si era impegnato a dismettere per far fronte al concordato. In pratica, i due immobili sui quali c'era stato impegno all'alienazione entro 42 mesi, verrebbero comunque acquisiti dal fallimento.

Comprendo il timore che la prosecuzione dell'attività in un contesto di crisi conclamata possa accrescere considerevolmente l'esposizione debitoria, ma, purtroppo, anche la giurisprudenza evolve e ciò che era possibile ieri, domani non è certo.

Non credo, personalmente, che il giudice delegato possa applicare sanzioni penali se le difficoltà aziendali sono riconducibili alla crisi. Il suggerimento, dunque, è quello di insistere con il professionista: il fatto che non sia adeguatamente remunerato per le prestazioni che è chiamato ad adempiere, non giustifica certi comportamenti superficialmente liquidatori delle istanze formulate dal debitore sottoposto a procedura di concordato preventivo in continuità aziendale.

29 aprile 2015 · Giorgio Valli

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Il concordato preventivo non può essere chiesto al solo scopo di differire la dichiarazione di fallimento
In pendenza di un procedimento di concordato preventivo, sia esso ordinario o con riserva, il fallimento dell'imprenditore, su istanza di un creditore o su richiesta del pubblico ministero, può essere dichiarato soltanto quando la domanda di concordato sia stata giudicata inammissibile, quando sia stata revocata l'ammissione alla procedura, quando la ...
L'ammissione al concordato preventivo non impedisce il sequestro dei beni del debitore
L'imprenditore che si trova in stato di crisi può proporre ai creditori un concordato preventivo sulla base di un piano che può prevedere gli obiettivi e le finalità di seguito riportati. la ristrutturazione dei debiti e la soddisfazione dei crediti attraverso qualsiasi forma, anche mediante cessione dei beni, accollo, o ...
Recupero TFR - Ecco come ottenerlo tramite il Fondo di Garanzia INPS quando l'azienda presso cui lavori presenta domanda di concordato preventivo
E' possibile recuperare il TFR (trattamento di fine rapporto) tramite il fondo di garanzia dell'INPS nel caso in cui la vostra azienda abbia presentato domanda di concordato preventivo. Quando l'azienda presso cui lavorate manifesta dei segnali di rischio potenziale come pagamenti insoluti, è bene cominciare a drizzare le antenne. Dunque, ...
Concordato preventivo, accordo con i creditori e piano del consumatore - Il debito IVA va pagato per intero e può essere solo dilazionato
L'accordo o a cui possono giungere i creditori con l'imprenditore non fallibile o il piano di ristrutturazione del debito presentato dal consumatore, possono prevedere esclusivamente la dilazione del pagamento con riguardo ai tributi costituenti risorse proprie dell'Unione Europea, all'imposta sul valore aggiunto ed alle ritenute operate e non versate. Anche ...
Il reato di bancarotta fraudolenta si consuma nel momento in cui interviene la sentenza di fallimento
Il reato di bancarotta fraudolenta si consuma nel momento in cui interviene la sentenza dichiarativa di fallimento. Non si può legare la consumazione del reato presupposto al momento della materiale “distrazione” delle somme di denaro dalle casse della società, azione in sé non configurabile come delitto fino al momento della ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca