Concordato con i creditori

Quindi se devo 50000 a unicredit 12000 a plusvalore e 5000 (mia moglie in comunione dei beni) a cofactor(che per altro mi manda solleciti di pagamento non a/r) per ottenere una ristrutturazione del mio debito devo dare almeno 3/4 del debito totale cioe’ circa 50000? In cambio otterrei la cncellazione dal criff e la riabilitazione al credito?Spero che i 50000 siano dilazionabili?

Ai fini dell’omologazione è necessario che l’accordo sia raggiunto con i creditori che rappresentano almeno il settanta per cento dei crediti.

Nei casi di sovraindebitamento del consumatore, ai fini dell’omologazione, è sufficiente che l’accordo sia raggiunto con i creditori che rappresentano almeno il cinquanta per cento dei crediti.

Quindi, diciamo che, nel suo caso, se Unicredit aderisce alla proposta di ristrutturazione, può essere avviata la procedura di concordato. Le basi dell’accordo non sono vincolate al rimborso di tutto il debito dovuto ad Unicredit (al limite potrebbe anche accordarsi per uno stralcio del 10%, giusto per fare un esempio), mentre dovrà essere assicurato l’integrale pagamento dei creditori che all’accordo non aderiscono.

I creditori che non aderiscono, tuttavia, dovranno adeguarsi, se l’accordo viene omologato dal giudice, ai tempi di rimborso (naturalmente gravati dagli interessi legali) previsti nel piano di ristrutturazione.

8 Agosto 2012 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Concordato con i creditori (2)
Quindi se unicredit accetta un'offerta esempio del 10% di 50000 devo dargli subito il 10% oppure posso includerli nel piano di rientro rateizzato con gli altri creditori? E che dire di cofactor che vanta un debito di 5000 euro (da mia moglie per una carta di credito e siamo in comunione dei beni) che continua a mandarmi solleciti di pagamento senza a/r,devo includerlo nei creditori davanti al giudice? ...

[risposta] CONCORDATO CON I CREDITORI
Ai fini dell'omologazione è necessario che l'accordo sia raggiunto con i creditori che rappresentano almeno il settanta per cento dei crediti. Nei casi di sovraindebitamento del consumatore, ai fini dell'omologazione, è sufficiente che l'accordo sia raggiunto con i creditori che rappresentano almeno il cinquanta per cento dei crediti. Quindi, diciamo che, nel suo caso, se Unicredit aderisce alla proposta di ristrutturazione, può essere avviata la procedura di concordato. Le basi dell'accordo non sono vincolate al rimborso di tutto il debito dovuto ad Unicredit (al limite potrebbe anche accordarsi per uno stralcio del 10%, giusto per fare un esempio), mentre dovrà ...

Concordato preventivo, accordo con i creditori e piano del consumatore - Il debito IVA va pagato per intero e può essere solo dilazionato
L'accordo o a cui possono giungere i creditori con l'imprenditore non fallibile o il piano di ristrutturazione del debito presentato dal consumatore, possono prevedere esclusivamente la dilazione del pagamento con riguardo ai tributi costituenti risorse proprie dell'Unione Europea, all'imposta sul valore aggiunto ed alle ritenute operate e non versate. Anche l'accesso alla procedura di concordato preventivo, che mira a sfociare nel patto concordatario con i creditori, non può portare ad omettere o ridurre il versamento dell'Iva alla scadenza di legge. Per quanto attiene il debito Iva, nel concordato preventivo, nonché negli accordi di ristrutturazione del debito fra creditori ed imprenditore ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Concordato con i creditori