Concordato con i creditori

Quindi se devo 50000 a unicredit 12000 a plusvalore e 5000 (mia moglie in comunione dei beni) a cofactor(che per altro mi manda solleciti di pagamento non a/r) per ottenere una ristrutturazione del mio debito devo dare almeno 3/4 del debito totale cioè circa 50000? In cambio otterrei la cncellazione dal criff e la riabilitazione al credito?Spero che i 50000 siano dilazionabili?

Ai fini dell'omologazione è necessario che l'accordo sia raggiunto con i creditori che rappresentano almeno il settanta per cento dei crediti.

Nei casi di sovraindebitamento del consumatore, ai fini dell'omologazione, è sufficiente che l'accordo sia raggiunto con i creditori che rappresentano almeno il cinquanta per cento dei crediti.

Quindi, diciamo che, nel suo caso, se Unicredit aderisce alla proposta di ristrutturazione, può essere avviata la procedura di concordato. Le basi dell'accordo non sono vincolate al rimborso di tutto il debito dovuto ad Unicredit (al limite potrebbe anche accordarsi per uno stralcio del 10%, giusto per fare un esempio), mentre dovrà essere assicurato l'integrale pagamento dei creditori che all'accordo non aderiscono.

I creditori che non aderiscono, tuttavia, dovranno adeguarsi, se l'accordo viene omologato dal giudice, ai tempi di rimborso (naturalmente gravati dagli interessi legali) previsti nel piano di ristrutturazione.

8 agosto 2012 · Annapaola Ferri

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Concordato preventivo, accordo con i creditori e piano del consumatore - Il debito IVA va pagato per intero e può essere solo dilazionato
L'accordo o a cui possono giungere i creditori con l'imprenditore non fallibile o il piano di ristrutturazione del debito presentato dal consumatore, possono prevedere esclusivamente la dilazione del pagamento con riguardo ai tributi costituenti risorse proprie dell'Unione Europea, all'imposta sul valore aggiunto ed alle ritenute operate e non versate. Anche ...
Riabilitazione da protesto assegno
Nell'ipotesi di emissione di assegno senza provvista, e conseguente protesto, è possibile ottenere la riabilitazione decorso un anno dalla data di levata del protesto, effettuando entro 60 giorni dalla scadenza dei termini di presentazione al pagamento dell'assegno protestato il cosiddetto pagamento tardivo che comprende, per espressa previsione normativa, oltre al ...
Concordato con i creditori - la legge sul sovraindebitamento in aiuto dei debitori
La prima parte del decreto legge - Capo I, articoli da 1 ad 11 - si occupa delle disposizioni in materia di composizione delle crisi da sovraindebitamento, ed è dedicata alle definizioni generali ed, in particolare, all'individuazione della casistica e dei soggetti interessati al provvedimento legislativo, finalizzato a trovare una ...
Estinzione anticipata e sostituzione del mutuo indicizzato al franco svizzero - Regole di rivalutazione
In caso di richiesta di estinzione anticipata per la successiva sostituzione, le clausole contrattuali standard di un mutuo indicizzato in franchi svizzeri prevedono che l'importo del capitale residuo vada prima convertito in franchi svizzeri al tasso di cambio convenzionale fissato nel contratto (alla data di stipula) e successivamente riconvertito in ...
Pubblicazione del protesto - tempi e costi di cancellazione
Il titolo di credito, che prevede il pagamento di una somma a favore di un creditore ad una scadenza certa, viene consegnato, se non coperto (cioè se non è pagato o non ci sono risorse per il pagamento presso la banca alla data indicata), dal creditore (privato o banca emittente) ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca