Comunione dei beni – creo problemi con i miei debiti?

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!



Sono sposata, abbiamo la cominione dei beni, e non ho nessun conto bancario, cointestato con mio marito. In passato mia sorella di nascosto ha usato una targa del mio motorino, prendendo verbali sequestro del motorino. Solo oggi dopo 11, anni ho ricevuta una carta di 2000 euro da pagare e credo che non sia l’unica. Mia mamma mi fece firmare del carte per acquistare la folletto, e non ha finito di pagare.

Perciò su di me credo ho dei debiti che la mia famiglia mi ha tenuto nascosto. Cosa rischio? Nonn voglio creare problemi a mio marito, ho paura, da premettere che mi stavo suicidando quando ho saputo del verbale, perché non è giusto che io debba pagare per colpa degli altri.

Non parlo solo di soldi, ma anche di problemi con mio marito che è all insaputa di tutto ancora. Mi conviene fare la separazioni dei beni?

Stia serena e non si suicidi, signora! Perchè se continua di questo passo al mondo resteranno solo i creditori. Ed anche loro, poverini, senza più debitori sarebbero costretti alla canna del gas.

I debiti contratti prima del matrimonio, non rientrano nella comunione. Dunque i creditori non potranno rivalersi su suo marito, ma soltanto sulla quota a lei spettante (50%) dei beni eventualmente acquistati dopo le nozze.

Pertanto, se lei non lavora, non ha un conto cointestato, non è comproprietaria di immobili acquisiti dopo il matrimonio, può dormire sonni tranquilli. I creditori dovranno attendere che lei vinca al superenalotto …

6 Giugno 2012 · Ludmilla Karadzic



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Comunione dei beni – creo problemi con i miei debiti?





Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!