Comunicazione preliminare avvio procedure esecutive Equitalia a più di cinque anni dalla notifica della cartella esattoriale

Ho recentemente ricevuto (fine novembre 2016), da parte di equitalia, una comunicazione preliminare all'avvio di procedure esecutive in relazione ad una cartella esattoriale emessa nel 2008 per tributi tarsu 2006 non versati, con ruolo del 2007. Ho verificato con equitalia che nessun altro avviso/sollecito è mai stato emesso tra la cartella del 2008 e la recente comunicazione in oggetto che mi ha reso consapevole della situazione.

Mi chiedevo preliminarmente se la mancata riscossione del debito da parte dell'esattore per più di cinque anni dall'invio della cartella, configurasse una prescrizione del diritto a riscuotere e, in caso affermativo, se l'invio dell'ultima comunicazione, successivo alla prescrizione, ne interrompesse i termini.

Partiamo dal presupposto che il termine di prescrizione per l'avvio delle procedure esecutive di riscossione coattiva a seguito della notifica di una cartella esattoriale segua quello del tributo in riscossione e che l'unica eccezione sia rappresentata dal termine di prescrizione decennale per l'avvio delle procedure esecutive di riscossione coattiva a seguito della notifica di una cartella esattoriale originata da debiti erariali (IRPEF, IVA eccetera).

Infatti, i giudici di legittimità hanno chiarito che la cartella di pagamento è un atto amministrativo che risulta privo dell'attitudine a modificare il termine di prescrizione con la conseguenza che il precedente termine prescrizionale di cinque anni ricomincia nuovamente a decorrere dalla notifica della cartella (fra le altre, cassazione 12263/2007).

Gli stessi giudici hanno poi enunciato (sentenza 4283/2010) il principio di diritto secondo il quale la prescrizione della cartella esattoriale è decennale qualora ci si trovi dinanzi ad una sentenza passata in giudicato (in tal caso il termine di prescrizione muta da quello ordinario precedente breve quinquennale in quello decennale) e/o quando la cartella esattoriale è emessa per la riscossione di crediti erariali.

Diversamente la notifica della cartella non fa altro che interrompere il precedente termine di prescrizione (quinquennale o triennale, nel caso di bollo auto) il quale ricomincerà a decorrere dal giorno successivo a quello di notifica.

Insomma, se dalla notifica della cartella esattoriale, avvenuta nel lontano 2008, non è intercorsa con il debitore altra comunicazione interruttiva dei termini di prescrizione, dubitiamo che Equitalia possa legittimamente avviare le procedure esecutive di riscossione coattiva nei confronti del debitore stesso se il credito portato dal titolo esecutivo ha natura di tributo locale (appunto, la TARSU).

17 dicembre 2016 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cartella esattoriale prescrizione e decadenza
TARSU TARI TIA - prescrizione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Equitalia » Prescritta la cartella esattoriale originata da multa se prima di iscrivere il fermo passano cinque anni senza atti interruttivi
E' da ritenersi prescritta la cartella esattoriale, notificata al trasgressore, se Equitalia non si fa viva per cinque anni, a partire dalla multa, prima di recapitare la notifica di preavviso del fermo amministrativo. O meglio, deve ritenersi prescritto il diritto dell'esattore alla riscossione delle somme portate dalla cartella di pagamento ...
In giudizio Equitalia deve esibire l'avviso di ricevimento anche se sono trascorsi più di cinque anni dalla data di notifica della cartella esattoriale
Grava su Equitalia l'onere di provare la regolare notifica delle cartelle esattoriali poste a base dell'azione esecutiva: tale onere deve essere assolto mediante produzione in giudizio della relata di notifica, ovvero dell'avviso di ricevimento (anche detta ricevuta di ritorno), essendo esclusa la possibilità di ricorrere a documenti equipollenti, quali, ad ...
La notifica della cartella esattoriale per TARSU deve avvenire nel termine di prescrizione di cinque anni
In tema di riscossione della tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani (TARSU), la notifica della cartella esattoriale non è sottoposta ad alcun termine di decadenza, posto che quello fissato dall'art. 72, comma primo, del d.lgs. 15 novembre 1993, n. 507, si riferisce esclusivamente alla formazione e alla notifica ...
La prescrizione dei contributi previdenziali è quinquennale e decorre dalla data di notifica della cartella esattoriale
La prescrizione dei contributi previdenziali è quinquennale e decorre dalla data di notifica della cartella esattoriale. Ciò è quanto emerge dalla lettura della sentenza n° 1412 del Tribunale di Catania, pronunciata in data 29 marzo 2012. I giudici catanesi, pur ribadendo che le cartelle originate da debiti previdenziali debbano essere ...
Notifica diretta della cartella esattoriale - Equitalia deve fornire la prova della corrispondenza fra originale dell'atto e copia notificata
Com'è noto la notifica della cartella esattoriale può essere eseguita anche mediante invio, da parte dell'esattore, di lettera raccomandata con avviso di ricevimento; in tal caso la raccomandata è notificata in plico chiuso e la notifica si considera avvenuta nella data indicata nell'avviso di ricevimento sottoscritto». Non è corretto affermare ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca