Compensazione di crediti da dichiarazione dei redditi con debiti esattoriali

In rete ho trovato alcuni articoli che parlano di una proposta di introdurre un pignoramento forzato delle compensazioni Irpef nel 730 in presenza di debiti esattoriali. Tutti gli articoli sono datati prima dell’ultima legge di bilancio.

Non trovo però alcun riferimento normativo poi approvato. Vi risulta che siano stati introdotti meccanismi simili? Anche perché come si concilierebbe un possibile contraddittorio giudiziario (che potrebbe durare anni) con il normale recupero delle detrazioni Irpef nel 730?

Non ci risulta sia passato un simile provvedimento: nelle intenzioni del legislatore la compensazione fra i crediti emersi in sede di dichiarazione dei redditi e i debiti esattoriali a carico del dichiarante avrebbe dovuto essere applicato esclusivamente per le cartelle esattoriali e gli avvisi di accertamento immediatamente esecutivi e non impugnati nei termini di legge.

Poi, qualcuno ha fatto notare che problemi avrebbero potuto nascere per le pretese tributarie non notificate correttamente e di cui il contribuente non aveva conoscenza o anche per le dichiarazioni dei redditi con errori di calcolo (in buona o mala fede) nella determinazione dell’importo a credito, complicando ulteriormente le cose nella fase di controllo delle dichiarazioni.

Ragion per cui la proposta è scomparsa dai radar parlamentari.

16 Febbraio 2020 · Giorgio Valli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dichiarazione dei redditi e compensazione
A decorrere dal 1 gennaio 2011 sono in vigore le nuove regole di compensazione dei crediti erariali in presenza di debiti iscritti a ruolo e scaduti. Si chiede di conoscere se le nuove regole in tema di compensazione trovano applicazione nell'ipotesi in cui il contribuente presenti il Mod. 730 dal quale risulti un credito di addizionale (regionale o comunale) e un debito IRPEF. ...

dichiarazione redditi compensazione: decreto.
L'articolo 31 del decreto legge 78/2010 introduce, a partire dal 1° gennaio 2011, il divieto di effettuare la compensazione nel modello F24 dei crediti relativi alle imposte erariali, nell'ipotesi in cui il contribuente sia debitore di imposte erariali di importo superiore a mille e 500 euro, iscritte a ruolo e per le quali sia scaduto il termine di pagamento. Qualora il contribuente presenti il Mod. 730 dal quale risulti un credito/debito di addizionale e un debito/credito IRPEF, trovano applicazione le specifiche regole previste in tema di liquidazione del 730 di cui al d.m. 31 maggio 1999, n. 164, e non ...

Presentazione di una dichiarazione dei redditi dopo 90 giorni dalla scadenza del termine ordinario (dichiarazione omessa) - Quali sanzioni?
Mio figlio l'anno scorso non ha presentato la dichiarazione dei redditi da lavoro dipendente (modello 730). Purtroppo ho visto nel sito dell'Agenzia delle Entrate che tale dichiarazione precompilata non è più modificabile. In tale dichiarazione risulta a debito Irpef di circa 1100 euro, mentre nella realtà, facendo i calcoli, risulta a credito di circa 400 euro, questo perchè nel modello precompilato non viene indicato il numero dei giorni in cui ha lavorato, e di conseguenza, non sono state fatte le ritenute da lavoro dipendente spettanti. Mi sono recata all'Agenzia delle entrate per chiedere come si può sanare la situazione, e ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Compensazione di crediti da dichiarazione dei redditi con debiti esattoriali