Compass e Credithech

Vengo al dunque: circa due anni fa la mia compagna ha stipulato un contratto con Compass per una carta prepagata, quella rimborsabile mese per mese. Per problemi finanziari non siamo riusciti ad estinguere il debito ed avevamo da restituire circa 800 euro alla Compass.

Dopo un po' ci siamo messi d accordo con l'agenzia stessa, pattuendo che avremmo restituito il debito mensilmente in cambiali da 100 euro al mese, e abbiamo regolarmente pagato ogni mese: tra l'altro hanno rivoluto con le more 1500.

Ma a noi non importava, l'importante era toglierci di mezzo questo debito. Ora, stamane mi arrivano due lettere di tale CREDITECH, una mi intimava di pagare 470 euro e l'altra 1037 euro per insoluti con la Compass, con codici pratica differenti.

Ho chiamato la Compass e mi hanno detto che non sanno dirmi nulla in quanto il credito ormai è con Creditech, il numero della Creditech invece risulta inesistente.

Qualcuno sa dirmi come devo comportarmi? tra l'altro ho 15 giorni per pagare.

Che il numero della Creditech sia inesistente o meno, ha poca importanza. Questo tipo di problematiche non si risolvono al telefono.

Quindi, la prima cosa da fare è scrivere una raccomandata A/R alla Creditech chiedendo di specificare di quali crediti esige il rimborso: se si tratta di crediti acquisiti da Compass, la Creditech deve produrre al debitore le lettere di cessione che identificano compiutamente i finanziamenti e gli importi residui per cui essa agisce.

Dopo che avrà ricevuto la documentazione, potrà confrontarla con l'accordo a saldo stralcio e pagamento rateizzato in cambiali stipulato con Compass attraverso l'agenzia.

Non è la prima volta che vengono ceduti crediti presunti, in realtà già transati con un accordo stragiudiziale.

25 novembre 2014 · Annapaola Ferri

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Carta revolving
Per chi è gia familiare con l'uso delle carte di credito, la carta revolving (o carta di debito) puó rappresentare una semplice evoluzione. Solitamente, con la carta di credito (Visa, Mastercard, American Express e cosi via) tutti gli acquisti effettuati nell'arco di un mese sono addebitati in un'unica somma, il ...
Tutela del consumatore – attività antitrust nel settore del credito al consumo
Nel settore del credito al consumo, nel corso del 2012 l'Antitrust è stata principalmente chiamata a valutare la corretta indicazione degli elementi essenziali da cui poter ricavare le condizioni economiche di erogazione dei finanziamenti e l'incidenza delle voci che partecipano alla determinazione dei costi complessivi degli stessi, riscontrando che in ...
La riscossione coattiva esattoriale in sintesi
Per debiti fino a mille euro, le azioni cautelari ed esecutive sono possibili dopo 120 giorni dall'invio al debitore del dettaglio delle iscrizioni a ruolo. ...
Consolidamento debiti – estinguere i vecchi debiti, unificare le rate e pagare di meno
Ah, le rate di fine mese! Quante sono le famiglie italiane che mensilmente fanno i conti con i debiti da pagare? Il mutuo, l'automobile, ma anche il televisore o più banalmente l'ultima settimana di vacanza in montagna. Piccoli e grandi prestiti che si sommano a fine mese in altrettanto piccole ...
Pubblicità ingannevole » Lo spot fraudolento di Enel Energia
L'Antitrust (Agcm) con il bollettino del 23 Settembre 2013 ha dichiarato di aver inflitto alla società di Enel Energia una sanzione di centomila euro: il motivo è rappresentato dalla pubblicità dell'offerta Tutto compreso gas, ritenuta ingannevole. Le pratiche commerciali scorrette sono un brutto vizio da cui non si salva proprio ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca