Come va inquadrato nella DSU il possesso al 50% di un immobile concesso in comodato d'uso?

Mia madre è proprietaria per una quota del 50% di una casa, l'altra metà è di proprietà della sorella: trattandosi della casa dei loro genitori dove la sorella di mia madre ha sempre vissuto sino al loro decesso, mia madre ha concesso il suo 50% alla sorella che continua ad utilizzare la casa come sua abitazione personale (mia madre a vive altrove).

In sede di dichiarazione isee mia madre deve indicare il suo 50% concesso in uso gratuito. E se sì, va indicata la situazione giuridica di fatto, ossia il gravame dell'uso.

Solo per la casa di abitazione è possibile indicare una eventuale assegnazione in comodato dell'immobile.

Per gli altri cespiti del patrimonio immobiliare da riportare nella Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) per il calcolo dell'Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) va indicata la quota percentuale di possesso nonché il valore della quota posseduta così come determinato in sede di pagamento IMU.

26 maggio 2018 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

redditi e patrimonio del nucleo familiare ISEE

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Il comodante può chiedere la restituzione del bene immobile concesso in comodato sulla base di esigenze abitative personali
Se la concessione in uso dell'immobile ha avuto inizio prima del matrimonio del comodatario, non può ritenersi che il comodato sia stato concesso per adibire l'immobile a residenza coniugale. Ne discende che, in mancanza di ogni supporto probatorio anche solo presuntivo a conferma di una tale circostanza, il principio per ...
Immobile concesso a genitori e figli con contratto di comodato d'uso - Agevolazioni per IMU e TASI
Il codice civile definisce il comodato come il contratto col quale una parte consegna all'altra una cosa mobile o immobile, affinché se ne serva per un tempo o per un uso determinato, con l'obbligo di restituire la stessa cosa ricevuta. Il comodato è essenzialmente gratuito. Qualora il contratto di comodato ...
Immobile concesso in comodato da un terzo - Successiva separazione dei coniugi ed assegnazione della casa familiare
Il coniuge affidatario della prole minorenne, o maggiorenne non autosufficiente, assegnatario della casa familiare, può opporre al comodante, che chieda il rilascio dell'immobile, l'esistenza di un provvedimento di assegnazione, pronunciato in un giudizio di separazione o divorzio, solo se tra il comodante e almeno uno del coniugi il contratto in ...
Comodato d'uso di un immobile » il proprietario può risolvere il contratto se la destinazione del bene è dubbia
Il proprietario dell'immobile può risolvere il contratto di comodato d'uso se la destinazione del bene non è chiara. Con il contratto di comodato, il proprietario concede gratuitamente a terzi il diritto di uso del bene proprio e, quindi, soprattutto quando si tratti di un immobile, la sussistenza di una effettiva ...
Bonus bebè - una nuova chance per chi si è visto respingere la domanda
Nel caso di domande per il bonus bebé respinte perchè non è stato reperito un ISEE valido oppure perchè dalla dichiarazione ISEE non risulta convivente con il figlio per il quale è richiesto l'assegno, è prevista, su istanza del richiedente, la possibilità di riesame della domanda respinta presso la Sede ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca