Come salvare un rimborso da Equitalia ed evitare uno sfratto?

Convivo con mio padre, 65 enne: io sono al momento disoccupato mentre mio padre svolge lavori saltuari.

Mio padre negli anni passati ha accumulato debiti per 24 mila circa.

Ora, a fronte di un rimborso di 2 mila e 400 euro Equitalia propone una compensazione con il debito di mio padre.

Visto che siamo in una situazione molto disagiata e prossimi allo sfratto e visto che comunque il debito non si avvicinerebbe neppure all'estinzione, come possiamo fare per ricevere i 2 mila e 400 euro del rimborso? Basta rifiutare la compensazione proposta?

La compensazione dei crediti inferiori ai 10 mila euro che il debitore vanta nei confronti della PA con i debiti accumulati con la stessa PA, per i quali agisce Equitalia, non è obbligatoria.

Tanto è vero che per ottenere la compensazione il debitore deve compilare e sottoscrivere un apposito modulo.

Peraltro, l'articolo 28 ter del DPR 602/73 (Pagamento mediante compensazione volontaria con crediti d'imposta) prescrive che in sede di erogazione di un rimborso d'imposta, l'Agenzia delle entrate verifica se il beneficiario risulta iscritto a ruolo e, in caso affermativo, trasmette in via telematica apposita segnalazione all'agente della riscossione che ha in carico il ruolo.

Ricevuta la segnalazione Equitalia notifica all'interessato una proposta di compensazione tra il credito d'imposta ed il debito iscritto a ruolo, sospendendo l'azione di recupero ed invitando il debitore a comunicare entro sessanta giorni se intende accettare tale proposta.

In caso di rifiuto della proposta di compensazione o di mancato tempestivo riscontro alla stessa, cessano gli effetti della sospensione della riscossione coattiva ed Equitalia comunica in via telematica all'Agenzia delle entrate che non ha ottenuto l'adesione dell'interessato alla proposta di compensazione.

Naturalmente, bisogna vigilare perchè il conto corrente sul quale l'Agenzia delle entrate bonificherà il rimborso sarà potenzialmente esposto al pignoramento da parte di Equitalia.

16 settembre 2015 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

compensazione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Evitare lo sfratto? » Ecco due espedienti: Il termine di grazia e la morosità incolpevole
Avete preso una casa in affitto e, a causa di momentanea indisponibilità economica, non riuscite a pagare il contributo mensile al padrone dell'immobile? Ecco alcuni espedienti per poter evitare, o almeno ritardare, lo sfratto. Come sappiamo, lo sfratto per morosità è il provvedimento attraverso il quale il Giudice impone al ...
Equitalia » Come ottenere il rimborso della cartella esattoriale
In questo articolo vi spiegheremo come fare per ottenere il rimborso delle somme non dovute dopo aver onorato il pagamento di una cartella esattoriale di equitalia. Il rimborso spetta al contribuente quando ha versato somme in più rispetto a quanto dovuto all'ente creditore oppure se ha ottenuto dall'ente lo sgravio ...
Contratto di locazione » Ritardo nel pagamento del canone? Sfratto autorizzato
Il contratto di locazione può decadere anche per una sola rata non pagata dal conduttore. Il mancato pagamento di una sola rata, o anche il semplice ritardo nel versamento, può giustificare la risoluzione del contratto di locazione se previsto da una clausola risolutiva espressa. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla ...
Per il fisco è reato compensare un credito inesistente o un credito non spettante
Le norme tributarie (articolo 10 quater del D.Lgs. 74/2000) puniscono la condotta di chi utilizzi in compensazione nelle dichiarazioni di imposta, crediti non spettanti ovvero inesistenti, per un ammontare superiore, per ogni periodo di imposta, ad Euro 50 mila. Va tuttavia precisato che, mentre il concetto di credito inesistente è ...
Morte del conduttore per coppie di fatto e coniugi separati - Subentro nel contratto di locazione e intimazione di sfratto
L'assegnazione della casa familiare ad uno dei coniugi determina la successione ("subentro") del coniuge assegnatario nel contratto di locazione. Nell'ambito della separazione e del divorzio, il giudice, in presenza di figli conviventi, assegna la casa familiare ad uno dei coniugi (e precisamente al coniuge affidatario dei figli). ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca