Come riscuotere un credito dal datore di lavoro chiamato all’eredità di un immobile

Io vanto un credito di lavoro a seguito di sentenza del tribunale di lavoro, credito solo parzialmente soddisfatto da parte dell’inps Come riconoscimento del tfr e ultime 3 mensilità. Il padre del mio debitore è morto ed aveva una casa intestata al 100%. Ora io quali azioni devo fare per poter soddisfare il mio credito considerando anche che il mio debitore ha una sorella?

Può, intanto, iscrivere ipoteca sul bene ereditato dal debitore (anche sulla quota del bene, se l’immobile è stato condiviso al 50% con la propria sorella): qualora, per evitare di pagare il debito, il debitore avesse rinunciato all’eredità, il creditore insoddisfatto può rivolgersi al giudice ex articolo 524 del codice civile, in base al quale se qualcuno rinuncia all’eredità con danno dei suoi creditori, questi possono farsi autorizzare ad accettare l’eredità in nome e luogo del rinunziante, al solo scopo di soddisfarsi sui beni ereditari fino alla concorrenza dei loro crediti.

Il diritto dei creditori si prescrive in cinque anni dalla rinunzia.

25 Dicembre 2019 · Rosaria Proietti

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Prescrizione del diritto a riscuotere differenze, dovute e non versate dal datore di lavoro, relative al Trattamento di Fine Rapporto
Quattro anni fa il datore di lavoro mi ha liquidato il Trattamento di Fine Rapporto (TFR): un paio di mesi fa, grazie ad un ricalcolo elaborato con un consulente del lavoro, mio amico, mi sono accorto che avrei avuto diritto ad una cifra ben maggiore di quella a suo tempo liquidata. Ho chiesto, pertanto, che mi fosse integrata la differenza, ma mi hanno risposto che il credito era ormai prescritto per decorso del termine triennale di cui all'articolo 2956 del codice civile. E' così? ...

La Cofactor semplicemente minaccia il debitore di procedere ad un ricorso ingiuntivo per poi ottenere il pignoramento dello stipendio alla fonte, presso il datore di lavoro (pignoramento presso terzi - il datore di lavoro è il terzo, non suo padre)
Se suo padre non ha garantito per lei quando ha ottenuto i finanziamenti che poi non ha rimborsato, non c'è nulla da temere. Non solo non può essere coinvolto nelle vicende debitorie del figlio, men che mai subire conseguenze su eventuali sgravi fiscali di cui fruisce. La Cofactor semplicemente minaccia il debitore di procedere ad un ricorso ingiuntivo per poi ottenere il pignoramento dello stipendio alla fonte, presso il datore di lavoro (pignoramento presso terzi - il datore di lavoro è il terzo, non suo padre). Ma, se il debitore non lavora, o lavora in nero, la Cofactor è condannata ...

Pagamento da parte del nuovo datore di lavoro di cessione del quinto sottoscritta durante l'impiego presso un precedente datore di lavoro
Vorrei sapere se il datore di lavoro è tenuto a pagare un debito derivante dalla richiesta di una società di recupero crediti che opera per conto di una assicurazione garante di cessione del quinto, a suo parere estinta anticipatamente con Tfr e per il quale residuo io non sono a conoscenza; e inoltre il datore di lavoro deve avvertire il dipendente che sta effettuando tale pagamento? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Come riscuotere un credito dal datore di lavoro chiamato all’eredità di un immobile