Come Ripartire?

E pensare che una volta ero un giovane ottimista: dopo tre anni di attività mi trovo con debiti con i fornitori per 28 mila euro, banca 20 mila euro e finanziaria Compass 18 mila.

Ora il lavoro ha avuto un ulteriore rallentamento, iniziano a ritornare i primi assegni indietro, ho due rate da 1000 euro in banca scadute, e peggio di tutte 3 rate alla Compass indietro (peggio per i modi poco cortesi del recupero crediti).

Le spese per lo scoperto di conto e per il recupero crediti Compass non sono sostenibili. Sinceramente non so più che fare.

I tempi son tristi assai: proprio oggi la cattiva notizia dell'Italia ormai in piena deflazione. E non saranno certo i sorrisi perenni dell'ebetino e delle ex fighette del loft a rimetterci in carreggiata.

I tempi son cambiati: una volta ci si metteva in attività per raggiungere il benessere per sé stessi e per i propri familiari. Oggi per tirare a campare, se va bene; in mancanza, solo per capire fin dove si arriva, provando a battere il record di durata fra debiti e difficoltà di ogni genere.

In questo contesto, paghi prima i fornitori, poi la banca, ma solo quanto basta.

La Compass potrà aspettare momenti migliori, se mai arriveranno.

29 agosto 2014 · Ludmilla Karadzic

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Rateazione della cartella esattoriale » Nuove regole: il beneficio decade con l'omesso pagamento di cinque rate anche non consecutive
A partire dal 22 ottobre 2015, l'agente della riscossione, su richiesta del contribuente che dichiara di trovarsi in temporanea situazione di obiettiva difficoltà, concede la ripartizione del pagamento delle somme iscritte a ruolo, con esclusione dei diritti di notifica, fino ad un massimo di settantadue rate mensili. Nel caso in ...
Recupero crediti e violazione della privacy » Via libera al risarcimento danni
Via libera al risarcimento da pratiche aggressive nel recupero crediti. Deve essere riconosciuto il danno non patrimoniale al debitore braccato dalla società incaricata dalla banca affinché saldi il suo debito relativo a un prestito ottenuto dall'istituto. Lo ha stabilito il Tribunale di Chieti, il quale, con la pronuncia 883/12, ha ...
Dichiarazione IVA omessa o infedele - Quando non è punibile
La Corte costituzionale, con sentenza 80/14 ha dichiarato, l'illegittimità costituzionale della norma che, con riferimento ai fatti commessi sino al 17 settembre 2011, punisce l'omesso versamento dell'imposta sul valore aggiunto, dovuta in base alla relativa dichiarazione annuale, per importi non superiori, per ciascun periodo di imposta, ad Euro 103 mila. ...
Contratti di prestito – rinnovo della cessione del quinto
Il lavoratore dipendente che ha in corso una cessione del quinto può chiederne il rinnovo della cessione prima della data di scadenza. Questa è una caratteristica della cessione del quinto che può risultare molto importante. Procedere al rinnovo della cessione significa erogare un nuovo finanziamento che viene in parte utilizzato ...
Il mutuo è poco trasparente » Condannato istituto di credito
Mutuo poco trasparente: il tribunale di Torino ha condannato una banca a restituire alla cliente le perdite di denaro accumulate dal derivato, più gli interessi, ritenendo nulla la sottoscrizione. A volte può bastare una firma su un contratto bancario per finire intrappolati nei labirinti finanziari. La cliente ed il contratto ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca