Come rinunciare ad una eredità?

A mia moglie è appena morto il nonno (la nonna non era più viva da tempo): nella casa lasciata dal nonno gli eredi sono mia moglie e due suoi fratelli (mia moglie ed i fratelli non hanno più la madre, figlia del nonno morto). In questa casa vive una figlia del nonno defunto.

Quali sono i passi necessari e le tempistiche da seguire per rinunciare all'eredità in questione?

Rinunciando all'eredità è corretto che mia moglie non dovrà pagare nessuna tassa sulla parte di casa che le spetterebbe?

Un'ultima domanda, mia moglie è stata contattata dalla banca per dare il benestare al bonifico che sua sorella (delegata sul conto del nonno) ha fatto per il pagamento del funerale. E' corretta la prassi che la banca vuole da mia moglie la firma? Se si, la firma non fa si che accettiamo l'eredità che non vogliamo accettare?

La rinuncia all'eredità può essere perfezionata presso la cancelleria del tribunale del luogo in cui si è aperta la successione (ultimo domicilio del defunto) compilando il modulo disponibile allo scopo, oppure incaricando un notaio (in qualsiasi luogo dove esercita la professione).

La rinuncia all'eredità va effettuata entro tre mesi dal decesso, se il chiamato all'eredità è in possesso dei beni del defunto; altrimenti il diritto di rinunciare all'eredità può essere esercitato entro dieci anni dal decesso.

In ogni caso, naturalmente, la rinuncia all'eredità va fatta prima della presentazione della denuncia di successione e comunque prima della divisione dell'eredità fra i chiamati che accettano.

Ma attenzione sempre a quanto dispone l'articolo 476 del Codice civile, secondo il quale l'accettazione è tacita quando il chiamato all'eredità compie un atto che presuppone necessariamente la sua volontà di accettare e che non avrebbe il diritto di fare se non nella qualità di erede.

Costituiscono esempi concreti di accettazione tacita dell'eredità il pagamento da parte del chiamato dei debiti ereditari con denaro prelevato dalla massa ereditaria oppure, più in generale, il compimento di atti di disposizione di beni ereditari come potrebbe essere, nella fattispecie, l'autorizzazione richiesta dalla banca a dare esecuzione ad un bonifico, a favore di altri eredi, con importi prelevati dal saldo di conto corrente del defunto.

12 luglio 2018 · Tullio Solinas

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accettazione tacita eredità
rinuncia eredità

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Eredità - Quando il chiamato debitore muore prima di accettare o rinunciare
Famiglia con madre padre e due fratelli: muore prima la madre e i figli diventano eredi, senza aver fatto la successione in quanto nel loro caso non necessaria, in quanto sono presenti poche migliaia di euro presenti su un conto in comune con la madre e basta, niente case ne ...
Le norme su successioni ed eredità
Quando lo zio d'America passa a miglior vita, oltre a qualche lacrima si iniziano a fare i conti sull'ipotetica eredità che ci ha lasciato. Ma in Italia il tema delle successioni è molto complesso e legato a criteri antichi, adatti per regolare le società di un tempo. La normativa ruota ...
Diritto di abitazione » Alla morte del padre la madre comproprietaria può far cacciare di casa il figlio che non contribuisce alle spese
Diritto di abitazione: morto il padre, la madre comproprietaria può far cacciare di casa la figlia che non contribuisce alle spese. In questi casi scatta, infatti, l'ordine di rilascio dell'immobile: se è intollerabile la convivenza, il diritto del coniuge superstite prevale sul compossesso della figlia che ha già redditi propri. ...
Mantenimento » Figlia vive sola? Madre perde assegno e casa familiare
In tema di separazione, nel caso il figlio affidato andasse a vivere da solo, la madre affidataria perderebbe l'ex casa familiare e il mantenimento della ragazza corrisposto dall'ex coniuge obbligato. Questo importante principio è stato stabilito dalla Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 24510/2013, ha stabilito che: L'avvenuta ...
Nonno dona immobile al nipote e il diritto di abitazione al figlio debitore - Così si evitano le azioni giudiziali esperibili dal creditore quando il nonno passerà a miglior vita
Cosa fare quando il debitore ha un genitore proprietario di un immobile in età ormai avanzata e la fortuna di aver generato un figlio (o una figlia, s'intende), ma è anche esposto per debiti ingenti? Se il padre muore senza lasciare testamento l'immobile viene ereditato dal debitore, il quale, naturalmente, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca