Come fanno i creditori a scoprire che il debitore ha rinunciato ad una eredità per accettare al suo posto?

Domanda di ValerioG
29 marzo 2017 at 16:59

Conosco l'argomento con annessi e connessi alla rinuncia dell'eredità: chiedo però una cosa che non ho trovato da nessuna parte.

Ho dei debiti, eredito degli immobili da mio padre, rinuncio all'eredità, subentra ed eredita la mia parte mio figlio maggiorenne.

Come fanno i creditori a scoprire che ho rinunciato all'eredità per subentrare al mio posto?

Da quanto ho avuto modo di vedere in internet, non mi risulta esistano archivi informatici di alcun tipo che annotino la rinuncia e lo stesso registro delle successioni può essere visionato solo previa autorizzazione del giudice. Ma qual è quel creditore che si avventura in una simile richiesta soprattutto per importi di una manciata di euro?

Mi potete dire quali strumenti eventualmente ha il creditore per venire a conoscenza di un'eventuale rinuncia da parte mia?

Risposta di Lilla De Angelis
29 marzo 2017 at 17:58

Su istanza del creditore procedente, il presidente del tribunale del luogo in cui il debitore ha la residenza, il domicilio, la dimora o la sede, verificato il diritto della parte istante a procedere ad esecuzione forzata, autorizza la ricerca con modalità telematiche dei beni da pignorare.

Il presidente del tribunale o un giudice da lui delegato dispone che l'ufficiale giudiziario acceda mediante collegamento telematico diretto ai dati contenuti nelle banche dati delle pubbliche amministrazioni e, in particolare, nell'anagrafe tributaria, compreso l'archivio dei rapporti finanziari e in quelle degli enti previdenziali, per l'acquisizione di tutte le informazioni rilevanti per l'individuazione di cose e crediti da sottoporre ad esecuzione.

Il diritto dei creditori si prescrive in cinque anni dalla rinuncia all'eredità esercitata dal debitore (articoli 2934 e seguenti del codice civile).

Possiamo dunque concludere che gli strumenti di cui il creditore dispone per agire nei confronti del debitore chiamato all'eredità, che vi rinuncia, sono l'articolo 492 bis del codice di procedura civile e l'articolo 2934 del codice civile).

Un qualsiasi creditore che decida di procedere giudizialmente nei confronti del proprio debitore, e che ottenga dal giudice un decreto ingiuntivo (ma anche un creditore in possesso di un titolo esecutivo valido come un assegno non pagato o una cambiale protestata), ha poi diritto a ricercare i beni del debitore fruendo di quanto disposto dall'articolo 492 bis: l'ufficiale giudiziario incaricato (ed autorizzato dal giudice) consulta di prassi l'anagrafe tributaria (alla ricerca di conti correnti e rapporti finanziari, di debitori del debitore quali il datore di lavoro o l'INPS), i registri di pubblicità immobiliare (per individuare gli eventuali beni immobili del debitore), il pubblico registro automobilistico e, perchè no, al registro delle successioni (è una consultazione che non viene, di solito, mai tralasciata dal momento che nei cinque anni successivi alla rinuncia all'eredità da parte del debitore, il creditore procedente può ancora intervenire proficuamente).

L'articolo 492 bis è entrato in vigore nell'agosto 2015 (legge 132) mentre la sentenza emessa della prima sezione del tribunale amministrativo regionale per l'Emilia Romagna, secondo la quale per accedere alla successione altrui serve l'autorizzazione del giudice è del 2011. E, in ogni caso, la ricorrente, in quella occasione, non era nemmeno munita di un titolo esecutivo ma intendeva accedere al registro delle successioni solo per conoscere la consistenza dell'eredità di cui aveva beneficiato il marito allo scopo di utilizzare l'informazione acquisita nella causa di separazione personale.


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del forum iscriviti al feed RSS delle discussioni del forum

Altre discussioni simili nel forum

debiti ed eredità - situazioni particolari
rinuncia ad eredità

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Rinuncia all'eredità - Si può sempre accettare successivamente
L'atto di rinuncia all'eredità deve essere rivestito di forma solenne (dichiarazione resa davanti a notaio o al cancelliere e iscrizione nel registro delle successioni). E' escluso che la rinuncia all'eredità possa essere fatta mediante scrittura privata autenticata. La rinuncia all'eredità non fa venir meno la delazione (cioè la messa a ...
Rinuncia all'eredità – i creditori possono accettare l'eredità in nome e luogo del rinunciante debitore
Salve, siamo tre eredi che dovremmo accettare l'eredità dei nostri genitori deceduti. Mio fratello vorrebbe passarmi i suoi diritti dell'eredità, perchè lui era amministratore unico di una SRL, alla quale da poco è stata presentata una istanza di fallimento. Vorrei sapere se i suoi diritti all'eredità li posso accettare e ...
Quando il pagamento di un debito del defunto configura accettazione tacita dell'eredità
In tema di successioni per causa di morte, un pagamento transattivo del debito del de cuius, ad opera del chiamato all'eredità, configura un'accettazione tacita dell'eredità, non potendosi transigere un debito ereditario se non da colui che agisce quale erede. Ma, lo stesso adempimento eseguito con denaro proprio, ed in epoca ...
Rinuncia all'eredità del debitore fallito
Com'è noto, il codice civile (articolo 524) prescrive che, se il debitore rinuncia ad una eredità con danno dei suoi creditori, questi possono farsi autorizzare ad accettare l'eredità in nome e luogo del rinunziante, al solo scopo di soddisfarsi sui beni ereditari fino alla concorrenza dei loro crediti. Il diritto ...
Quando il creditore può accettare l'eredità in nome e per conto del debitore rinunciante
Purtroppo Giancarlo, sul suo debito non è invocabile alcuna prescrizione, dato che prima del 31 dicembre 2010 una finanziaria (cui è stato evidentemente ceduto il credito garantito dalla sua fideiussione) le ha chiesto di regolarizzare la sua posizione. Qualsiasi donazione dei beni di proprietà ad opera di un debitore può ...

Spunti di discussione dal forum

I creditori possono impugnare la rinuncia all’eredità effettuata dal chiamato debitore anche se al tempo i pagamenti a servizio del debito erano regolari?
Tre anni fa ho rinunciato all'eredità di mio padre in favore di mio fratello per motivi familiari: in seguito ho avuto difficoltà economiche e non ho potuto più pagare dei debiti alla banca. Non ho a tutt'oggi ricevuto decreto ingiuntivo alcuno, però leggevo che i creditori potrebbero chiedere l'annullamento di…
Ulteriori chiarimenti su rinuncia all’eredità – Se la casa a cui ho rinunciato non esiste più, cosa succede?
A proposito della risposta precedente, vorrei informare che tale casa non esiste più, perchè è stata demolita e sul terreno ne è stata costruita un'altra, che ovviamente ora ha più valore, essendo nuova e più grande. In che modo potrebbero mai gli eventuali creditori farsi assegnare un'eredità che di fatto…
Successione e rinuncia all’eredità
Nel 1990 mio marito ha cessato la libera professione per fallimento avendo in sospeso diversi debiti con finanziarie e banche. Nel 1994 è stato assunto presso la pubblica amministrazione e pertanto i creditori hanno provveduto a pignorare il quinto dello stipendio. Essendo sposata in separazione dei beni, volevo sapere se…
Rinuncia a eredità di un amministratore fallito due volte
Se l'amministratore di una srl vanta un grosso debito (dell'ordine di oltre 200mila euro) nei confronti di Equitalia per contributi e Iva non versati e ha rinunciato a due eredità appena prima e nel corso dei fallimenti, può Equitalia disporre di impugnare le sue rinunce?
Possono i creditori impugnare un testamento per conto del debitore leso nella quota di legittima?
Famiglia composta da madre, padre e 3 figli: madre intestataria al 100% di immobile e padre debitore di istituti di credito. Madre fa testamento e lascia tutto alle tre figlie (marito non fa azione di riduzione). So che i creditori del marito escluso potrebbero comunque impugnare il testamento e fare…

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti