Come oscurare una sofferenza censita nella Centrale Rischi della Banca d’Italia

La mia domanda è: ho pagato il mio debito, in CRIF risulto pulito, ma in centrale rischi no, perché sono stato sofferente e risulto ancora tale, siccome devo fare un mutuo c’è un modo per la cancellazione della mia sofferenza dato che sono trascorsi più di 24 mesi? Se si come?

Una volta regolate le vecchie pendenze con un accordo transattivo a saldo stralcio bisogna attendere 36 mesi (non 24) affinché la posizione debitoria venga oscurata sia in un Sistema privato di Informazioni Creditizie (SIC) come la Centrale Rischi di Intermediazione Creditizia (CRIF) che nella Centrale Rischi pubblica (CR) gestita dalla banca d’Italia.

Talvolta capita che, anche decorsi i tre anni, la posizione regolata a saldo stralcio non venga oscurata: la segnalazione, in questo scenario, si reitera in riferimento al debito residuo, ovvero per la parte differenza fra importo del prestito originariamente erogato al debitore inadempiente e importo saldato dal debitore inadempiente in base all’accordo stragiudiziale intervenuto con il creditore.

Ciò perché l’articolo 1236 del codice civile prescrive che se la liberatoria rilasciata dal creditore non fa esplicitamente riferimento alla volontà del creditore di rinunciare all’importo residuo (debito rinunciato), allora il debito residuo deve intendersi non estinto.

Se il caso è questo, allora l’unica soluzione percorribile per oscurare in CR la propria posizione debitoria dopo il purgatorio triennale dalla data di regolazione dell’inadempimento è ricorrere all’Arbitro Bancario Finanziario (ABF) che in più di una occasione si è espresso favorevolmente al debitore, ritenendo che anche una formula implicita contenuta nella liberatoria (del tipo “il creditore non ha null’altro a pretendere” oppure “nulla è più dovuto”) può integrare la volontà del creditore di rinunciare all’importo residuo pari alla differenza fra quanto originariamente erogato a prestito dal creditore e quanto effettivamente pagato a saldo stralcio dal debitore.

31 Marzo 2021 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Centrale Rischi (CR) della Banca d'Italia - Come si può ottenere la cancellazione della posizione debitoria censita?
ho una segnalazione come sofferenza per un prestito sottoscritto nel 2003 e che è stato segnalato come sofferenza nel 2011.non esiste proprio alcuna modalità che consenta la cancellazione della segnalazione? neanche dopo molti anni? grazie. ...

Segnalazione censita nella Centrale Rischi (CR) della Banca d'Italia - Nulla, invece, risulta nella Centrale Rischi degli Intermediari Finanziari (CRIF)
Sul mio conto in CR risultano due SOFFERENZE: una relativa ad un prestito con una banca: l'altra relativa ad un leasing inizialmente stipulato con la NEOS, ed ora presente in CR come MEDIOCREDITO ITALIANO. Sul CRIF invece, nulla risulta. Poiché mi accingo a chiudere le due posizioni mediante accordo trasattivo a saldo e stralcio, rischio che la segnalazione "di chiusura" venga inviata anche al CRIF? Per quale motivo nulla risulta sul CRIF? ...

Modifica causale di appostazione a sofferenza registrata nella posizione censita nella CRIF e in CR Banca D'Italia
Nel 2015 ho ottenuto un prestito da Intesa San Paolo per l'iscrizione in palestra: purtroppo però, rimasi senza lavoro e trovai notevole difficoltà nel rimborsare regolarmente il prestito. La mia posizione è finita a sofferenza a Maggio del 2019. A giugno del 2019, ho pagato il restante del mio debito (ormai però ero finito a sofferenza sia in CRIF che in Banca D'Italia). Questo mese ho richiesto la rettifica dei miei dati in CRIF (ho attivato Mettinconto365). Intesa San Paolo ha risposto (come sempre in ritardo) e ha rettificato i dati, facendo apparire in CRIF il mio debito estinto, mentre ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Come oscurare una sofferenza censita nella Centrale Rischi della Banca d’Italia