Coinquilini con prole

Da circa tre anni condivido la mia abitazione con un coinquilino: a settembre è nata mia figlia ed il mio coinquilino l'ha riconosciuta in quanto padre naturale.

L'ufficio anagrafe del nostro comune ci ha convocato dicendoci che essendoci un presunto rapporto affettivo fra noi, poichè genitori dello stesso figlio, dovremmo costituire un unico nucleo famigliare con conseguente modifica del nostro reddito in quanto si accumulerebbe.

Abbiamo proposto una dichiarazione congiunta in cui sosteniamo che fra noi non esiste un legame affettivo ma ci è stato detto che esiste un regolamento nazionale che non ci permette di mantenere il nostro status.

Che cosa devo fare?

Sono obbligata a formare un nucleo famigliare con mia figlia ed il mio coinquilino oppure possiamo mantenere due nuclei famigliari e quindi due stati di famiglia differenti(mi spiego: un nucleo formato da me e mia figlia e l'altro costituito dal mio coinquilino e sua figlia)pur abitando nella stessa casa?

La ringrazio per l'attenzione augurandomi di essere stata sufficientemente chiara nell'esporre il mio quesito.
Cordiali saluti. Francesca

Nella situazione da lei descritta esiste un unico nucleo familiare ai fini ISEE ed è quello costituito dalla bambina, dalla madre e dal padre naturale che l'ha riconosciuta.

17 novembre 2011 · Ludmilla Karadzic

Approfondimenti e integrazioni dal blog

DSU ISEE per minorenne - Nucleo familiare con padre non convivente non coniugato e senza figli riconosciuti con altre donne
Ho letto che per una coppia di fatto come la mia il nucleo famigliare è quello dello stato di famiglia: mamma e bambino, perchè il papà è residente altrove e non siamo sposati. Vorrei sapere se a Torino esiste una delibera specifica per cui va considerato anche il padre per ...
Sinistro stradale » Al fidanzato della vittima va corrisposto il risarcimento danni solo se si tratta di un legame affettivo elevato
Sinistri stradali: per il risarcimento danni al compagno della vittima devono sussistere stati di legami affettivi elevati. Affinché si configuri la lesione di un interesse a rilevanza costituzionale, la convivenza non deve intendersi necessariamente come coabitazione, quanto piuttosto come stabile legame tra due persone, connotato da duratura e significativa comunanza ...
Mantenimento » Figlia vive sola? Madre perde assegno e casa familiare
In tema di separazione, nel caso il figlio affidato andasse a vivere da solo, la madre affidataria perderebbe l'ex casa familiare e il mantenimento della ragazza corrisposto dall'ex coniuge obbligato. Questo importante principio è stato stabilito dalla Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 24510/2013, ha stabilito che: L'avvenuta ...
Non sempre chi convive more uxorio con la madre di persona deceduta per colpa altrui ha diritto al risarcimento del danno non patrimoniale sofferto in conseguenza del decesso
Non sempre la persona che convive more uxorio con la madre di persona deceduta per colpa altrui ha diritto al risarcimento del danno non patrimoniale sofferto in conseguenza del decesso. Infatti, sebbene possa in teoria ammettersi che tra il figlio d'una donna che abbia una relazione more uxorio e il ...
Assicurazione e applicazione legge bersani » Veicoli cointestati
Qualora si acquistasse un nuovo veicolo intestato a parenti non conviventi, sarebbe comunque possibile applicare la legge bersani e far valere l'attestato di rischio della persona che invece convive con il nuovo proprietario? La compagnia assicuratrice potrebbe rifiutare, in questa fattispecie, di applicare la Legge bersani? L'esempio potrebbe essere questo: ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca