Cofactor

Mi è arrivata l'ennesima lettera da cofactor (ho letto già di tutto in merito a cofactor) ormai vanno avanti da 5 anni....premetto che non lavoro e vivo, con mio padre (lui ha un lavoro in regola con busta paga), in un appartamento vuoto senza beni di proprietà. Cofactor questa volta mi scrive: pignoramento conto terzi di eventuali stipendi, cosa significa?

Premetto che vivendo con mio padre lui ha uno sgravio fiscale in busta paga essendo in stato di famiglia con lui..... domanda:possono toglierli questo sgravio fiscale, e possono toccarli la busta paga?

Se suo padre non ha garantito per lei quando ha ottenuto i finanziamenti che poi non ha rimborsato, non c'è nulla da temere. Non solo non può essere coinvolto nelle vicende debitorie del figlio, men che mai subire conseguenze su eventuali sgravi fiscali di cui fruisce.

La Cofactor semplicemente minaccia il debitore di procedere ad un ricorso ingiuntivo per poi ottenere il pignoramento dello stipendio alla fonte, presso il datore di lavoro (pignoramento presso terzi - il datore di lavoro è il terzo, non suo padre).

Ma, se il debitore non lavora, o lavora in nero, la Cofactor è condannata a restare inerte oppure ad accollarsi ulteriori spese legali per pignoramenti che resteranno infruttuosi.

3 aprile 2012 · Paolo Rastelli

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento stipendi e pensioni depositati su conto corrente » Equitalia non può farlo su ultimi accrediti
Equitalia non può effettuare il pignoramento dell'ultimo stipendio o pensione » Il decreto del fare L'ultimo emolumento del rapporto di lavoro o di pensione non può essere congelato dall'agente di riscossione dello Stato (equitalia) con il pignoramento presso terzi. Lo stop ai pignoramenti di Equitalia riguarda solo le somme depositate ...
Configura il reato di estorsione condizionare l'assunzione in cambio dell'accettazione di condizioni di lavoro vessatorie
È configurabile il reato di estorsione in capo al datore di lavoro che prospetti ai propri dipendenti l'ipotesi di licenziamento in caso di mancata accettazione delle condizioni di lavoro eccessivamente penalizzanti e vessatorie da lui imposte. Nel caso di specie, il datore aveva subordinato l'assunzione a un accordo con cui ...
Stipendi pubblici e pensioni - Resta l'obbligo di accredito in conto corrente per importi superiori ai mille euro
Al fine di favorire la modernizzazione e l'efficienza degli strumenti di pagamento, riducendo i costi finanziari e amministrativi derivanti dalla gestione del denaro contante da parte della Pubblica Amministrazione, l'articolo 2 del decreto legge 138/2011, al comma 4 ter, lettera c) dispone che lo stipendio, la pensione, i compensi comunque ...
Contratti di prestito - Il prestito delega
Il prestito delega (o delegazione di pagamento), è una forma di prestito personale di cui possono usufruire i lavoratori dipendenti. Tale forma di prestito è regolata dalla legge 180 del 05.01.1950 e dal DPR 895 del 28.07.1950 e successive modifiche. Per capire di cosa si tratta possiamo partire dalla cessione ...
Equitalia » Come ottenere l'annullamento del debito e il rimborso
Qualora il debitore contribuente non ritenesse dovuta la richiesta contenuta nella cartella esattoriale o nell'avviso, non deve rivolgersi a Equitalia, ma chiedere l'annullamento, o sgravio, del debito direttamente all'ente creditore indicato sullo stesso documento, presentando domanda di autotutela. Con la domanda di autotutela il cittadino chiede all'ente creditore di correggere ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca