Negata la chiusura di un conto corrente in rosso

Dopo 2 anni in cui la banca Cariparma non si è mai fatta viva in nessun modo (telefonate o lettere) ho ricevuto tramite raccomandata una costituzione in mora. Il conto era stato aperto per una società che non è decollata. Inizialmente sul conto sono stati fatti dei movimenti, ma una volta finiti i soldi e per una serie di motivi il conto è stato completamente dimenticato. Ora mi trovo con un debito di 513 euro, derivato esclusivamente da tenuta conto (2017 fino a luglio 2018) e bolli. A me sembrano un po’ eccessivi. Oltre alla richiesta di chiusura che mi hanno negato come posso agire?

La normativa vigente non prevede obblighi di comunicazione all’intestatario quando il conto corrente resta inattivo, anche per lunghi periodi.

L’estratto conto delle singole voci di costo di gestione applicate può essere richiesto alla banca e controllato alla luce delle informative che la banca è tenuta ad esibire al pubblico nelle filiali e a fornire su istanza del cliente.

Per quanto attiene, invece, la chiusura del conto corrente, va precisato che il cliente ha diritto di recedere in qualsiasi momento, attraverso un’apposita dichiarazione, da un contratto di conto corrente, senza penalità e senza spese, anche in presenza di un eventuale saldo debitore nel momento di esercizio del relativo diritto.

Se nel contratto di conto corrente non è stabilito un termine più breve, il diritto di recesso produce effetti dallo scadere del termine di 15 giorni previsto dall’articolo 1845, comma 3, del codice civile.

Ha invece natura vessatoria, ed è quindi nulla, la clausola contrattuale che prevede che l’estinzione avvenga entro 30 giorni dal ricevimento da parte della banca della relativa richiesta di estinzione.

Così l’Arbitro Bancario Finanziario (ABF) nella decisione 689/2015.

Il credito formatosi potrà essere recuperato successivamente dalla banca secondo le normali procedure stragiudiziali o giudiziali, ove necessario.

Ed allora, il suggerimento è, intanto, quello di inviare alla banca una raccomandata A/R con la formale richiesta di recesso dal contratto di conto corrente (cioè, di chiusura del conto corrente).

Successivamente, qualora l’istituto di credito non dovesse adempiere, si potrà adire l’Arbitro Bancario Finanziario: si tratta di una procedura assai semplice, il ricorso può essere formulato on line, i costi sono contenuti (appena 20 euro) e non c’è bisogno di avvocati.

3 Ottobre 2018 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Chiusura conto corrente in rosso negata dalla banca - Qual è la procedura per adire l'Arbitro Bancario Finanziario?
Torno ancora a chiedervi informazioni riguardo a questo argomento: nel conto corrente bancario ho un fido di 2 mila e 500 euro e una carta con un credito massimo disponibile di 2 mila e 700 euro, entrambi impegnati integralmente. Ho chiesto alla banca che, viste le difficoltà economiche venisse rateizzato, la quale ora, dopo oltre 20 giorni dalla richiesta, mi comunica che non è possibile e mi tiene il conto bloccato dove non passano nè bollette nè mutuo. (Prima mi fa credere di si, e mi fa spendere ulteriori soldi in marche da bollo). Allora io chiedo oggi, la possibilità ...

Vorrei chiudere il conto corrente, ma è in rosso e la banca si rifiuta - C'è qualcosa che posso fare?
Ho un conto corrente, purtroppo in rosso per una serie di vicissitudini che non sto qui a raccontare: la banca mi ha risposto che il conto corrente resterà aperto fino a quando non ripianerò il debito. Ma in questo modo, non avendo soldi per pagare, il debito si accrescerà nel tempo con le spese di gestione. La banca è nel giusto? C'è qualcosa che posso fare? ...

Conto corrente presso filiale in Francia di Istituto di credito e per il quale mi è stata negata la chiusura
Ho lavorato per un paio d'anni in Francia dove avevo aperto un conto per farmi accreditare lo stipendio. Alla fine della mia esperienza francese ho deciso di chiudere il conto che avevo lì. Dal momento che in filiale si sono rifiutati di chiudermi il conto, ho inviato, come da procedura, una raccomandata con ricevuta di ritorno con la richiesta ufficiale di chiusura conto. Nonostante la ricevuta di ritorno (con tanto di timbro della banca) la banca non ha mai portato a termine la procedura richiesta. Ho inviato alcune e-mail per chiedere informazioni ma non mi è stato mai risposto. Stanco ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Negata la chiusura di un conto corrente in rosso