Negata la chiusura di un conto corrente in rosso


La normativa vigente non prevede obblighi di comunicazione all'intestatario quando il conto corrente resta inattivo, anche per lunghi periodi.

Dopo 2 anni in cui la banca Cariparma non si è mai fatta viva in nessun modo (telefonate o lettere) ho ricevuto tramite raccomandata una costituzione in mora. Il conto era stato aperto per una società che non è decollata. Inizialmente sul conto sono stati fatti dei movimenti, ma una volta finiti i soldi e per una serie di motivi il conto è stato completamente dimenticato. Ora mi trovo con un debito di 513 euro, derivato esclusivamente da tenuta conto (2017 fino a luglio 2018) e bolli. A me sembrano un po’ eccessivi. Oltre alla richiesta di chiusura che mi hanno negato come posso agire?

La normativa vigente non prevede obblighi di comunicazione all’intestatario quando il conto corrente resta inattivo, anche per lunghi periodi.

L’estratto conto delle singole voci di costo di gestione applicate può essere richiesto alla banca e controllato alla luce delle informative che la banca è tenuta ad esibire al pubblico nelle filiali e a fornire su istanza del cliente.

Per quanto attiene, invece, la chiusura del conto corrente, va precisato che il cliente ha diritto di recedere in qualsiasi momento, attraverso un’apposita dichiarazione, da un contratto di conto corrente, senza penalità e senza spese, anche in presenza di un eventuale saldo debitore nel momento di esercizio del relativo diritto.

Se nel contratto di conto corrente non è stabilito un termine più breve, il diritto di recesso produce effetti dallo scadere del termine di 15 giorni previsto dall’articolo 1845, comma 3, del codice civile.

Ha invece natura vessatoria, ed è quindi nulla, la clausola contrattuale che prevede che l’estinzione avvenga entro 30 giorni dal ricevimento da parte della banca della relativa richiesta di estinzione.

Così l’Arbitro Bancario Finanziario (ABF) nella decisione 689/2015.

Il credito formatosi potrà essere recuperato successivamente dalla banca secondo le normali procedure stragiudiziali o giudiziali, ove necessario.

Ed allora, il suggerimento è, intanto, quello di inviare alla banca una raccomandata A/R con la formale richiesta di recesso dal contratto di conto corrente (cioè, di chiusura del conto corrente).

Successivamente, qualora l’istituto di credito non dovesse adempiere, si potrà adire l’Arbitro Bancario Finanziario: si tratta di una procedura assai semplice, il ricorso può essere formulato on line, i costi sono contenuti (appena 20 euro) e non c’è bisogno di avvocati.

3 Ottobre 2018 · Ludmilla Karadzic

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui

Altre sezioni che trattano argomenti simili: , ,


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 187 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Debiti e recupero crediti » Negata la chiusura di un conto corrente in rosso. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.