Negata la chiusura di un conto corrente in rosso

Dopo 2 anni in cui la banca Cariparma non si è mai fatta viva in nessun modo (telefonate o lettere) ho ricevuto tramite raccomandata una costituzione in mora. Il conto era stato aperto per una società che non è decollata. Inizialmente sul conto sono stati fatti dei movimenti, ma una volta finiti i soldi e per una serie di motivi il conto è stato completamente dimenticato. Ora mi trovo con un debito di 513 euro, derivato esclusivamente da tenuta conto (2017 fino a luglio 2018) e bolli. A me sembrano un pò eccessivi. Oltre alla richiesta di chiusura che mi hanno negato come posso agire?

La normativa vigente non prevede obblighi di comunicazione all'intestatario quando il conto corrente resta inattivo, anche per lunghi periodi.

L'estratto conto delle singole voci di costo di gestione applicate può essere richiesto alla banca e controllato alla luce delle informative che la banca è tenuta ad esibire al pubblico nelle filiali e a fornire su istanza del cliente.

Per quanto attiene, invece, la chiusura del conto corrente, va precisato che il cliente ha diritto di recedere in qualsiasi momento, attraverso un'apposita dichiarazione, da un contratto di conto corrente, senza penalità e senza spese, anche in presenza di un eventuale saldo debitore nel momento di esercizio del relativo diritto.

Se nel contratto di conto corrente non è stabilito un termine più breve, il diritto di recesso produce effetti dallo scadere del termine di 15 giorni previsto dall'articolo 1845, comma 3, del codice civile.

Ha invece natura vessatoria, ed è quindi nulla, la clausola contrattuale che prevede che l'estinzione avvenga entro 30 giorni dal ricevimento da parte della banca della relativa richiesta di estinzione.

Così l'Arbitro Bancario Finanziario (ABF) nella decisione 689/2015.

Il credito formatosi potrà essere recuperato successivamente dalla banca secondo le normali procedure stragiudiziali o giudiziali, ove necessario.

Ed allora, il suggerimento è, intanto, quello di inviare alla banca una raccomandata A/R con la formale richiesta di recesso dal contratto di conto corrente (cioè, di chiusura del conto corrente).

Successivamente, qualora l'istituto di credito non dovesse adempiere, si potrà adire l'Arbitro Bancario Finanziario: si tratta di una procedura assai semplice, il ricorso può essere formulato on line, i costi sono contenuti (appena 20 euro) e non c'è bisogno di avvocati.

3 ottobre 2018 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

conto corrente - chiusura in rosso
ricorso arbitro bancario finanziario

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Chiusura unilaterale conto corrente e conseguente protesto assegno - la banca deve risarcire
La clausola di buona fede nell'esecuzione del contratto di conto corrente opera come criterio di reciprocità, imponendo a ciascuna delle parti del rapporto di agire in modo da preservare gli interessi dell'altra e costituisce un dovere giuridico autonomo a carico delle parti contrattuali, a prescindere dall'esistenza di specifici obblighi contrattuali ...
Il correntista può chiedere l'accertamento giudiziale degli addebiti a conto corrente aperto anche se in rosso
Il correntista, sin dal momento dell'annotazione in conto di una addebito ritenuto illegittimo, ben può agire in giudizio per far dichiarare la nullità del titolo su cui quell'addebito si basa e, di conseguenza, per ottenere una rettifica in suo favore del salso di conto: e potrà farlo, anche se il ...
Chiusura del conto corrente - la banca non può condizionarla alla restituzione di un debito del cliente
Può accadere che la banca opponga rifiuto alla richiesta di chiusura del conto formulata dal cliente, giustificando tale rifiuto con il mancato rimborso di somme indebitamente versate al correntista a titolo di stipendio e tredicesima mensilità. Può accadere anche che, dopo il rifiuto di chiudere il conto corrente, trascorrano degli ...
Non è reato prelevare dal conto corrente dopo la notifica di una cartella esattoriale o di un avviso di accertamento esecutivo
Non si configura di per sé il reato di sottrazione fraudolenta dei beni al fisco (previsto dall'articolo 11 del Dlgs numero 74/2000) nel caso in cui il contribuente pur sapendo di avere dei debiti con l'Erario - ad esempio a seguito della notifica di una cartella esattoriale - effettui dei ...
Anatocismo interessi in conto corrente – la prescrizione decennale decorre dalla chiusura del conto
Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione tentano di far calare il sipario su di una problematica, quella dell'anatocismo (ovvero la capitalizzazione degli interessi allo scopo di renderli alla loro volta produttivi di altri interessi) ribadendo  che la clausola di capitalizzazione trimestrale degli interessi corrisponde ad un uso negoziale imposto ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca