Equitalia pignora i crediti verso l'unico cliente della mia ditta

Ho una ditta individuale e lavoro regolarmente: il mio debito con Equitalia (compresi interessi e cartelle prescritte) raggiunge circa gli 87 mila euro, dunque purtroppo sono alquanto disperato.

Da circa 25 giorni ho ricevuto nella mia PEC un atto di pignoramento dei crediti verso un mio cliente che, da solo, mi fa lavorare per circa l'80% dei miei introiti.

Il mio cliente, dopo aver ricevuto la sua copia dell'atto mi ha detto che è costretto a non pagarmi più le fatture, dunque cominciano a sorgere problemi seri e senza soluzione.

Non ho più liquidi per mantenere la mia famiglia e l'attività, ed anche chiedendo ad Equitalia una rateizzazione dell'intero debito fino ad un massimo di 120 rate, non potrei onorare il debito in quanto la rata risulterebbe troppo alta per le mie entrate (quasi 1000 euro).

Cosa fare?

Leggere vicende come quella che lei riporta genera in noi un senso di frustrazione e sconcerto: ci spiace, non non sappiamo proprio cosa consigliarle.

15 giugno 2016 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cartella esattoriale
pignoramento presso terzi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

All'avvocato non basta l'invio di una nota spese al cliente per interrompere il decorso della prescrizione presuntiva
Com'è noto, se sono trascorsi tre anni dalla data in cui il professionista può dimostrare di aver erogato al cliente una certa prestazione, interviene la prescrizione presuntiva, il debito può considerarsi saldato ed il diritto del creditore estinto. Salvo che il professionista non produca scritti del cliente (ad esempio una ...
Il notaio che accetta l'incarico deve pubblicare e trascrivere l'atto anche se il cliente non anticipa le spese necessarie
Il notaio ha la facoltà di rifiutare la propria prestazione professionale se le parti non depositino presso di lui le somme necessarie per le tasse, l'onorario e le spese, ma, una volta che abbia comunque accettato di eseguire la prestazione richiestagli e di ricevere l'atto, il mancato pagamento di tali ...
Contenzioso giudiziale fra avvocato e cliente - Gli interessi per ritardato pagamento decorrono dalla data di liquidazione della parcella operata dal giudice
In ordine agli interessi per ritardato pagamento di una parcella, occorre rifarsi essenzialmente alla normativa del codice civile. Perché sia configurabile un colpevole ritardo nel pagamento del debito occorre che sussista una sufficiente certezza del suo importo: con la conseguenza che, qualora la determinazione del credito venga affidata al giudice, ...
Compensazione legale fra credito rinveniente da una fideiussione prestata dal cliente con il saldo disponibile del conto corrente intestato allo stesso cliente
È illegittima l'operazione di compensazione del credito rinveniente da una fideiussione rilasciata dal cliente a favore di un terzo con il saldo disponibile del conto corrente intestato al cliente stesso. In assenza di una pattuizione in tal senso o di un ordine di quest’ultimo, la compensazione equivale a un'indebita appropriazione ...
Recupero crediti e IVA
L'attività di recupero crediti non è esente IVA. Infatti, “l'articolo 13, parte B, lettera d), punto 3, della sesta direttiva deve essere interpretato nel senso che non rientra nell'esenzione dall'IVA prevista da tale disposizione una prestazione di servizi che consiste, in sostanza, nel richiedere alla banca di un terzo il ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca