Pignoramento dello stipendio - Ho chiesto al giudice di pignorare meno di un quinto della busta paga

E' più di un anno che banca ifis si è avvalsa della possibilità di pignorarmi, senza alcuna sentenza, un quinto dello stipendio per due finanziamenti che non ho potuto pagare. Sono un dipendente pubblico monoreddito con circa 1600 euro al mese da cui devo detrarre 450 di pigione, 315 di cessione quinto e 150 per piccolo prestito inpdap. il mio nucleo familiare è composto da 4 persone. Il giorno 5 aprile 2019 sono andato dal giudice con un amico avvocato, era presente anche la controparte, per chiedere se poteva ridurmi il pignoramento di 280 euro mensili da me considerato eccessivo. Il giudice si è riservato il giudizio (stiamo tutt’ora aspettando la sentenza) dopo avermi chiesto conferma del pigione e delle altre spese peraltro documentate. Cosa ne pensate, può essere che tenga conto di tutto e che mi abbassi la somma che si stanno trattenendo, secondo me illegalmente? E poi volevo chiedere se, nel caso in cui si verifichi questa eventualità, mi verranno restituiti i soldi che si sono trattenuti in più per 14 mesi "come accantonamento"?

E' quanto meno strana la circostanza asserita di un presunto pignoramento senza titolo avviato dal creditore procedente e non credo proprio che il giudice possa acconsentire ad una riduzione della quota pignorabile dello stipendio dietro richiesta di intercessione del debitore riconducibile a seppure documentate spese di pigione, e di prestiti tramite cessione volontaria o comunque ottenuti: se lo facesse, il creditore procedente avrebbe gioco facile nell'impugnare la minore assegnazione, rispetto a quanto previsto dalla normativa vigente, innanzi al giudice delle esecuzioni.

Un approccio di questo tipo, ove si documenta la spesa corrente e si chiede al giudice di fissare una rata di rimborso dei debiti compatibile con le proprie esigenze di vita può tenersi solo in un contesto di accesso giudiziale alla composizione delle crisi da sovraindebitamento attraverso le opzioni previste dalla legge 3/2012.

Il giudice adito potrà ridurre la quota pignorabile del debitore sottoposto ad azione esecutiva solo quando una eventuale rata di rimborso del prestito per cessione del quinto ed i prelievi riconducibili al pignoramento in corso e a quelli pregressi impegnassero per più del 50% la busta paga percepita dal debitore al netto degli oneri fiscali e contributivi; oppure dopo aver ricevuto il consenso scritto (come rinuncia alla quota stabilita dalla legge) da parte del creditore.

Appena il giudice avrà assegnato al creditore procedente la quota pignorabile dello stipendio (che non potrà differire dal 20% a nostro modesto giudizio in assenza di un atto di generosità del creditore), il datore di lavoro dovrà restituire al debitore esecutato le maggiori somme eventualmente accantonate negli ultimi quattordici mesi.

3 maggio 2019 · Annapaola Ferri

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento stipendio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca