Pignoramento dello stipendio – Ho chiesto al giudice di pignorare meno di un quinto della busta paga

Argomenti correlati:

E’ più di un anno che banca ifis si è avvalsa della possibilità di pignorarmi, senza alcuna sentenza, un quinto dello stipendio per due finanziamenti che non ho potuto pagare. Sono un dipendente pubblico monoreddito con circa 1600 euro al mese da cui devo detrarre 450 di pigione, 315 di cessione quinto e 150 per piccolo prestito inpdap. il mio nucleo familiare è composto da 4 persone. Il giorno 5 aprile 2019 sono andato dal giudice con un amico avvocato, era presente anche la controparte, per chiedere se poteva ridurmi il pignoramento di 280 euro mensili da me considerato eccessivo. Il giudice si è riservato il giudizio (stiamo tutt’ora aspettando la sentenza) dopo avermi chiesto conferma del pigione e delle altre spese peraltro documentate. Cosa ne pensate, può essere che tenga conto di tutto e che mi abbassi la somma che si stanno trattenendo, secondo me illegalmente? E poi volevo chiedere se, nel caso in cui si verifichi questa eventualità, mi verranno restituiti i soldi che si sono trattenuti in più per 14 mesi “come accantonamento”?

E’ quanto meno strana la circostanza asserita di un presunto pignoramento senza titolo avviato dal creditore procedente e non credo proprio che il giudice possa acconsentire ad una riduzione della quota pignorabile dello stipendio dietro richiesta di intercessione del debitore riconducibile a seppure documentate spese di pigione, e di prestiti tramite cessione volontaria o comunque ottenuti: se lo facesse, il creditore procedente avrebbe gioco facile nell’impugnare la minore assegnazione, rispetto a quanto previsto dalla normativa vigente, innanzi al giudice delle esecuzioni.

Un approccio di questo tipo, ove si documenta la spesa corrente e si chiede al giudice di fissare una rata di rimborso dei debiti compatibile con le proprie esigenze di vita può tenersi solo in un contesto di accesso giudiziale alla composizione delle crisi da sovraindebitamento attraverso le opzioni previste dalla legge 3/2012.

Il giudice adito potrà ridurre la quota pignorabile del debitore sottoposto ad azione esecutiva solo quando una eventuale rata di rimborso del prestito per cessione del quinto ed i prelievi riconducibili al pignoramento in corso e a quelli pregressi impegnassero per più del 50% la busta paga percepita dal debitore al netto degli oneri fiscali e contributivi; oppure dopo aver ricevuto il consenso scritto (come rinuncia alla quota stabilita dalla legge) da parte del creditore.

Appena il giudice avrà assegnato al creditore procedente la quota pignorabile dello stipendio (che non potrà differire dal 20% a nostro modesto giudizio in assenza di un atto di generosità del creditore), il datore di lavoro dovrà restituire al debitore esecutato le maggiori somme eventualmente accantonate negli ultimi quattordici mesi.

3 Maggio 2019 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento del quinto dello stipendio - Differenza fra il prelievo accantonato e l'importo assegnato dal giudice
Il tribunale di Monza mi ha condannato a pagare il quinto di stipendio: il giudice, verificato che percepisco un netto di 2 mila e 300 euro, meno benefit auto e quinto volontario con finanziaria, ha fatto due calcoli e sulla sentenza ha scritto che condanna il signor Pinco Pallino a pagare un quinto di mille e 942 euro ogni mese. L'ufficio paghe mi ha sottratto 448 euro calcolando un quinto di 2 mila e 300. Ho diritto a chiedere di pagare il quinto di 1.942 come sentenza? Ora con l'emergenza coronavirus il quinto pignorato va comunque pagato? ...

Nuovo pignoramento dello stipendio e accantonamento del quinto in attesa della decisione del giudice
Ho già un quinto dello stipendio pignorato: so che se arrivassero altre ingiunzioni andrebbero in coda. Quello che volevo sapere è : se il mio datore di lavoro riceve una seconda richiesta di pignoramento è obbligato ad eseguirla? So che mi verrà pignorato il secondo quinto fino a sentenza del giudice e poi le cifre accantonate mi verranno restituite, ma intanto per qualche mese mi verranno tolti 2/5 anzichè uno. Cosa dice la legge a proposito? ...

Pignoramenti dello stipendio e cessione quinto - E' vero che al debitore sottoposto ad esecuzione deve restare almeno la metà della busta paga?
Percepisco uno stipendio lordo di duemila e 369,44 euro mensili sul quale ho trattenute erariali per 549,55 euro e trattenute extraerariali varie (tra cui una cessione volontaria del quinto e un prestito con una finanziaria, oltre ad addizionali comunali varie) per altri 790,24 euro. Da questo mese, a seguito di un pignoramento presso terzi per mancato pagamento di crediti alimentari, subisco una ulteriore ritenuta di Euro 200, per cui mi rimangono solo 829,65 euro. Vi chiedo se il pignoramento azionato dalla mia ex moglie poteva arrivare a 200 euro visto che in tal modo mi viene corrisposta meno della metà ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento dello stipendio – Ho chiesto al giudice di pignorare meno di un quinto della busta paga