Isee corrente per ottenere il reddito di cittadinanza se la situazione reddituale è radicalmente cambiata nell’anno in corso rispetto agli anni precedenti


Nel 2018 io e mia moglie abbiamo prodotto redditi da lavoro dipendente pari a 22000 euro: attualmente entrambi disoccupati, abbiamo un isee inferiore a 6000 euro. Ci spetterebbe il RDC?

E’stata fatta qualche modifica al decreto dignità? Non trovo giusto che chi abbia lavorato un anno prima con redditi normali, e oggi si trovi in disoccupazione E POVERTA’ non possa accedere al RDC.

L’articolo 2 del DPCM 159/2013 (Regolamento concernente la revisione delle modalità di determinazione e i campi di applicazione dell’Indicatore della situazione economica equivalente – ISEE), al comma 5 dispone che l’ISEE può essere sostituito da analogo indicatore, definito ISEE corrente e calcolato con riferimento ad un periodo di tempo più ravvicinato al momento della richiesta della prestazione.

In base all’articolo 9 del Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri (DPCM) appena citato, il nucleo familiare del richiedente la prestazione sociale (nella fattispecie il reddito di cittadinanza) ha diritto ad ottenere l’ISEE corrente (invece dell’ISEE ordinario) quando sia intervenuta, per almeno uno dei componenti il nucleo familiare, nei 18 mesi precedenti la richiesta della prestazione, una delle seguenti variazioni della situazione lavorativa:

  1. lavoratore dipendente a tempo indeterminato per cui sia intervenuta una risoluzione del rapporto di lavoro o una sospensione dell’attivita’ lavorativa o una riduzione della stessa;
  2. lavoratori dipendenti a tempo determinato ovvero impiegati con tipologie contrattuali flessibili, che risultino non occupati alla data di presentazione della DSU, e che possano dimostrare di essere stati occupati nelle forme di cui alla presente lettera per almeno 120 giorni nei dodici mesi precedenti la conclusione dell’ultimo rapporto di lavoro;
  3. lavoratori autonomi, non occupati alla data di presentazione della DSU, che abbiano cessato la propria attività, dopo aver svolto l’attività medesima in via continuativa per almeno dodici mesi.

Conviene pertanto richiedere l’ISEE corrente e verificare se sussistono tutti i presupposti per accedere al reddito di cittadinanza.

Con l‘ISEE corrente, infatti, concorrono all’indicatore solo i redditi da lavoro dipendente, pensione ed assimilati conseguiti nei dodici mesi precedenti a quello di richiesta della prestazione.

8 Settembre 2019 · Genny Manfredi



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Isee corrente per ottenere il reddito di cittadinanza se la situazione reddituale è radicalmente cambiata nell’anno in corso rispetto agli anni precedenti