Inesigibilità contabile del credito

La ringrazio per la veloce ed esaustiva risposta alla mia domanda nr. 166202. In merito alla mia domanda, le comunico che sicuramente non ho espresso in modo corretto la stessa, in quanto sono ben consapevole che la penale possa essere versata tramite deposito cauzionale in banca e tale operatività evita l'iscrizione nel registro CAI e genera il pagamento a mio favore della penale e interessi, ma la mia domanda era per lo più di carattere contabile, mi spiego meglio

Se un mio debitore non onora un'assegno in toto e/o lo onora solo per l'importo facciale e decorsi i 60 gg (+8 se su piazza e 15 se fuori piazza) non viene a richiedermi il rilascio della liberatoria (che a fronte del pagamento della penale e interessi sono OBBLIGATO a rilasciare, cosa che prontamente faccio), posso io in contabilità aziendale evidenziare oltre al mio credito (assegno non pagato e/o pagato parzialmente) anche la quota della penale prevista dalla legge oppure decorsi i termini, tale diritto tra l'altro irrinunciabile in quanto trattasi di Istituto pubblicistico e non privatistico decade e quindi dovrò accontentarmi solo degli eventuali interessi stabiliti dal giudice? Grato per la vostra professionalità e velocità porgo distinti saluti.

La procedura di inesigibilità dei crediti è formalmente articolata nelle seguenti fasi:

  1. accertamento di irrecuperabilità del credito;
  2. abbandono dell'azione di recupero del credito;
  3. eliminazione contabile del credito irrecuperabile.

Lo stato di insolvibilità è dunque provato dalle risultanze dell'esperimento infruttuoso dell'esecuzione forzata nelle varie forme possibili (ufficiale giudiziario) e presuppone sempre il ricorso ad un'azione giudiziale che quantifichi il credito (comprensivo di eventuali penali, interessi di mora e spese sostenute) da indicare poi come inesigibile.

Nella prassi, tuttavia, ci si limita spesso a dimostrare l'antieconomicità dell'azione di recupero. In tal caso la non convenienza dell'azione esecutiva è determinata a seguito di comparazione di congruità tra l'importo del credito e le spese prevedibilmente occorrenti, tenuto conto delle probabilità di riscossione.

In tale contesto giocano un ruolo preminente le attestazioni fornite da società di recupero crediti specializzate; ma, il credito da indicare come inesigibile può essere gravato dai soli interessi legali e le spese sono esclusivamente quelle fatturate dalla società incaricata del recupero e dell'attestazione di inesigibilità.

12 marzo 2012 · Giuseppe Pennuto

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assegno bancario – girate e protesto
Se l'assegno bancario contiene delle girate, significa che ognuno dei giranti garantisce l'importo scritto sull'assegno, e potrà, dunque, essere chiamato a rifonderlo nel caso di mancato pagamento da parte della Banca. Il mancato pagamento dell'assegno all'atto di presentazione per l'incasso deve risultare dal protesto, ovvero da un atto pubblico (redatto ...
L'ordine di non pagare l'assegno ha efficacia solo dopo la scadenza del termine di presentazione
L'assegno è un titolo esecutivo: ciò significa che, se presentato all'incasso nei termini previsti dalla legge e decorrenti dalla data indicata nel modulo, deve essere pagato. Il termine di presentazione è: otto giorni, se l'assegno è pagabile nello stesso comune in cui è stato emesso; quindici giorni, se l'assegno è ...
Assegno – i termini di presentazione
L'assegno bancario ha la funzione economica di mezzo di pagamento: può essere utilizzato in sostituzione del denaro da chi ha una disponibilità di fondi presso una Banca. In tal caso, il cliente della Banca, anziché prelevare i soldi per pagare un creditore, può dare l'ordine alla Banca di effettuare il ...
Assegno non trasferibile pagato dalla banca a persona diversa dal beneficiario - Il traente ha diritto alla restituzione dell'importo
La legge stabilisce (Regio Decreto numero 1736 del 1933, articolo 43) che l'assegno bancario, emesso con la clausola “non trasferibile”, non può che essere pagato al beneficiario o, a richiesta di questo, accreditato sul suo conto corrente; chi paga a persona diversa “risponde” del pagamento. Giurisprudenza ampiamente consolidata precisa che ...
Assegno con firma falsa? » L'istituto di credito deve risarcire cliente
La banca deve risarcire il proprio cliente nel caso in cui abbia pagato a vista un assegno, ad un truffatore, con la firma del correntista perfettamente contraffatta. Ai fini della valutazione della responsabilità della banca nel mancato riconoscimento di un assegno falso, infatti, è compito del giudice chiamato in causa ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca