Chiarimenti esiti reddito di cittadinanza per soggetti non coniugati con figli minori che hanno presentato domanda prima del 30 marzo 2019 (senza includere l’altro genitore nel nucleo familiare)

Sono una mamma naturale non convivente non lavoratrice che ho presentato la domanda per il Rdc il 28/3: con le ultime approvazioni non ho capito bene lo scenario che aprirà.

Dunque io essendo residente anche con mio padre totalizzavo un isee di 8000 euro: con isee congiunto al padre dei miei figli totalizzo 14000 euro.

Non ho capito quel comma bis, dove fanno salve le domande presentate prima del 30 Marzo, ovvero se io avrò comunque diritto a soli sei mesi di Rdc?

p.s.le risposte usciranno il 15 Aprile?

Lei percepirà l’integrazione al Reddito di Cittadinanza per sei mesi: dal 15 aprile 2019 saranno disponibili i primi esiti delle domande presentate a marzo 2019.

Infatti, all’articolo 13 del decreto legge 4/2019 viene aggiunto il comma 1 bis:

Sono fatte salve le richieste del Reddito di Cittadinanza presentate sulla base della disciplina vigente prima della data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto 4/2019 (30 marzo 2019). I benefici riconosciuti sulla base delle predette richieste sono erogati per un periodo non superiore a sei mesi pur in assenza dell’eventuale ulteriore certificazione, documentazione o dichiarazione sul possesso dei requisiti, richiesta in forza delle disposizioni introdotte dalla legge di conversione del presente decreto ai fini dell’accesso al beneficio.

Per quanto la riguarda, il nucleo familiare deve possedere un valore dell’Indicatore della situazione economica equivalente (ISEE), di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 5 dicembre 2013, n. 159, inferiore a 9.360 euro; nel caso di nuclei familiari con minorenni, l’ISEE è calcolato ai sensi dell’articolo 7 del medesimo decreto del Presidente del Consiglio dei ministri n. 159 del 2013.

In pratica, cioè, c’è stata una stretta per i genitori single (non conviventi con l’altro genitore dei propri figli) che hanno fatto domanda per l’accesso al reddito: in presenza di figli minori, ai fini del calcolo Isee, fa parte del nucleo familiare anche il genitore non convivente o non sposato. Il nucleo familiare viene determinato come quello per le prestazioni agevolate rivolte ai minorenni.

A partire dal 15 aprile 2019, chi ha già presentato la domanda di Reddito di Cittadinanza e Pensione di Cittadinanza può ricevere informazioni e chiarimenti sull’eventuale accoglimento dell’istanza attraverso il Contact center ai numeri 803164 da rete fissa e 06 164164 da mobile.

12 Aprile 2019 · Roberto Petrella

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Ultimi chiarimenti su reddito di cittadinanza - Data di entrata in vigore della legge 26/2019 di conversione del decreto 4/2019
Ho letto tutte le delucidazioni che avete dato in merito alla questione genitori single: la domanda l'ho presentata il 29 marzo e la legge è stata pubblicata in gazzetta ufficiale il 29/3, ma da quel che mi ricordo la data in vigore è da considerarsi il 30 marzo. Siccome con il genitori naturale non convivente con isee farei 14000 anziché 9000, potrei comunque beneficiare dell'articolo 13 del decreto legge 4/2019 a cui è aggiunto il comma 1 bis e quindi usufruire di sei mesi di Rdc? ...

Chiarimenti esiti Rdc - L'INPS ha respinto la mia domanda
Sono una madre naturale di due bambini non convivente con il padre, (ma con mia madre) è abbiamo un ISEE di 9000 euro: la domanda per il Rdc l'ho presentata il 28.03.19 prima delle modifiche in approvazione parlamentare. Con il padre abbiamo un isee congiunto di 14.000 euro. Volevo sapere se in base all'articolo 13 comma bis (introdotto dalla legge di conversione del decreto 4/2019), così come avevo letto nelle precedenti discussioni, avrei diritto a 6 mesi di Rdc oppure no, perché venerdì nel portale INPS ho letto che la mia domanda è stata respinta. Volevo sapere quindi se ho ...

DSU/ISEE minorenni per reddito di cittadinanza - Ho presentato domanda prima del 30 marzo 2019 ma dopo sei mesi l'INPS tiene ancora conto della DSU/ISEE standard
Passati i sei mesi previsti dal decreto legge del reddito di cittadinanza, come regola, in caso di single con figli minori e padre non coniugato non convivente, l'INPS doveva tenere in considerazione l'ISEE minorenni. Nel mio caso, anche questo mese, l'INPS ha tenuto in considerazione l'ISEE ordinario non facendo decadere la mia domanda. Nel caso in cui tenessero in considerazione l'ISEE minorenni, sono sicurissima di non avere i requisiti per via del reddito del padre. Come mai questa situazione? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Chiarimenti esiti reddito di cittadinanza per soggetti non coniugati con figli minori che hanno presentato domanda prima del 30 marzo 2019 (senza includere l’altro genitore nel nucleo familiare)