Rinuncia degli eredi

Ho letto che i creditori del debitore defunto possono farsi autorizzare entro 5 anni dalla rinuncia degli eredi, ad accettare l'eredità in nome e per conto del rinunciante, al solo scopo di soddisfarsi sui beni del defunto.

La mia domanda è ha chi devono avanzare la domanda per ottenere l'autorizzazione? Che forma deve avere la domanda?

In effetti se il debitore è il de cuius, il chiamato all'eredità che accetta diviene debitore e su di lui può soddisfarsi il creditore. Se tutti i chiamati rinunciano, il creditore non ha difficoltà ad aggredire la massa ereditaria giacente anche con una procedura concorsuale, nel caso in cui i creditori siano più di uno.

Il problema si pone, invece, quando il debitore è il chiamato all'eredità.Un sua eventuale rinuncia crea enormi problemi al creditore. La quota di eredità, a cui il debitore chiamato rinuncia (a rinunciare saranno, naturalmente, anche i soggetti che al chiamato all'eredità possono succedere per rappresentanza) va ad accrescere la quota degli altri chiamati all'eredità che non possono essere escussi dal creditore del chiamato rinunciante.

In queste circostanze il creditore può rivolgersi al giudice, con il supporto di un legale, e chiedere la revocatoria dell'atto di rinuncia del debitore chiamato all'eredità.

Il debitore chiamato e rinunciante non viene (non può essere costretto ex lege) ad accettare l'eredità, ma la sua quota viene trasferita al creditore.

24 gennaio 2012 · Ludmilla Karadzic

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Rinuncia all'eredità del debitore fallito
Com'è noto, il codice civile (articolo 524) prescrive che, se il debitore rinuncia ad una eredità con danno dei suoi creditori, questi possono farsi autorizzare ad accettare l'eredità in nome e luogo del rinunziante, al solo scopo di soddisfarsi sui beni ereditari fino alla concorrenza dei loro crediti. Il diritto ...
Rinuncia all'eredità – i creditori possono accettare l'eredità in nome e luogo del rinunciante debitore
Salve, siamo tre eredi che dovremmo accettare l'eredità dei nostri genitori deceduti. Mio fratello vorrebbe passarmi i suoi diritti dell'eredità, perchè lui era amministratore unico di una SRL, alla quale da poco è stata presentata una istanza di fallimento. Vorrei sapere se i suoi diritti all'eredità li posso accettare e ...
Quando il creditore può accettare l'eredità in nome e per conto del debitore rinunciante
Purtroppo Giancarlo, sul suo debito non è invocabile alcuna prescrizione, dato che prima del 31 dicembre 2010 una finanziaria (cui è stato evidentemente ceduto il credito garantito dalla sua fideiussione) le ha chiesto di regolarizzare la sua posizione. Qualsiasi donazione dei beni di proprietà ad opera di un debitore può ...
Fondo patrimoniale » Dopo il decesso del coniuge gli eredi rispondono dei debiti
Quando uno dei due coniugi muore, facendo così sciogliere il fondo patrimoniale precedentemente stipulato, gli eredi rispondono dei debiti del defunto con il bene inserito, da quest’ultimo, nel fondo stesso a lui prima intestato. Con il decesso di uno dei coniugi viene a mancare la destinazione dei beni nel fondo ...
Beneficio d'inventario » Procedura e nozioni utili
L'accettazione con beneficio di inventario dell'eredità è regolata dall'articolo 490 del Codice Civile. Come noto, chi è chiamato all'eredità di un defunto può accettarla puramente e semplicemente, oppure con il beneficio di inventario. Se si accetta con beneficio di inventario, il patrimonio del defunto resta distinto dal patrimonio dell'erede. L'erede ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca