Dipendente pubblico cessione del quinto e precedente pignoramento non andato a buon fine


Un dipendente pubblico può fare la cessione del quinto se, precedentemente, c’è stato nei suoi confronti un tentativo di pignoramento infruttuoso per un prestito non rimborsato?

Se la busta paga non è gravata da vincoli, il prestito dietro cessione può impegnare una rata mensile fono al 20% della retribuzione al netto degli oneri fiscali e contributivi. Questo indipendentemente dal fatto che il dipendente sia stato, o meno, interessato da precedenti azioni esecutive infruttuose.

Quando, invece, preesistono pignoramenti (o trattenute dirette ex articolo 156 codice civile) dello stipendio, la rata mensile per il prestito dietro cessione del quinto, non può essere fatta se non limitatamente alla differenza tra i due quinti dello stipendio netto e la quota colpita dai pignoramenti.

8 Marzo 2020 · Ludmilla Karadzic



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Dipendente pubblico cessione del quinto e precedente pignoramento non andato a buon fine