Cessione volontaria del quinto – Come funziona in caso di dimissioni e successiva riassunzione presso un nuovo datore di lavoro?

Argomenti correlati:

Ho sottoscritto un contratto di cessione dei quinto con una ditta nel 2014 e nel 2016 mi sono dimessa e mi ha riassunta un’altra società: adesso la finanziaria dopo aver incassato il mio TFR rimane scoperta di 4000 euro di debito e ha fatto richiesta al nuovo datore di lavoro il proseguo della cessione.

La mia domanda è: il nuovo datore è obbligato? Io posso oppormi? Proponendo un rientro con bonifico bancario e non con cessione?

Lei può estinguere la precedente cessione, con bonifico o con assegno circolare, naturalmente dopo aver chiesto, all’istituto che ha erogato il credito, la contabilizzazione dell’esposizione debitoria laddove, naturalmente, il capitale residuo e i corrispettivi saranno gravati dall’applicazione degli interessi di mora conseguenti al ritardato pagamento delle rate.

Il nuovo datore di lavoro è obbligato ad effettuare la ritenuta, se il prestito non rimborsato è stato concesso dietro contratto di cessione del quinto dello stipendio.

In linea teorica, potrebbe anche opporsi contestando, eventualmente, l’entità degli interessi corrispettivi e/o moratori applicati: ciò tuttavia la condurrebbe alla notifica di un decreto ingiuntivo e, successivamente, qualora i motivi di opposizione fossero respinti, a subire un pignoramento dello stipendio con ulteriore aggravio delle spese di procedura.

7 Settembre 2017 · Genny Manfredi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pagamento da parte del nuovo datore di lavoro di cessione del quinto sottoscritta durante l'impiego presso un precedente datore di lavoro
Vorrei sapere se il datore di lavoro è tenuto a pagare un debito derivante dalla richiesta di una società di recupero crediti che opera per conto di una assicurazione garante di cessione del quinto, a suo parere estinta anticipatamente con Tfr e per il quale residuo io non sono a conoscenza; e inoltre il datore di lavoro deve avvertire il dipendente che sta effettuando tale pagamento? ...

Pignoramento dello stipendio dimissioni e nuovo datore di lavoro - Come funziona?
A marzo 2018 dopo la notifica del precetto per quattro mesi mi è stato pignorato 1/5 dello stipendio: poi ho cambiato ditta e da allora tutto si è fermato. Ora vi chiedo: se il creditore vorrà procedere con il nuovo pignoramento presso l'attuale ditta dovrà notificarmi un nuovo decreto ingiuntivo, poi precetto ed infine la notifica del pignoramento presso l'attuale datore di lavoro? ...

Cessione del quinto dello stipendio - Il nuovo datore di lavoro è obbligato ad operare la trattenuta?
Forse non mi sono spiegato bene: il mio datore mi ha fatto vedere la lettera di notifica e poi con quella sono andato da un avvocato per chiedere consiglio e costui mi ha invitato a continuare a far pagare il mio datore di lavoro ed è li che mi è venuto in mente una cosa. Qua di ingiunzione non vi è nulla, solo la lettere di un avvocato di roma della ibl che chiede ai miei datori di continuare a pagare il mio finanziamento perché vige una legge del 1950 che non si può non pagare. Ora vado a vedere ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Cessione volontaria del quinto – Come funziona in caso di dimissioni e successiva riassunzione presso un nuovo datore di lavoro?