Cessione volontaria del quinto - Come funziona in caso di dimissioni e successiva riassunzione presso un nuovo datore di lavoro?

Ho sottoscritto un contratto di cessione dei quinto con una ditta nel 2014 e nel 2016 mi sono dimessa e mi ha riassunta un'altra società: adesso la finanziaria dopo aver incassato il mio TFR rimane scoperta di 4000 euro di debito e ha fatto richiesta al nuovo datore di lavoro il proseguo della cessione.

La mia domanda è: il nuovo datore è obbligato? Io posso oppormi? Proponendo un rientro con bonifico bancario e non con cessione?

Lei può estinguere la precedente cessione, con bonifico o con assegno circolare, naturalmente dopo aver chiesto, all'istituto che ha erogato il credito, la contabilizzazione dell'esposizione debitoria laddove, naturalmente, il capitale residuo e i corrispettivi saranno gravati dall'applicazione degli interessi di mora conseguenti al ritardato pagamento delle rate.

Il nuovo datore di lavoro è obbligato ad effettuare la ritenuta, se il prestito non rimborsato è stato concesso dietro contratto di cessione del quinto dello stipendio.

In linea teorica, potrebbe anche opporsi contestando, eventualmente, l'entità degli interessi corrispettivi e/o moratori applicati: ciò tuttavia la condurrebbe alla notifica di un decreto ingiuntivo e, successivamente, qualora i motivi di opposizione fossero respinti, a subire un pignoramento dello stipendio con ulteriore aggravio delle spese di procedura.

7 settembre 2017 · Genny Manfredi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cessione del quinto

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Contratti di prestito – cessione del quinto dello stipendio
La cessione del quinto dello stipendio è un prestito non finalizzato all'acquisto di uno specifico bene o servizio ed è disciplinato dalla normativa sul credito al consumo. Il prestito attraverso la cessione del quinto dello stipendio può essere richiesto esclusivamente dal lavoratore dipendente, sia pubblico che privato, il quale ottiene ...
Cessione del quinto » Istruzioni per l'uso
La cessione del quinto dello stipendio: di cosa si tratta? Ecco un piccolo vademecum per il debitore. La cessione del quinto è un prestito non finalizzato all'acquisto di uno specifico bene o servizio ed è disciplinato dalla normativa sul credito al consumo. La cessione del quinto: generalità La Cessione del ...
Cessione del quinto » Piccolo prontuario per il debitore
La Cessione del quinto è un prestito personale con massima libertà di utilizzo della somma ricevuta. Il richiedente in cambio “cede” una parte del suo stipendio o della sua pensione (al massimo di un quinto) autorizzando il suo datore di lavoro a trattenere ogni mese dalla busta paga o dalla ...
Riduzione della retribuzione ed effetti sulla cessione del quinto
Qualunque vicenda che incida sulla misura della retribuzione può, in concreto, produrre effetti anche sulla cessione del quinto dello stipendio: si pensi, per esempio, alla trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale, all'irrogazione di una sanzione pecuniaria o di una sospensione per illecito disciplinare che decurti ...
Omissione contributiva - il datore di lavoro è tenuto anche al versamento della quota a carico del dipendente
Nel caso di omissione del versamento o dell'adempimento tardivo dei contributi previdenziali ed assistenziali dovuti dal datore di lavoro, quest'ultimo resta tenuto al pagamento dei contributi o delle parti di contributi non versate, tanto per la quota a proprio carico che per la quota a carico del lavoratore. Il datore ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca