Se un debitore della PA è anche creditore


Vorrei sapere se anche alla luce della circolare avente ad oggetto le modalità di attuazione dell’articolo 48-bis del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, nunero 602, recante disposizioni in materia di pagamenti da parte delle pubbliche amministrazioni (di somma superiore a 10 milaeuro, dovendo uno dei miei genitori riscuotere il pagamento di una somma superiore ai 10 mila euro da parte di un ente pubblico (a seguito della vittoria contro l’ente pubblico di una causa), se questa somma può essere aggredita da parte di Equitalia, considerando che quella somma è stata ceduta a me tramite cessione del credito contenuta in un atto di separazione intercorso tra i miei genitori.

In pratica vorrei sapere se l’atto di separazione contenente la cessione del credito possa valere come notifica al debitore ceduto.

Non credo che l’atto di separazione possa surrogare un esplicita comunicazione di cessione del credito.

E’ tuttavia certo che l’atto di cessione del credito potrà essere opposto all’Amministrazione finanziaria con discrete possibilità di successo nel caso (che ritengo remoto) in cui si procedesse per compensazione nei confronti dei suoi genitori.

29 Febbraio 2012 · Patrizio Oliva



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Se un debitore della PA è anche creditore