Cessione del credito e prestito non pagato - ho richiesto invano l'estratto conto cronologico

Nel 2008 chiesi un prestito di 8 mila euro pagando un tot di rate per un totale di circa 5 mila euro: poi persi il lavoro e come me anche mia sorella garante del prestito.

Un mese fa ricevo una raccomandata da una società recupero credito che mi invita a pagare la somma di 12 mila euro. Chiamo e ovviamente mi propongono il saldo stralcio o in alternativa le cambiali. Ho più volte chiesto se potessero inviarmi un estratto per capire come sia potuto maturare il mio debito fino a 12 mila euro, chiedendo di togliere da tale importo almeno 5 mila euro che corrisponde alla somma delle rate già pagate ma nulla.

Inoltre essendo ancora disoccupata e nulla tenente sia io che mia sorella cosa possono farmi? Io non voglio cedere alle loro condizioni non mi sembra giusto che non venga preso in considerazione che io ho pagato più della metà del finanziamento.

Difficilmente la società di recupero crediti fornisce al debitore interessato, che ne fa richiesta, l'estratto conto cronologico relativo alla sua esposizione debitoria. Questo perché, quando si acquistano pacchetti con migliaia di posizioni, la documentazione quasi mai accompagna la pratica ceduta e, quando ciò accade, poche sono le volte in cui essa viene conservata ordinatamente dal cessionario.

Quello che viene trasmesso dal creditore cedente è, nella maggioranza dei casi, una nota a margine in cui si indica l'importo dovuto dal debitore, e la ripartizione in capitale ed interessi.

Tuttavia, la richiesta del debitore, effettuata con raccomandata AR, di disporre, prima di adempiere alla pretesa, dell'estratto conto cronologico alla scopo di avere contezza dei tassi di interesse applicati e delle eventuali spese che gravano sul debito, è di fondamentale importanza.

Se tale richiesta rimane inevasa, si tratta di un indizio circa il fatto che il creditore cessionario non dispone dell'estratto conto cronologico o non ritiene di esibirlo, a causa ad esempio, della frequente applicazione di tassi di interesse che superano la soglia di usura fissata per legge.

L'omessa trasmissione al debitore richiedente dell'estratto conto cronologico vuol dire, in pratica, che il creditore non potrà adire un giudice per ottenere il decreto ingiuntivo, indipendentemente dalla circostanza che il debitore sia, o meno, patrimonialmente o redditualmente aggredibile.

La trattativa, pertanto, non potrà che restare limitata all'ambito stragiudiziale, con ampia facoltà del debitore di esigere una drastica riduzione dell'importo richiesto (saldo stralcio) o di non pagare affatto.

23 novembre 2015 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accordo bonario nel recupero crediti
accordo transattivo a saldo stralcio
che cosa è un accordo a saldo stralcio
come funziona il saldo stralcio
estratto conto cronologico

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Contratti di prestito – rinnovo della cessione del quinto
Il lavoratore dipendente che ha in corso una cessione del quinto può chiederne il rinnovo della cessione prima della data di scadenza. Questa è una caratteristica della cessione del quinto che può risultare molto importante. Procedere al rinnovo della cessione significa erogare un nuovo finanziamento che viene in parte utilizzato ...
Contratti di prestito – cessione del quinto dello stipendio
La cessione del quinto dello stipendio è un prestito non finalizzato all'acquisto di uno specifico bene o servizio ed è disciplinato dalla normativa sul credito al consumo. Il prestito attraverso la cessione del quinto dello stipendio può essere richiesto esclusivamente dal lavoratore dipendente, sia pubblico che privato, il quale ottiene ...
Contratti di prestito – credito su pegno e cessione del quinto
Nell'articolo affronteremo l'analisi di due caratteristici contratti di prestito: il credito su pegno e la cessione del quinto dello stipendio o della pensione, entrambi appartenenti alla categoria dei contratti di credito al consumo non rivolti all'acquisto di specifici beni o servizi. La cessione del quinto è una forma di credito ...
Quando il recupero crediti asserisce che non serve esibire un estratto conto cronologico del debito
Avevo scritto pochi giorni per una questione di un finanziamento che ho fatto 3 anni fa con la Santander di 10.000 euro purtroppo da piu di un anno e mezzo che ho perso il mio lavoro tempo indeterminato m sono trovata in difficolta per pagarlo . Adesso la banca inizialmente ...
Contratti di prestito – il prestito personale
Il prestito personale è una delle forme più comuni di contratto di prestito. Rientra nelle categorie previste per il credito al consumo e non è sottoposto ad alcun vincolo riguardo le modalità con cui viene impiegato il credito concesso. Con il contratto di prestito personale una somma viene erogata dalla ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca